Skip to content

L’acquisizione e il potenziamento delle abilità di comunicazione-relazione in un soggetto con Rm

Alcune caratteristiche della personalità nei soggetti con Rm di tipo lieve

Normalmente il termine personalità descrive le differenze relative al modo con cui la persona si rapporta alle persone e al mondo fisico che la circonda. In questo senso ogni persona è diversa perché è il risultato dell’integrazione dinamica dei fattori temperamentali ed esperienze. Con il termine temperamento si individuano le caratteristiche specifiche di ogni persona, presenti già nei primi mesi, relative:
- alla reattività individuale (se reagisce alle situazioni in modo attivo o passivo);
- allo stile comportamentale (se si preferisce stare in compagnia degli altri o da soli);
- all’emotività (se si provano e si esprimono forti emozioni o meno).
Questi tratti temperamentali restano abbastanza stabili nel tempo. Le esperienze, i legami affettivi che si creano, le relazioni interpersonali, incidono però notevolmente nel modificare questi tratti. La personalità si costituisce allora sulla dinamica tratti temperamentali ed esperienze. Da questa interazione tra dinamiche psicologiche e socio relazionali la personalità emerge come individuazione di modalità di rapportarsi nel mondo che possono variare solo parzialmente nel tempo. I problemi che possono evidenziarsi nella costituzione della personalità, in caso di ritardo mentale, sono molteplici e variano in relazione ad una serie di fattori che possono essere:
• la gravità complessiva del ritardo: deficit cognitivi molto severi implicano difficoltà anche nel riconoscimento e controllo delle proprie dinamiche affettive, difficoltà di riconoscere gli altri come persone dotate di emozioni e sentimenti propri, tendenza a rimanere ancorati a modalità egocentriche di interpretazione dei dati esterni, ecc.;
• i deficit sensoriali e/o motori associati al deficit mentale: complicano il quadro clinico, rendono più difficoltosi i processi di interpretazione degli stimoli, di apprendimento, di relazione con la realtà fisica, di costruzione di una positiva immagine di sè;
• la presenza di un ambiente familiare che sia sufficientemente protettivo, senza rendere passivo il soggetto, e sufficientemente stimolante, senza creare ansie da prestazione, svolge una funzione di contenimento e di promozione delle capacità residue e facilita la costruzione di una positiva identità;
• un contesto scolastico e sociale attento ai bisogni della persona amplia la funzione educativo-genitoriale della famiglia, diviene agenzia di socializzazione se propone figure di identificazione secondaria positive, occasioni di incontro e confronto, una possibilità di relazione di riconoscimento di ruoli.
Tra le problematiche che si possono riscontrare elenchiamo:
• Il ritardo nell’acquisizione dello sviluppo psicomotorio nel primo anno di vita incide nel rapporto madre-figlio. Infatti, normalmente il rapporto made-figlio evolve da una situazione in cui il bambino si sente indifferenziato dalla madre e non percepisce i limiti del proprio corpo ad una progressiva separazione. La madre è sempre un supporto importante, ma possiede una sua individualità, e il bambino percepisce il suo corpo come differenziato da quello materno. E’ il primo passo per poi concepirsi anche con una psiche distinta da quella materna. In caso di deficit cognitivo questo processo di separazione e individuazione si protrae molto in là nel tempo e nei casi più gravi non si verifica completamente neppure in età adulta.
• Le limitate capacità di interpretazione degli stimoli, di motricità volontaria, di memoria, di capacità rappresentativa del pensiero rallentano o impediscono l’acquisizione della nozione d’oggetto. Vale a dire che il bambino non concepisce che un oggetto possa essere dotato di una sua realtà, indipendentemente dall’atto di percepire: se egli non lo vede è come se l’oggetto non esistesse. Per questa ragione l’acquisizione dell’idea che il mondo abbia una sua stabilità si protrae nel tempo. Questa vale per gli oggetti, come per le persone e per questa ragione il bambino prova ansia se non vede la figura materna. Nei casi di handicap mentale questa situazione perdura ben oltre l’età prescolare.
• Le tappe dello sviluppo psicomotorio sono rallentate. Questo comporta un’alterata percezione dello schema corporeo e una difficoltosa organizzazione spazio-temporale e perciò compaiono ripercussioni sulle capacità di orientamento nel spazio e nel tempo. Quando poi, associato al ritardo mentale,vi è anche una disabilità motoria emerge anche, dal confronto con gli altri, una percezione negativa del proprio corpo.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’acquisizione e il potenziamento delle abilità di comunicazione-relazione in un soggetto con Rm

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Petrucci
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in SSIS – Scuola Interateneo di Specializzazione per gli Insegnanti della Scuola Secondaria
Anno: 2008
Docente/Relatore: Nunzia Piazzolla
Istituito da: Università Ca' Foscari di Venezia - SOS 800
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi

//Since preload is not supported in firefox until now (according to this) browsers the only way to do it is to declare it twice in the one rel tag or two separate tags.