Skip to content

China and Europe’s Energy Security in Sub-Saharan Africa: similarities and challenges

EU and China's Scramble for Energy Sources in SSA

The new scramble for African energy resources is a geo-economic competition between the world’s major powers to “conquer” the African countries’ market for “their” companies. Neocolonialism is, then, the new form of foreign influence in African countries, where notwithstanding the achievement of political independence, the economic control and the consequent indirect political power lie with overseas governments and companies. Both Western states and China use aid as a new form of foreign influence, while helping Africans to get out of poverty.

Some experts consider aid as the primary cause of African underdevelopment, which increases corruption among political elites, creates a dependency culture and distorts trade. The number of people living in poverty in Africa continues to rise because of the exports of primary goods and resources such as oil and copper that create no benefit for the population but just for a political elite.

In addition, poverty and violence are directly interlinked. In a country with poor governance and rising poverty rates, the possibilities of a civil crisis increase exponentially. As it is demonstrated by the conflicts in South Sudan in 2011 and in Burundi in 1993, poverty and unemployment were among the main reasons that explain why young people joined rebel groups. In Nigeria only 1% of the population obtains the benefits from 80% of the billions of dollars of oil revenues. This unequal distribution has generated social turmoil and escalating violence. If there are neighboring States with similar social conditions, there is a high chance that the resource conflict will spill over borders, creating regional instability. “Poverty inequality and conflict are, then, interrelated.” Piracy-related attacks offshore Somalia and now also in Nigeria are mainly caused by poverty. Eradicating poverty will halve the number of people attempting to improve their wealth via oil bunkering and piracy.

In doing so, the scramble for African energy resources also has the role of creating dependency and thus provoking the amplification of the “resource course”, which will lead countries that have their economies based on resources exports to experience the Dutch Disease. This encourages the enrichment of few people, the spread of corruption and increase of poverty rates. In fact, a rising level of unemployment, bureaucracy-related corruption and extreme poverty plagues the Niger Delta. Moreover, the oil companies caused significant environmental damage that adversely affected the region’s fishing and agricultural industries, thus hindering the possibility for youths to enter the economy. The lack of appropriate policies to solve these issues provoked an armed revolt in 2000s, aiming to control the regional oil resources. The situation escalated from bunkering, to piracy and kidnappings. The attacks continue to proliferate offshore Gulf of Guinea mainly for financial purposes. In the last few years, this lucrative trend expanded to the neighborhood - Benin, Equatorial Guinea, Togo, Ivory Coast and Ghana. This is the result of the actions undertaken by Western companies and states behavior until now.

Today, the Old Powers’ influence in Africa is decreased in comparison to the past, and the US and China have a stronger presence on the continent. However, China with its slogan and objective of a “peaceful development” tries to not represent a threat to African sovereignty, at least on the political discourse. Especially because Beijing is fully aware that China is far away from having the same military power than the US and so it is moving the conflict on a more advantageous ground: economy. China military expenditure is rising and already in 2008 was the second world’s military spender. Nevertheless, a conflict between the US and China seems unlikely – in particular taking into account the intense interconnections between them – “if it comes to a battle for the world’s diminishing resources, […] Africa could be a battleground.”

China has neither intention nor need, at least in the current situation, to provoke a war with the US, even if there is a rivalry in Asia-Pacific. There is no significant reason to provoke a massive conflict with the US, which would have terrible consequences. Instead, China will continue and boost the cooperation with the US, including maritime security, and is already doing it, in particular concerning counterpiracy. China-US relations on Africa will be characterized by some common interests on several issues but also by rivalry on others. Counter-terrorism and counter-piracy are a problem for both China and the US; thus, they are willing to cooperate to fight common threats. But, at the same time, China is acting in order to indirectly weaken the political power and influence of the US in Asia – as well as in Africa – and counts on the expectation that, in the long-term, the US would not be able to maintain their prevailing position and even maybe their presence at least in Asia. The Chinese government hopes that this behavior will eventually lead to the natural elimination of the US from the competition nearby China’s territory. Crises and wars with regional powers are more likely close to the Chinese shores than far away from them in any time soon. But, it doesn't hinder cooperation against common threats such as terrorism or piracy along the Sea Lines Of Communication (SLOC) commonly used in peacetime. We also should not forget that Chinese strategy to provide its own maritime security not only at its borders but also far away from Chinese shores, is not a hidden plan: it is official and has clearly been in process since the 1980s. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

China and Europe’s Energy Security in Sub-Saharan Africa: similarities and challenges

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Taccetti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali e Studi Europei
  Relatore: Alberto Tonini
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 103

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
oil
security
energy
ghana
europe
china
history
challenges
sub-saharan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi