Skip to content

Competere in un Oceano Rosso: il caso Esselunga

Subentro del primogenito, Giuseppe Caprotti (1989-2004)

Verso la fine degli anni '80, Giuseppe Caprotti ebbe un ruolo vitale per lo sviluppo di Esselunga; il primogenito di Bernardo iniziò la sua attività lavorativa all’interno di Esselunga, collaborando con vari uffici: ufficio tecnico e delle costruzioni, ufficio acquisti e ufficio sviluppo; come il padre, si recò anche egli in America, precisamente a Chicago, presso la Dominick’s, che era una catena di grande distribuzione americana, dove lavorò un anno come operaio e l’anno successivo negli uffici acquisti e marketing.

Da questa esperienza, nel 1989, importò in Italia un nuovo format, allora totalmente inesistente nel panorama distributivo europeo: il superstore all’americana, che con il “non food“ e il “one stop shopping”, che permise al cliente di Esselunga di fare tutta la spesa sotto un unico punto vendita. Esselunga entrò così nel mondo dei superstore inaugurando a Firenze in via di Novoli il suo primo negozio con all’interno anche il primo reparto di profumeria.

L’introduzione del non food nell’azienda, direttamente dal modello americano, permise di mantenere una sola struttura centrale gestionale, che dava vita a competenze sinergiche all’interno dell’ufficio acquisti e nella logistica di magazzino, consolidando una catena del valore molto competitiva per varie tipologie di prodotti, evitando grossi incrementi nei costi e migliorando il mark-up sui prodotti, di cui hanno beneficiato non poco i ricavi aziendali.

Nel 1994 Giuseppe creò l’ufficio marketing e comunicazione di Esselunga del quale diventerà il primo Direttore estendendo i settori di competenza a: i call center, le ricerche di mercato, la pubblicità, le promozioni ed agli spazi pubblicitari nei supermercati.
Se inizialmente l’ufficio marketing di Esselunga si concentrava su campagne pubblicitarie dai meri fini commerciali, in seguito i Caprotti si ispirarono alle grandi campagne americane, e reimpostarono la comunicazione legata al tema della promozione, al racconto del loro marchio ed alla valorizzazione dell’alta qualità dei prodotti venduti.

Infatti uno degli elementi chiave dell’immagine di Esselunga è legata alla narrazione che enfatizza la qualità dei prodotti, che si testimonia nell’introduzione di linee di prodotto dedicate.
Un esempio è la nascita nel 1996 del marchio Esselunga Naturama: una linea di prodotti freschi come frutta, verdura, carne, polleria e pesce, che si distinguono dagli altri prodotti perchè controllati durante tutta la loro filiera di preparazione, secondo i protocolli disciplinari e i processi di ciclo completo aziendali.

Questo nuovo modo di porre l’accento sull’azienda ed i suoi prodotti viene focalizzato dai Caprotti per creare un legame di fiducia tra il consumatore e l’Esselunga. Da questa idea nasce, nel 1995, la carta fedeltà Fidaty, su impulso di Giuseppe e Violetta Caprotti, che permise di accedere a sconti e promozioni, oltre che ad accumulare punti, per ritirare prestigiosi premi esposti su un catalogo a disposizione della clientela.

Nello stesso anno Giuseppe - su un'idea di Violetta - fece la sua prima campagna improntata sulla qualità ‹‹Da noi la qualità è qualcosa di speciale›› in collaborazione con l'agenzia Armando Testa che successivamente curò la seconda campagna dal titolo ‹‹Famosi per la qualità››.

Dal ‘95 in poi l’azienda si focalizzò sul miglioramento continuo in stile “total quality” attraverso differenti iniziative diedero al consumatore, un’idea sempre più olistica del marchio e di tutti i processi interni, dall’acquisto del prodotto, alla logistica, alla sistemazione di nuovi scaffali e alla realizzazione di nuovi settori all’interno del supermercato, in grado di soddisfare le esigenze della clientela.

Per questo nella seconda metà degli anni '90, su iniziativa di Giuseppe, vennero testati i primi due bar nei punti vendita di Parma e Sarezzo. Nel 2002 venne aperto, in via Ripamonti a Milano, il primo Bio Bar Esselunga che poi diventerà Bar Atlantic. Sempre in via Ripamonti, lo stesso anno, venne inaugurata la prima profumeria con marchio Olimpia Beautè che poi diventerà EsserBella.
Nel 1997 apre il primo panificio all’interno del negozio di via dei Missaglia a Milano.

Oggi i panifici presenti all’interno della catena Esselunga sono 120 ed impiegano oltre 2.000 dipendenti.
Nel novembre 1999, Esselunga creò, grazie ad un’idea nata da Giuseppe, la prima linea di prodotti di agricoltura biologica con il proprio marchio; l’azienda è stata la prima catena della GDO a vendere i prodotti biologici in Italia.
Nel 2001 partì la nuova campagna pubblicitaria istituzionale con un’incredibile galleria di personaggi famosi tratti dall’arte, dalla storia, dal cinema e dal costume.

Nel 2001 nasce la prima versione del sito E-commerce di Esselunga, che negli anni avvenire si svilupperà divenendo un punto di forza fondamentale per l’azienda.
Giuseppe Caprotti dal 2002 al 2004 è l’Amministratore Delegato di Esselunga fino a quando iniziarono degli screzi di metodo tra lui e il padre culminati con una pesante lite che, nel 2004, permise a Bernardo di estromettere dalla gestione dell'impresa di famiglia il figlio, considerato l'erede designato; Bernardo Caprotti così, riprese personalmente la gestione della società.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Competere in un Oceano Rosso: il caso Esselunga

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Aloisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scuola di Amministrazione Aziendale
  Corso: Sociologia
  Relatore: Alberto Daprà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia
esselunga
azienda
analisi economica
grande distribuzione organizzata
competere
oceano rosso
caprotti
vision mission
strategia e innovazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi