Skip to content

La controversia tra Italia e Brasile nel caso Cesare Battisti: profili di diritto internazionale

Cesare Battisti in Brasile

Nel 2004, in seguito alla fuga dalla Francia, Battisti si rifugiò in Brasile, dove visse sotto falso nome fino al 2007, quando fu arrestato a Copacabana in seguito ad un’operazione congiunta di Interpol, carabinieri, autorità brasiliane, francesi e italiane. In particolare, le autorità italiane, maggiormente interessate alla cattura del latitante, ne chiesero l’estradizione e l’arresto provvisorio sulla base dell’articolo 13 del trattato di estradizione tra Italia e Brasile del 1989, in attesa che le autorità brasiliane competenti in materia esaminassero la richiesta italiana ugualmente fondata sul suddetto trattato.
Battisti agì altrettanto tempestivamente chiedendo, nel 2008, - quattro anni dopo il suo arrivo in Brasile - il riconoscimento dello status di rifugiato politico. Egli asserì come motivazione il timore di essere perseguitato per le sue opinioni politiche, rilasciando, inoltre, un’intervista dal carcere in cui dichiarò che, nel caso in cui fosse stato estradato in Italia, avrebbe rischiato di essere ucciso.

Il 14 gennaio 2009, il Ministro della giustizia brasiliano, Tarso Genro, convalidò la concessione dello status di rifugiato politico a Battisti, in quanto, in caso di rientro in Italia, avrebbe potuto essere sottoposto a persecuzione per le sue opinioni politiche. Tale decisione era in contrasto con quanto “suggerito” dal Comitê Nacional para os Refugiados (in seguito anche CONARE), ovvero dall’organo brasiliano competente ad esaminare le richieste di asilo politico, di cui tuttavia il Ministro della giustizia è Presidente.
Dopo una serie di rinvii, il 18 novembre del 2009 il Supremo Tribunal Federal (in seguito anche STF), con cinque giudici a favore contro quattro, giudicò illegittimo, quindi inefficace dal punto di vista giuridico, lo status di rifugiato politico concesso dall’esecutivo brasiliano e votò a favore dell’estradizione di Battisti in Italia, non riscontrando la sussistenza di motivi ostativi. Il Tribunale affermò, però, che l’ultima parola sull’estradizione spettava al Presidente Lula che avrebbe potuto negarla per motivazioni politiche.

Il Presidente Lula attese il 31 dicembre 2010, ovvero l’ultimo giorno del suo mandato, per emettere la sua decisione di non procedere con l’estradizione di Battisti. Tale decisione fu presa seguendo il parere reso dall'Avvocatura dello Stato al Presidente del Brasile in cui si sostenne che Cesare Battisti sebbene fosse stato condannato per crimini di matrice comune, avrebbe potuto subire conseguenze negative dalla sua estradizione.
La richiesta di scarcerazione presentata immediatamente dopo le dichiarazioni del Presidente Lula dai legali di Battisti fu tuttavia respinta il 6 gennaio 2011 dal Presidente del Tribunale supremo, che riaprì il caso, affidandolo alla camera plenaria.
Il 4 febbraio 2011, l’Italia presentò un ricorso contro la decisione dell’ex Presidente Lula di non convalidare l’estradizione di Battisti. Nonostante le precedenti decisioni favorevoli, l’8 giungo 2011, il STF respinse il ricorso italiano. La Corte si astenne dal valutare nel merito il ricorso presentato dal Governo italiano contro la scelta dell’ex Presidente Lula di negare l’estradizione di Cesare Battisti. Secondo la magistratura brasiliana, infatti, il diniego di estradizione costituirebbe un “ato político”, insindacabile sul piano giurisdizionale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La controversia tra Italia e Brasile nel caso Cesare Battisti: profili di diritto internazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Tria
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Elena Carpanelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terrorismo
estradizione
status di rifugiato
aut dedere aut judicare
cesare battisti
cesare battisti e i pac in italia
impedimenti alla concessione dell'estradizione
dottrina mitterand
diritti umani estradando
natura politica dei reati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi