Skip to content

L'influenza dei social media sul terrorismo islamico. Caso ISIS

Chi aderisce al messaggio Jihadista?

Il termine per indicare chi aderisce al jihadismo è mujaheddin, letteralmente “combattente”.
La figura del mujaheddin comparve per la prima volta negli anni ‘80 in Afghanistan durante la guerra contro l’Unione Sovietica, dopodiché negli anni ‘90 il termine venne coniato per indicare i combattenti jihadisti.
Ma la domanda da porsi è: che cosa significa davvero essere un mujaheddin?
Il mujaheddin non è un semplice combattente che lotta per imporre i valori in cui crede, bensì è un “martire”, infatti difendono i propri ideali al punto di sacrificare la propria vita in nome della causa per cui combattono, pertanto si può definire come un “nuovo culto del martirio”.
La citazione di Osama bin Laden, leader e fondatore del movimento fondamentalista sunnita al Qaida: “I mujaheddin amano la morte come gli occidentali amano la vita” aiuta a comprendere fino a che punto questi “soldati” possono spingersi.
Le tecniche di assalto contro i nemici usate dai fondamentalisti sono attentate terroristiche violente, solitamente prevedono il suicide bomber, una modalità in cui l’attentatore-kamikaze innesca una bomba, questa oltre a colpire se stesso provoca la morte della folla che gli sta attorno. Questa modalità di uccisione è uno strumento efficace e a basso costo, per colpire non solo fisicamente ma soprattutto psicologicamente l’avversario, creando panico e terrore.
Il numero di chi aderisce al messaggio jihadista è da sempre in forte crescita, nel periodo tra il 1996 e il 2001 i guerriglieri addestrati furono ventimila circa.
Da notare è l’estrema facilità con cui l’ideologia jihadista si è diffusa all’interno della comunità islamica. La notevole capacità dei fondamentalisti è stata di non porre delle “barriere all’entrata” o meglio di diffondere il messaggio tra classi sociali diverse, da quelle più abbienti a quelle più povere, per unire tutti gli individui sotto una comune ideologia di vita. Per esempio Osama Bin Laden, leader e fondatore di al Qaida, proveniva da una famiglia benestante saudita e con un background culturale e d’istruzione alto.
Inoltre di notevole importanza è il fatto che i combattenti non vengono reclutati solo nei territori islamici del Medio Oriente ma anche in Occidente, in quanto le organizzazioni fondamentaliste di al Qaida e soprattutto Isis hanno promosso una lotta senza confini, espandendo la visione del Jihad armato a livello globale, estendendo la zona del dar alharb.
A testimonianza di ciò, nel 1998 Osama bin Laden annunciò pubblicamente ai fedeli dell’Arabia Saudita di scagliarsi contro gli infedeli americani, che stavano occupando parte del territorio saudita.
Nel prossimo capitolo si analizzerà un esempio di organizzazione fondamentalista islamica conosciuta come Isis, che ha cambiato la visione del Jihad armato avutasi fino agli anni 2000.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'influenza dei social media sul terrorismo islamico. Caso ISIS

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Castelli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marco Clementi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terrorismo islamico
movimento jihadista
marketing del terrore
origini isis
i social media terrorismo
definizione terrorismo islamico
movimento islamico isis
storia isis
strategia comunicativa isis
comunicazione terrorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi