Skip to content

Cibo e pratiche alimentari ai tempi del lockdown. Rituali e forme di socialità domestica

Convivialità e forme del cibo

Secondo Roland Barthes in un saggio sulla psico-sociologia dell'alimentazione contemporanea, all'interno della società contemporanea dell'abbondanza, il cibo tende ad abbattere il suo valore nutrizionale per risaltare, invece, altri significati più superflui. L'etimologia della parola "convivio" secondo il dizionario Treccani, trae origine dal latino "convivium", derivato da "convivere" ovvero "vivere insieme"; pertanto si identifica il vivere insieme con il mangiare insieme. Infatti "la casa si identifica con il cibo che consente alla comunità domestica di viverci insieme: «andiamo a casa», nel lessico tradizionale romagnolo, vuol dire «entriamo in cucina»" (Montanari, 2005, p.131).
Ciò che mi preme sottolineare, è che soltanto l'eremita mangia in solitudine, poiché tutti gli altri gruppi, come famiglie e comunità, sono unite dal senso di appartenenza, anche se, non necessariamente sedere allo stesso tavolo è indice di amore e accordo, basti pensare ad esempio ai banchetti nobiliari o alla differenza dei ruoli fra maschi e femmine, ancora tutt'oggi esistente. Traslando questo discorso agli effetti del lockdown, si può accertare che anche durante questo periodo, gli individui hanno dovuto "vivere insieme" in modo coercitivo, perciò la pratica del "mangiare" era diventata frammentaria a causa dei diversi orari degli individui.
L'alimentazione è caratterizzata al suo interno da rappresentazioni sociali che fanno del cibo un vero e proprio "fatto sociale", ricco e corrispondente ad una rappresentazione collettiva. La pratica del "mangiare" mette in luce diversi aspetti sociali, culturali e economici; da un lato gli aspetti sociali e culturali sono connessi ad emozioni individuali e simboliche, motivo per cui, secondo Parsons (1955), il cibo si allaccia all'identità, pertanto com'è diffuso alla base della costruzione identitaria vi sono due processi essenziali: la differenziazione e l'appartenenza.
Riassumendo l'aspetto socio-relazionale possiamo dire che: cibo è relazione, cibo è condividere un pasto, cibo è condividere una cena con il proprio partner o un pranzo di lavoro, cibo è cucinare per passione nel tempo libero, cibo è condividere nei social i propri piatti o ricette, cibo è cucinare i piatti tradizionali del proprio paese, cibo è tutto questo, ma anche tanto altro.
Dall'altro lato, il cibo viene considerato come bene di consumo e come elemento economico, poiché riflette le condizioni di benessere economico di una data realtà. Riprendendo un pensiero del sociologo Georg Simmel (1910), è possibile constatare che il pasto, infatti, sia una delle principali forme di socievolezza, nel quale emergono sia il cibo che la forma del suo consumo. Pertanto, traslando questa riflessione al pensiero di Pierre Bourdieu, si constata che per provare certe sensazioni bisogna possedere determinate competenze gastronomiche e appartenere ad una determinata classe (élite). Esse sono collegate ad una questione di stratificazione sociale, in cui gli individui di una data società hanno un diverso capitale culturale e sociale (Cipolla, Corposanto, 2008).
Approfondendo in breve la questione, secondo Pierre Bourdieu nel testo "forme di capitale" a cura di Marco Santoro (2015), il capitale viene inteso come "risorsa accumulabile capace di diventare una base di potere", ne individua tre forme (culturale, economico, sociale), intorno alle quali gli agenti sociali della società contemporanea mobilitano le loro risorse non in modo costante, ma in base al capitale culturale ed economico di cui dispongono. Il capitale culturale è definito brevemente come l'insieme dei diversi tipi di conoscenze, competenze e altre risorse culturali che permettono all'attore sociale di rappresentare, in modo consapevole o meno, la propria posizione di classe all'interno di un determinato contesto. Pertanto, secondo Bourdieu (1992) gli individui più giovani giungono socializzati differentemente a seconda della classe sociale a cui appartiene la loro famiglia, apprendendo così determinati gusti, comportamenti e atteggiamenti che li differenziano dagli individui delle altre classi. Tali membri interiorizzano tali insegnamenti, trasformandoli così nel loro habitus sociale e mentale.
Ciò che mi preme evidenziare, è che queste tre forme o specie di capitale, sono convertibili entro i loro limiti; pertanto il capitale culturale si relaziona con il capitale economico e sociale, nel piano delle relazioni potenzialmente preziose sul piano economico che deriva dall'appartenenza ad un gruppo. Per tale ragione, il cibo, come altri elementi, è un esempio di capitale culturale, sociale, economico, ma anche simbolico, poiché in base all'habitus, schema strutturale che ogni individuo possiede e motore della riproduzione essendo collegato alla struttura sociale (classe, professione, etnia ecc…), gli individui detengono specifiche competenze, in tal caso sul piano culinario.
Concludo questo primo capitolo, riportando una citazione di Roland Barthes pubblicata "Semiotica del gusto: linguaggi della cucina, del cibo, della tavola" (Marrone, 2016, p.4):
"Che cos'è il cibo? Non è soltanto una collezione di prodotti, bisognosi di studi statistici o dietetici. È anche e nello stesso tempo un sistema di comunicazione, un corpo di immagini, un protocollo di usi, di situazioni e di comportamenti. [...]".
Il cibo può assumere molteplici forme e significati, pertanto è anche delineato come linguaggio all'interno di un sistema di comunicazione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cibo e pratiche alimentari ai tempi del lockdown. Rituali e forme di socialità domestica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Michielon
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Francesca Setiffi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi