Skip to content

Analisi e ipotesi di sviluppo del sistema turistico del Guilcier

Il lago Omodeo: una risorsa non sfruttata

La presenza del lago Omodeo, com’è stato detto, è uno degli elementi più importanti dell’area in questione ma, fino a questo momento, anche uno dei meno valorizzati. Fino a poco tempo fa, mancava infatti la consapevolezza di possedere un patrimonio che potrebbe rivelarsi interessante per i turisti, mentre solo nell’ultimo periodo i paesi hanno iniziato a riflettere sulla questione e a ideare dei progetti innovativi per valorizzare l’area. Esemplare è, in questo senso, l’ultimo libro edito dalla casa editrice Iskra a cura di Giuseppe Deiana, dal titolo Il lago Omodeo Quale futuro?(2008), in cui viene presentata una serie di ipotesi di valorizzazione, non solo del lago ma anche della zona circostante, ipotesi talvolta realizzabili talvolta piuttosto avveniristiche, esposte per lo più in senso provocatorio. Tuttavia l’opera risulta essere estremamente interessante per le tesi esposte e per la descrizione completa e esaustiva del territorio, ma potrebbe essere ancora più importante se riuscisse a realizzare il proprio obiettivo di indurre i comuni circostanti, i soggetti pubblici e privati a fare qualcosa di più in questo senso.
Il sito potrebbe risultare molto interessante sia del punto di vista naturalistico sia dal punto di vista storico. Le vicissitudini che hanno portato alla nascita del lago e alla creazione delle due dighe hanno coinvolto tutta la comunità locale e fanno parte perciò della storia dell’area. Il lago Omodeo nacque nel 1924 quando furono conclusi i lavori per la realizzazione della diga di Santa Chiara, in territorio di Ula Tirso, iniziati nel 1919. Lo sbarramento fu realizzato con l’obiettivo di regolare l’acqua del fiume Tirso e creare il bacino artificiale, ma consentì anche di realizzare un insieme di infrastrutture che determinarono lo sviluppo dell’elettrificazione in Sardegna (Piras, 2008). Alla realizzazione della diga, che fu inaugurata il 28 aprile 1924 alla presenza del re Vittorio Emanuele III, parteciparono circa 16 mila lavoratori, tra cui numerose maestranze locali quali scalpellini, cavatori, minatori che contribuirono a curare anche i dettagli estetici della struttura. Per dare alloggio ai numerosi lavoratori fu costruito il villaggio di Santa Chiara, costituito da alloggiamenti per operai e per il personale tecnico e dotato di tutti i servizi necessari. Il villaggio, in seguito rimaneggiato, rimase abitato fino a pochi decenni fa dai dipendenti della S.E.S. (Società Elettrica Sarda) e successivamente dell’Enel, la quale vi aveva collocato una centrale di trasformazione. Alla fine degli anni Ottanta, a causa della dismissione della centrale idroelettrica, il villaggio fu abbandonato e attualmente si trova in un totale stato di degrado. Negli anni Sessanta e Settanta si studiò la possibilità di creare una nuova diga, in quanto quella esistente non dava sufficienti garanzie di sicurezza. I lavori di costruzione iniziarono nel 1982 e la nuova diga Eleonora d’Arborea fu inaugurata il 23 gennaio 1997 dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Il nuovo bacino, che è lungo 25 km e raggiunge una larghezza massima di circa 5 km (superficie 29,5 kmq), sta ormai sommergendo terreni, siti nuragici, abitazioni ormai disabitate, l’antica foresta fossile, ma anche la vecchia diga di Santa Chiara, di cui tra poco tempo non rimarrà che il ricordo. Per questo motivo il sito potrebbe essere valorizzato dal punto di vista storico e culturale, attraverso il ricordo delle vicissitudini che hanno portato alla sua creazione, tramite mostre ed esposizioni che ne ripercorrano le tappe principali, per trasmetterne la memoria alle generazioni future, ma anche per diffonderne la conoscenza ai forestieri. Inoltre il percorso potrebbe comprendere anche gli altri siti intorno al lago, la cui storia è stata in qualche modo influenzata dalla sua presenza. L’esempio più importante potrebbe essere l’abitato di Zuri, frazione di Ghilarza, il quale oggi sorge in una posizione sopraelevata che si affaccia sul lago, ma in passato sorgeva proprio nel luogo in cui oggi si trova il bacino artificiale. Per questo motivo la sua storia è molto affascinante. Con la costruzione della diga di Santa Chiara, si capì che il villaggio sarebbe andato sommerso sotto le acque del nascente lago. Le abitazioni furono perciò abbandonate dai residenti e fu deciso di costruire il nuovo villaggio in una posizione un po’ più alta, là dove si trova attualmente l’insediamento. La chiesa parrocchiale del villaggio, la famosa chiesa di S. Pietro, bellissimo esemplare di architettura tardoromanica in trachite rossa, fu oggetto di un’operazione definita di anastilosi, con la quale si intende “la ricostruzione di un monumento secondo le sue forme e con i materiali originali” (Sanna, 2008). A partire dal marzo del 1923, la chiesa fu interamente smontata in circa 28 giorni e nel 1925 i massi, numerati, furono trasportati nel sito in cui si trova il paese e la chiesa fu ricostruita pezzo per pezzo. In realtà non tutti i conci furono ricollocati nella posizione originale, ma soltanto quelli delle parti decorative e architettoniche. Tuttavia, la sua bellezza e la sua storia basterebbero per rendere il monumento un’ importante meta di un possibile itinerario attorno al lago Omodeo. E’ chiaro che per raggiungere questo obiettivo, è necessario rendere fruibile la chiesa ai visitatori, cioè renderla visitabile al suo interno. Attualmente infatti, la chiesa rimane chiusa, e può essere visitata solo richiedendone l’apertura ad una signora del paese. Ovviamente nessun viaggiatore che si reca nella località è a conoscenza di questo, perciò la chiesa viene purtroppo ammirata soltanto all’esterno.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi e ipotesi di sviluppo del sistema turistico del Guilcier

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Pinna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Gavino Mariotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

casa museo a. gramsci
fordongianus
guilcier
lago omodeo
nuraghe losa
santa cristina paulilatino
sistema turistico
sistema turistico locale
sviluppo turistico
turismo
turismo sardegna
unione dei comuni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi