Skip to content

Musica digitale e Peer to Peer: una ricerca sugli aspetti psicosociali

Aspetti legali: regolamentazione, vincoli e prospettive future

Le leggi inerenti il diritto d'autore sono molto diverse da Paese a Paese e fanno diretto riferimento a regolamentazioni locali di carattere peculiare.
In Germania ad esempio, la violazione del diritto d'autore viene equiparata al reato di furto e le pene derivanti dalla violazione del diritto d'autore sono le più severe in Europa.
Sottoposti a tali leggi sono anche i minorenni e i trasgressori vengono puniti con un massimo di cinque anni di reclusione. In Francia gli inventori di programmi P2P sono puniti con una reclusione fino a tre anni e chi scarica musica illegalmente è punibile con una multa di 30 euro che aumenta di sei volte per chi mette in condivisione file on line.
Nonostante l'eterogeneità diffusa sotto il punto di vista giuridico, esistono accordi internazionali che regolamentano il diritto d'autore dal punto di vista formale. Tuttavia tali patti aggiungono molto poco in termini di regolamentazione giuridica e di lotta alla pirateria dal punto di vista pratico e operativo, limitandosi a sancire un impegno formale degli stati membri nella lotta alla pirateria e nel formalizzare un impegno condiviso a rispettare norme di uguaglianza nel trattamento procedurale dei cittadini all'interno degli stati membri.
In accordo con questa filosofia nell'art. 54 della Legge 31 maggio 1995, n. 218 - "Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato" si afferma esplicitamente che "i diritti su beni immateriali sono regolati dalla legge dello Stato di utilizzazione."
Tale legge è in linea con i principi sanciti dalla Convenzione di Berna (CUB) nel 1886 e dalla Convenzione Universale sul Diritto d’Autore (CUA) del 1952, in seguito rivisitata e firmata nel 1971 a Parigi con l'entrata degli U.S.A. assieme ai 32 stati già membri dal 1952.
Il diritto d'autore in Italia è disciplinato dalla legge n. 633 del 22 aprile 1941, la quale prescrive che tutti i brani musicali, indipendentemente dal loro formato (comprende quindi gli mp3) e qualunque siano i mezzi di diffusione (p2P incluso), sono coperti da copyright a meno che gli autori non rinuncino espressamente a tali diritti o nel caso in cui siano trascorsi più di 70 anni dalla morte del proprietario dei diritti di proprietà intellettuale.
La legge 128 del 21 maggio 2004, data dell'entrata in vigore del decreto Urbani, sancì in Italia un inasprimento delle pene per la condivisione di materiale sottoposto a copyright e andò ad introdurre sanzioni penali per chi condivide materiale protetto da diritti d'autore e amministrative per chi pratica il semplice download dei file incriminati.. L'introduzione della locuzione "a fini di lucro" con "per trarne profitto", operata da questa legge, avrebbe aggiunto nella legge 22 aprile 1941, n. 633 (sul diritto d'autore) la possibilità di applicare sanzioni amministrative e penali a chi si renda protagonista della violazione del copyright.
In accordo con tale postulato, il mancato acquisto di brani musicali determina un risparmio oggettivo per gli utenti che traggono così profitto (indirettamente) scaricando musica digitale gratuitamente.
In termini pratici e per motivi tecnici il peer to peer è formalmente illegale in Italia dal momento che i client svolgono contemporaneamente il ruolo di server, scaricando e condividendo allo stesso tempo file protetti da diritto d'autore e traendone profitto per via indiretta.
Gli aspetti legislativi legati alla regolamentazione e al diritto d'autore sono in aperto contrasto con le logiche intrinseche alla nascita e allo sviluppo di internet che costituisce da sempre il terreno della libera condivisione e cooperazione, arrivando a essere definito come il luogo ideale nel quale mettere in atto ciò che è meglio conosciuto con il termine di e-democracy. A conferma di ciò e in armonia con la filosofia dell'open source è nato, in opposizione all'inasprirsi delle leggi sul copyright, il concetto di copyleft, il quale individua un modello di gestione dei diritti d'autore basato su un sistema di licenze grazie alle quali l'autore (in quanto detentore originario dei diritti sull'opera) indica ai fruitori dell'opera che essa può essere utilizzata, diffusa e spesso anche modificata liberamente, pur nel rispetto di alcune condizioni essenziali.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Musica digitale e Peer to Peer: una ricerca sugli aspetti psicosociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierluigi Lido
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Psicologia delle Organizzazioni e Servizi (Polo Cesena )
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Giovanni  Mariani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accessibilità
assenza di errori
comportamento pianificato
facilità d'uso
fiducia
fiducia nelle tecnologie
fruibilità
lippert
mariani
playfullness
tam
tist
trust
utilità d'uso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi