Skip to content

Le pendici nord-orientali del Palatino tra tarda antichità ed età moderna (Ambiente 2). Contesti, stratigrafia, storia

Ceramica a pareti sottili

Il primo tentativo di sistemazione tipologica di questa classe è quello operato da Marabini, per i materiali provenienti da Cosa, basato essenzialmente sulle caratteristiche morfologiche dei vasi. L’incompletezza di questo repertorio tuttavia dipende dalla scarsa attenzione rivolta verso i centri di produzione dei recipienti a pareti sottili.
Le opere di Mayet e di Greene hanno poi cercato di supplire a questa mancanza, chiarendo il quadro delle produzioni. Il primo si sofferma infatti su quelle ispaniche, il secondo sulle produzioni galliche e renane, ponendo l’accento anche sulla problematica storico-economica. Infine, la pubblicazione all’interno dell’Atlante delle Forme Ceramiche, II di un repertorio tipologico dei vasi in ceramica a pareti sottili, curato da A. Ricci, ha permesso di tirare le somme sullo stato degli studi.
La ceramica a pareti sottili nasce in un’area localizzabile tra il Lazio settentrionale e la Toscana meridionale, ed è proprio in questa zona che si sono avuti i più massicci rinvenimenti di bicchieri Ricci 1985 1/1 - cioè dei più antichi vasi prodotti in questa classe - databili a partire dal secondo quarto del II secolo a.C. Le forme maggiormente prodotte sono vasi potori da mensa: bicchieri, boccalini, coppe e anche unguentari, destinati, questi ultimi, a contenere profumi, sostanze oleose, balsami e medicinali. A partire dalla seconda metà del I secolo d.C. si assiste ad uno scadimento della qualità dei prodotti con la scomparsa pressoché totale dell’apparato decorativo, il progressivo ispessimento delle pareti e una maggiore standardizzazione dei vasi; non è un caso che i recipienti in ceramica a pareti sottili, a partire da questo periodo, divengano difficilmente distinguibili da quelli in ceramica comune.
Il successo immediato riscontrato da questa classe fu tale che da subito cominciarono a sorgere numerose produzioni regionali e provinciali, tanto che risulta difficile l’attribuzione ai diversi centri di produzione. Gli unici elementi utili consistono nel valutare l’area di diffusione di elementi decorativi, morfologici o di impasto peculiari di alcuni vasi61. Le prime aree produttive identificate sono state quella campana e quella romano-ostiense, grazie ai massicci ritrovamenti nelle stratigrafie di Pompei e di Ostia. Presumibilmente la produzione romano-ostiense nasce nel corso dell’età augustea ed è caratterizzata da bicchieri decorati a pettine, seguiti dai boccalini a decorazione sabbiata, a rotella e à la barbotine, la cui produzione dura fino alla metà del II secolo d.C.
In ambito urbano una delle ultime officine localizzate è quella in località La Celsa sulla via Flaminia: a suffragare quest’ipotesi c’è il rinvenimento di tracce di una fornace e di numerosi scarti di lavorazione; i tipi enucleati sono circa 41 e testimoniano una produzione romana tipologicamente molto vasta.
Nel corso del II secolo si assiste alla crisi di questa classe ceramica; è innegabile, infatti, uno scadimento della fattura artigianale: i rivestimenti e le decorazioni sono poco accurati e il repertorio formale si impoverisce notevolmente.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le pendici nord-orientali del Palatino tra tarda antichità ed età moderna (Ambiente 2). Contesti, stratigrafia, storia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonia Falcone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Clementina Panella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 437

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anfore
antichità
archeologia
bailey
bonifay
ceramica
ceramica da fuoco
domus aurea
dressel
hayes
invetriata
keay
lucerne
nerone
palatino
roma
scavo palatino
sigillata
storia
storia romana
stratigrafia
tipologia ceramica
vetro
vetro antico

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi