Skip to content

Le operazioni di fusione e acquisizione in ambito bancario: focus sul caso Crédit Agricole

Aspetti economici delle operazioni di M&A

In tutti i paesi fortemente industrializzati, il fenomeno delle “fusioni e acquisizioni” per motivi prevalentemente economici si è esteso cospicuamente nelle politiche aziendali dei manager, comportando non solo un cambiamento nella proprietà o nel controllo di un’azienda, ma nell’attingere ad un maggior risparmio di costi, aumento di ricavi o per creare opportunità di crescita, puntando su innovazione e ricerca.

Dalla seconda metà degli anni Ottanta, soprattutto nei mercati anglosassoni, il trend di concentrazioni aziendali (M&A) si è venuto a caratterizzare su alcuni settori (alimentare, automobilistico, distribuzione), mentre per altri la formula imprenditoriale vincente si è dimostrata quella della flessibilità e delle dimensioni aziendali contenute (pur in presenza dell'appartenenza a gruppi industriali rilevanti in grado di garantire alcuni benefici legati all'appartenenza a gruppi multinazionali).

Quando parliamo di vantaggi economici derivanti dalle operazioni di M&A, occorre fare un ulteriore distinzione tra le tipologie di fusione: le fusioni orizzontali, cioè quando due imprese operano nello stesso settore e si uniscono per rafforzare al meglio il proprio potere di mercato, utilizzando le possibili sinergie di costo e le fusioni verticali quando due o più imprese che pur operando in fasi differenti dello stesso processo di produzione, presentano una certa relazione economica, quale catena produttiva: fornitore-produttore-rivenditore.

In ultimo la fusione conglomerale, tra imprese che producono beni e servizi differenti con l’unico scopo di diversificazione delle attività e realizzazione di economie di scopo, cioè di produzione congiunta, senza generare alcun incremento di valore per l’azionista. Un esempio di quest’ultimo aspetto è il caso di Benetton che producendo capi di abbigliamento, decise di acquisire il settore delle autostrade per l’Italia, con l’unico scopo del fatto che autostrade garantiva i medesimi flussi di cassa.



Con queste distinzioni in mente, andiamo a vedere gli ambiti economici più rilevanti di queste operazioni di M&A, cioè di tutte quelle ragioni, attraverso le quali due aziende dovrebbero valere più che separate.

Queste motivazioni, sebbene conducano a veri benefici, sono a volte semplici miraggi che spingono manager incauti verso operazioni disastrose. Molte M&A seppur opportune sotto il profilo economico si rivelano degli insuccessi perché i manager non sono in grado di gestire la complessa fase di integrazione fra due imprese con metodi contabili, politiche di retribuzione, processi produttivi e culture aziendali differenti (vedi Sandri, Allen. 2011, pp.740-741).

Il principale fattore stimolante sia per una fusione orizzontale che per quella verticale è sicuramente il potere di mercato, il quale è in grado di conferire all’impresa integrata una maggiore quota di mercato ed eventualmente di eliminare un suo diretto rivale concorrente, anche se ciò può comportare l’intervento dell’Autorità antitrust, la quale può intervenire per vietarla o eventualmente ridurla a favore di una maggiore concorrenza sul mercato.

Potere di mercato che per essere efficiente, deve dipendere da molti fattori, quali: il grado di concentrazione dei venditori, infatti se l’industria è frammentata, una fusione tra due piccole imprese può avere poco effetto sul livello di concorrenza sul mercato; la capacità produttiva dei rivali, in quanto ad una mancata reazione dei rivali, sicuramente sarà rafforzato il potere di mercato risultate dalla fusione; facilità di entrata, poiché se l’entrata è difficile il potere di mercato è più alto; la domanda di mercato, per cui tanto più l’elasticità della domanda rispetto al prezzo è bassa, tanto più è alta l’opportunità di aumentarne il prezzo.

Ogni manager sembra esser convinto che la sua azienda diventerebbe più competitiva, qualora essa potesse essere un po' più grande, sfruttando a maggior ragione le economie di scala. Per poterle conseguire è necessario che i processi di produzione tra le società siano al quanto il più integrate possibili. Tali economie di scala, funzionano soprattutto nei mercati di grandi dimensioni, ovvero quando una grande impresa è in grado di riuscire a ridurre i suoi costi unitari utilizzando il surplus di capacità produttiva e/o distribuendo i costi su un maggior numero di unità prodotte.

Un chiaro esempio di quest’ultime può essere l’operazione di fusione avvenuta tra due società petrolifere americane, tra Chevron e Texano, alle quali permise di ottenere nel giro di un anno dopo la suddetta fusione un risparmio di costi integrati pari a 1,8 miliardi di dollari. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le operazioni di fusione e acquisizione in ambito bancario: focus sul caso Crédit Agricole

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Santoni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Paola Brighi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fusioni bancarie
m&a
economia di scala
potere di mercato
fusione per incorporazione
fusione per unione
crédit agricole

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi