Skip to content

Online Grocery: acquisti di impulso e ruolo del device

Processo di acquisto nell’online grocery

Il processo di acquisto, online e offline, inizia di solito con il riconoscimento di un problema/bisogno, per cui il consumatore sente la necessità di acquistare uno o più prodotti. Il grocery shopping si differenzia dagli altri acquisti per la frequenza, in quanto quella della spesa alimentare è un’attività ricorrente, di routine.
I motivi che potrebbero spingere a scegliere il canale online sono diversi.

Secondo una ricerca condotta nel 2016 sulle variabili che influenzano la scelta del canale online per la spesa e l’ammontare speso è emerso come alcune variabili legate alla convenienza e al “food lifestyle” hanno un impatto significativo sulla scelta di tale canale. In modo particolare il tempo a disposizione del consumatore, i prezzi più bassi e la propensione alle novità influenzano positivamente l’utilizzo dell’online grocery. Un’ulteriore ricerca sulle intenzioni di acquisto nel canale online ha messo in evidenza come il risparmio di tempo e fatica e la facilità nell’utilizzo e nella ricerca dei prodotti sono variabili che inducono il consumatore a scegliere tale canale. Inoltre, se si sceglie la modalità Click-and-Collect si può usufruire di tali vantaggi senza dover pagare le spese di consegna, evitando una delle principali barriere che frena il consumatore dall’acquisto online.

In merito al comportamento del consumatore online, e in particolare nel settore grocery, Rohma A. e Swaminathan V. hanno individuato quattro tipologie di consumatori, sulla base delle motivazioni che li spingono ad acquistare online: Convenience buyers, Variety seekers, Balanced shoppers e Store-oriented shoppers. I primi sono coloro che acquistano online spinti prevalentemente dal fattore prezzo. Sono alla continua ricerca di prodotti a basso prezzo e sconti, e trovano che il canale online possa assecondare tali necessità. I Variety seeker sono invece coloro che scelgono tale canale in quanto riescono a trovare online una maggiore varietà di prodotti e a reperirli più facilmente che in negozio. I Balanced shopper sono invece acquirenti motivati all’acquisto online sia dalla convenienza che dalla ricerca di varietà. Infine, gli Store-oriented shopper, che sono invece coloro che preferiscono il canale offline.

Le fasi di ricerca delle informazioni e di valutazione delle alternative sono le fasi del processo di acquisto che, attualmente, sia chi acquista online, sia chi acquista in negozio, decide di solito di effettuare con l’aiuto del web. L’uso di Internet è fondamentale per il consumatore, ma anche per le sorti del retailer. Infatti, comparando i prezzi, l’assortimento e le spese aggiuntive, si giunge a decidere da chi acquistare. Il processo di acquisto online può partire dal motore di ricerca o direttamente dal sito Internet del retailer. In una ricerca condotta nel Regno Unito è emerso che il motore di ricerca viene utilizzato per cercare generali informazioni, mentre nel momento in cui si vuole acquistare, lo shopping parte direttamente dal sito Internet del rivenditore.

La fase vera e propria di acquisto può risultare a volte complicata. Il fattore preso in considerazione maggiormente è la varietà e la selezione dei prodotti offerti, così come anche il prezzo, per il grocery alimentare. Capita spesso che il consumatore decida di rimandare l’acquisto, di cambiare sito o di farlo in negozio. Non abbiamo dati sul tasso di abbandono del carrello per i consumatori che fanno la spesa online, ma in generale il conversion rate nell’e-commerce nel 2017 è stato dell’1,6%, per cui su 100 utenti che si collegano al sito e-commerce, meno di 2 completano l’acquisto.

Nel processo di acquisto online infatti vengono meno molti stimoli presenti in-store: il consumatore online non è “costretto” a percorrere le corsie del supermercato per trovare un prodotto, per cui risulta più difficile per il retailer trasferire le tecniche di comunicazione utilizzate in negozio (store layout, visual merchandising) nel contesto online. Anche per questo motivo molti consumatori hanno dichiarato che è meno probabile che facciano acquisti di impulso quando comprano online. Per sopperire alla mancanza del contatto fisico con il prodotto, elemento fondamentale nel processo di acquisto nei negozi tradizionali, nel contesto online è necessario per i siti e-commerce alimentari avere una buona struttura del sito internet, che deve essere intuitivo e semplice nell’uso da parte del consumatore. È importante che il sito riporti tutte le informazioni necessarie sui prodotti in primis (come ad esempio le informazioni nutrizionali, la provenienza) che possono aiutare il consumatore ad effettuare una valutazione, così come anche tutto ciò di cui il consumatore potrebbe aver bisogno per l’acquisto e la consegna.

Coloro che acquistano regolarmente su Internet hanno inoltre dichiarato che per l’acquisto di questo tipo di prodotti (beni di largo consumo) vorrebbero che i retailer personalizzassero le offerte sulla base di ciò che acquistano regolarmente.
I consumatori possono adottare diversi metodi di navigazione del sito internet, anche se ciò dipende in prevalenza da come è strutturato il sito stesso. In ogni caso la ricerca dei prodotti può essere effettuata in modi diversi:

- tramite la barra di ricerca: se il consumatore sa già cosa vuole acquistare, questo è il metodo più veloce e facile da usare;
- tramite il menu dei prodotti, per categoria: se il consumatore non ha già in mente cosa acquistare o vuole effettuare un confronto tra le marche o di prezzo;
- dalla sezione “offerte”: se il consumatore cerca prodotti in sconto, così come avviene in negozio, in cui di solito si possono trovare isole promozionali o offerte speciali in testata di gondola;
- dalla sezione preferiti: se il sito offre la possibilità di inserire i prodotti scelti nei Preferiti, in modo tale da rendere l’acquisto di prodotti abituali più veloce;
- combinando più modalità.

Da una ricerca di ReStore sono emersi alcune considerazioni interessanti inerenti al consumatore e alle modalità di scelta dei prodotti e di acquisto online, in Italia. Il cliente digitale cerca soprattutto di risparmiare tempo e tale tendenza è confermata anche nel settore grocery: l’utente impiega mediamente 30 minuti per effettuare la spesa di prodotti “da supermercato” e solo 1 minuto e 30 secondi per effettuare il check-out una volta riempito il carrello virtuale. Inoltre, la modalità di ricerca dei prodotti avviene maggiormente tramite la barra di ricerca per nome generico del prodotto e non per brand. Chi usa invece il menu delle categorie, risulta utilizzarne solo il 5% delle 300 disponibili, un’ulteriore conferma all’ipotesi che è meno probabile che il consumatore acquisti prodotti in modo impulsivo.

Da un’ulteriore ricerca, condotta da RichRelevance nel 2018, sul comportamento dei consumatori nell’acquisto di beni alimentari online in Europa (Regno Unito, Francia e Germania) è emerso come chi è già famigliare con gli acquisti grocery online, richieda più personalizzazione e automatizzazione nel processo di acquisto. Vorrebbe ad esempio degli avvisi sugli acquisti preferiti/frequenti, la proposta automatica di prodotti alternativi, se quelli scelti risultano non disponibili o di suggerire altri prodotti, sulla base di quelli inseriti nel carrello, per completare la preparazione di piatti o ricette.

Dopo aver completato il processo di acquisto, il consumatore sceglie le modalità di pagamento, ritiro o ricezione dell’ordine effettuato (paragrafo: Modelli di business nell’e-grocery). Nel momento del check-out è possibile procedere direttamente al pagamento, ma molti siti offrono dei reminder o dei suggerimenti al consumatore primo che egli proceda alla finalizzazione dell’acquisto, ad esempio sui preferiti che non sono stati aggiunti al carrello, su prodotti in offerta o su nuovi prodotti che ci suggerisce di provare.
A seguito del pagamento, il consumatore effettuerà le proprie valutazioni post-acquisto, in merito a diversi aspetti: la facilità nell’uso del sito web, la semplicità nella ricerca dei prodotti, la puntualità nella consegna e infine la qualità dei prodotti ricevuti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Online Grocery: acquisti di impulso e ruolo del device

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Stelluti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: Trade marketing e strategie commerciali
  Relatore: Benedetta Grandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esselunga
ecommerce
online
grocery
mobile
impulso
spesa
desktop
egrocery
acquisti di impulso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi