Skip to content

La questione cipriota, tra Nazioni Unite e Unione Europea

Crisi finale e invasione turca

Sfruttando il momento post crisi, nel dicembre del 1967 i leader turco-ciprioti annunciarono l’istituzione di una “amministrazione di transizione” per poter gestire gli affari della loro comunità, fino al momento in cui tutte le disposizioni della Costituzione del 1960 non sarebbero state attuate. Come presidente di questo nuovo corpo di amministrazione venne scelto Fazil Küçük, come vicepresidente invece Rauf Denktas, il quale ricopriva anche il ruolo di presidente della Camera comunale turco-cipriota. Vennero annunciati diciannove articoli di governo, e l’amministrazione di transizione si organizzò secondo il modello di gabinetto presidenziale. L’amministrazione di transizione formò anche un’assemblea legislativa, composta da soli membri turco-ciprioti in contumacia della Camera dei rappresentanti della Repubblica e da membri della camera comunale turco-cipriota. L'amministrazione provvisoria non dichiarò mai che la Camera Comunale fosse stata abolita né chiese il riconoscimento come governo istituzionale. Tali azioni sarebbero state contrarie alle disposizioni della Costituzione e degli accordi di Zurigo-Londra, e i turco-ciprioti e i turchi avrebbero evitato scrupolosamente tale abrogazione.
Nel 1968 vennero annunciate le elezioni a suffragio universale che videro come vincitore della carica presidenziale, ottenendo il 96% dei voti, l’arcivescovo Makarios, il quale inaugurò il suo nuovo mandato con un importante discorso rivolgendosi direttamente al suo popolo, affermando che i problemi che affliggevano Cipro non si sarebbero mai potuti risolvere con la sola forza ma ci doveva essere un processo di riconciliazione e riunificazione voluto prima di tutto dal popolo e in secondo luogo supportato e mediato dalle Nazioni Unite. Alcuni ciprioti però si opposero alla posizione conciliante e integrativa di Makarios, cercando infatti di assassinarlo nel 1970.
Nella seconda metà del 1968 iniziarono i primi colloqui intercomunitari sotto la direzione delle Nazioni Unite a Beirut che dureranno fino al 1974, senza però riuscire a raggiungere in alcun caso accordi di grande rilevanza, dato che le proposte fatte dai turco-ciprioti enfatizzavano l’importanza della centralità del governo locale di ogni comunità etnica presente a spese del governo centrale, mentre la controparte greco-cipriota sottolineava la sovranità delle autorità centrali a discapito dell’amministrazione locale.
Nell’estate del 1971, le tensioni tra le due comunità cipriote cominciarono a crescere e gli incidenti ad essere sempre più frequenti, malcontento creato dai continui fallimenti di politica interna che non riuscivano a trovare un compromesso al problema. La situazione iniziò a deteriorarsi in seguito al clandestino rientro in patria, supportato dal governo greco, del generale Grivas che subito si attivò in chiave pro-enosis ricostruendo la sua organizzazione di guerriglia, ribattezzandola come EOKA B, con il solo e unico obiettivo di sabotare qualsiasi tipo di soluzione pacifica che non comprendesse l’incorporazione alla Grecia. Grivas, dai suoi diversi nascondigli, diresse molteplici attacchi terroristici e una forte propaganda che scossero il governo di Makarios, ma l’influenza di quest’ultimo gli permise di rimanere un leader potente e popolare.
I problemi per Makarios, però, non si fermarono ai soli attacchi da parte del gruppo terroristico EOKA B, bensì anche da una coalizione fatta dai tre vescovi principali della Chiesa Ortodossa di Cipro, che spingevano sulle sue dimissioni dalla carica di presidente poiché i suoi doveri temporali violavano il diritto canonico. Grazie alla sua grande astuzia, Makarios riuscì a sventare l’attacco diretto dei tre vescovi sciogliendo la giunta, rimpiazzandoli e nominando cinque nuovi vescovi a lui fedeli, in modo da ridurne i poteri e controllarli meglio.
Il 27 gennaio 1974, il generale Grivas morì di infarto, lasciando così senza guida il gruppo dell’EOKA B. Makarios, sperando nella disgregazione del gruppo, concedette l’amnistia a tutti i suoi membri, ma così non fu, poiché durante la primavera dello stesso anno, i servizi segreti ciprioti trovarono prove che l'EOKA B stesse pianificando un colpo di Stato e che veniva supportato, controllato e finanziato dal governo militare di Atene. L'EOKA B fu bandita, ma le sue operazioni continuarono di nascosto.
Nel mese di luglio, Makarios scrisse al presidente della Grecia chiedendo che i restanti 650 ufficiali greci assegnati alla Guardia Nazionale facessero ritorno in patria, accusando inoltre la giunta di complottare contro la sua vita e contro il governo di Cipro. La lettera venne inviata il 2 luglio 1974, la risposta però arrivò non sotto forma di lettera bensì come un ordine da parte del governo di Atene rivolto alla Guardia nazionale di rovesciare Makarios e prendere il controllo dell’isola. Il 15 luglio 1974, prese avviò “l’Operazione Afrodite”, colpo di stato organizzato dagli ufficiali greci della Guardia Nazionali, con l’obiettivo di assassinare Makarios facendo esplodere il palazzo presidenziale, luogo in cui il presidente risiedeva. Miracolosamente Makarios sopravvisse illeso, riuscendo a fuggire a Paphos, e poi con l’aiuto degli inglesi a Londra, dove passò il suo esilio. Venne instaurato un governo provvisorio con forti aspirazioni all’enosis, con a capo Nikos Giorgiadis.
Il colpo di stato fu interpretato dalla Turchia come una grave infrazione del Trattato di Garanzia del 1960, difatti, come risposta alle azioni intraprese dalla giunta militare greca, il 20 luglio 1974 le forze turche invasero Cipro, occupando il 34% della zona nord dell’isola, stabilendo ufficialmente l’inizio dell’amministrazione turca. Tre giorni dopo, il regime dei colonnelli ad Atene cadde, Nikos Giorgiadis venne sostituito da Glafkos Clerides, un moderato leader della comunità greco-cipriota già presidente della Camera dei deputati.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La questione cipriota, tra Nazioni Unite e Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Gili
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Internazionali, dello Sviluppo e della Cooperazione
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Barbara Curli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

turchia
unione europea
nazioni unite
onu
ue
cipro
repubblica turca di cipro del nord
repubblica di cipro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi