Skip to content

Accessibilità dei Siti Web nella Pubblica Amministrazione: Principi, Norme e Buone Pratiche

L'etica nella professione a servizio della PA

Preso atto della volontà politica, espressa nella normativa vigente, è compito delle istituzioni stabilire se siano maturi i tempi affinché l'esercizio dell'attività di creazione di prodotti software e di fornitura di servizi informatici debbano essere regolamentati da un codice etico, attraverso un Ordine professionale, come per le altre professioni le cui attività possono avere riflessi sulla sicurezza dell'intera società. L'argomento è all'ordine del giorno tra gli intellettuali addetti ai lavori, in cerca delle soluzioni per i rischi e le conseguenze che si possono presentare, a causa della penetrazione attraverso Internet nella vita quotidiana e privata, anche in modo inconsapevole da parte del singolo, da parte di agenti esterni.

Si pensi, ad esempio, all'estensione dell'impiego delle tecnologie dell'Internet of Things, utilizzate nella produzione di elettrodomestici dotati di sensori in grado di raccogliere e trasmettere informazioni quali posizione geografica, preferenze, presenza in casa; alla robotica e alla varietà di discipline coinvolte nella creazione di macchine, particolarmente se antropomorfe (roboetica); all'esercizio dell'e-democracy e dell'e-voting con i rischi di condizionamento di massa; il controllo lavorativo a distanza, e tanto altro ancora.
A maggior ragione la questione deve essere posta, quando si tratta di riflessi sulla vita delle persone delle fasce più deboli.

In attesa degli obblighi di comportamento professionale, che proverranno, presto o tardi, dalla legge, possiamo qui fare mente locale su alcuni aspetti dell'attività della professione di informatico, svolta per conto della Pubblica Amministrazione, che sono e saranno ineludibili, e che ogni professionista può intanto condividere sul piano etico/morale.

Possiamo partire dall'esistenza di un Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, emanato in attuazione della legge anti-corruzione (DPR n.62, 16 aprile 2013), in linea con le raccomandazioni OCSE in materia di integrità ed etica pubblica, a tutela del decoro, del prestigio e quindi dell'immagine dell'amministrazione pubblica. Il Codice indica i doveri di comportamento, indipendentemente dalla mansione specifica di ciascuno, non solo dei dipendenti delle PPAA, ma anche dei collaboratori esterni a qualsiasi titolo (art.2 c.3), al fine di assicurare la qualità dei servizi.

Dal momento che “è fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservarlo e farlo osservare”, esso costituisce una fonte imprescindibile su quelli che sono i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta a cui ogni dipendente o collaboratore esterno può ispirarsi quotidianamente. Il Codice di comportamento ci ricorda che il dipendente pubblico osserva la Costituzione e svolge i propri compiti nel rispetto della legge, perseguendo l'interesse pubblico.

L'art.3, comma 4, dice che “Il dipendente esercita i propri compiti orientando l'azione amministrativa alla massima economicità, efficienza ed efficacia”. Nella produzione del software, ciò significa che il responsabile dovrebbe saper scegliere una metodologia di progettazione e saperla applicare con la flessibilità che il caso specifico richiede, nell'ambito della materia dell'Ingegneria del software. L'Ingegneria del software, infatti, nata negli anni '60, è una disciplina ormai matura, ed è nata dall'esigenza che lo sviluppo del software diventasse una scienza ingegneristica, con basi teoriche e sperimentali, al fine di tenere sotto controllo i tempi, i costi, e la qualità della produzione. Non risponde ad alcun criterio di economicità, efficienza ed efficacia, un approccio superficiale e pioneristico alla creazione dei siti istituzionali, che devono essere considerati come un servizio al cittadino e progettati secondo normativa, e non come una vetrina per la visibilità del ministro o del dirigente.

In tema di orientamento dell'azione amministrativa all'economicità, efficienza ed efficacia, occorre evidenziare che l'Agenda digitale italiana necessita, per la sua esplicazione, di una gestione integrata delle fonti di finanziamento nazionali e comunitarie. Di qui scaturisce la necessità, nel campo delle iniziative di innovazione digitale, della coerenza con il Piano triennale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione, raccordandosi con gli investimenti fatti per produrre applicativi standard nazionali. Perseguendo con la politica delle iniziative locali, a strenua difesa dell'autonomia di ogni singola amministrazione, non ci saranno mai fondi sufficienti a garantire l'omogeneità dei servizi digitali al cittadino. Da un censimento del 2015, sappiamo che le pubbliche amministrazioni sono circa 13.820. Nel Piano triennale per l'informatica 2017-2019, nella descrizione del Contesto di riferimento (pag.9-10), si evidenzia che, a fronte di 32.000 dipendenti pubblici impiegati nell'ICT (comprensivi di PAC e PAL), esistono oltre 25.000 siti web. Da questi numeri si può dedurre che il sito non è stato inteso come un servizio digitale, ma come un “nice-to-have”, forse come un'occasione su cui esprimere una creatività altrimenti inespressa. La riduzione della spesa, descritta nel Piano triennale (pag.91 e segg.) e un maggiore controllo da parte di AGID avranno, da una parte, un effetto decongestionante nell'affare dell'Informatica pubblica, e dall'altra un miglioramento della qualità dell'offerta.

L'art.3, comma 5, del citato Codice di comportamento dice che rispetto ai destinatari dell'azione amministrativa “il dipendente assicura la piena parità di trattamento a parità di condizioni, astenendosi, altresì, da azioni arbitrarie che abbiano effetti negativi sui destinatari dell'azione amministrativa o che comportino discriminazioni basate su sesso, nazionalità, origine etnica, caratteristiche genetiche, lingua, religione o credo, convinzioni personali o politiche, appartenenza ad una minoranza nazionale, disabilità, condizioni sociali o di salute, età e orientamento sessuale o su altri diversi fattori”. Nella produzione del software, col quale si realizzano gli strumenti digitali con i quali si erogano servizi pubblici, il principio alla base di questa norma non può che riportarci al dovere di produrre nel rispetto della normativa sull'accessibilità. La disponibilità di risorse (capacità di calcolo, software free per la produzione applicativa, collegamenti di rete, competenze tecniche diffuse, ecc. ecc) non giustifica l'abbandono delle cosiddette “buone prassi” nella progettazione e nella corretta conduzione dei progetti, il che potrebbe essere definito, alla luce della normativa vigente, una pratica arbitraria.

All'art.8 c.1, il Codice di comportamento dice che “il dipendente … segnala al proprio superiore gerarchico eventuali situazioni di illecito nell'amministrazione di cui sia venuto a conoscenza.” Nella produzione del software, ciò vuol dire che ognuno, al proprio livello di competenza (analisi, progettazione, codifica, test, istruzione, ecce cc.), quando si accorge che la produzione in economia è destinata a non rispettare la finalità pubblica, anche solo per qualche aspetto, è tenuto a segnalarlo al proprio diretto superiore.

Analogo comportamento è richiesto in occasione di accordi finalizzati ad atti negoziali, nonché nella fase di esecuzione di contratti di fornitura di software. Se il dipendente riceve rimostranze orali o scritte sull'operato dell'ufficio, ne informa immediatamente, di regola per iscritto, il proprio superiore gerarchico o funzionale (art. 14 c.5).
Nello spirito dei principi dello stesso Codice, se il superiore riceve segnalazioni il cui contenuto non è in grado di comprendere o di interpretare, perché espresse in termini specifici e tecnici, le ndirizzerà al funzionario competente della medesima amministrazione affinché le riconduca al linguaggio giuridico/amministrativo. Se, infatti, il principio del rinvio per competenza è valido per i rapporti con il pubblico (art.12), sarebbe irrazionale che non possa utilmente essere adottato anche nei rapporti interni. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Accessibilità dei Siti Web nella Pubblica Amministrazione: Principi, Norme e Buone Pratiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fiorella Ragni
  Tipo: Tesi di Master
Master in Internet Ecosystem: Governance e Diritti
Anno: 2017
Docente/Relatore: Marina Buzzi
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione pubblica
accessibilità
tecnologie assistive
norme antidiscriminatorie
etica professionale
siti web pubblici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi