Skip to content

L'immigrazione in Francia: la crisi nelle banlieues del modello d'integrazione repubblicano e i tentativi di riforma di Sarkozy

Dalla banlieue rouge alla politique de la ville

La disgregazione della comunità operaia determina così l’indebolimento della regolazione sociale che si produceva, all’interno dei quartieri, in modo collettivo specialmente nella forma di una socialità vasta ed intensa. Questa perdita di punti di riferimento diffonde, soprattutto, negli ambienti giovanili toccati dalla disoccupazione, un sentimento di disperazione e d’impossibilità di un’esistenza “normale” paragonabile a quella della generazione precedente.
La delinquenza è presentata come l’effetto di una disorganizzazione sociale, dove appare ragionevole ricorrere all’illegalità per soddisfare i propri bisogni. La repressione giudiziaria e poliziesca è percepita come eccessiva ed arbitraria, perché punisce dei comportamenti giudicati legittimi in una società fondata sull’ingiustizia. In questa situazione la regolazione sociale che prima era prodotta “spontaneamente” dalla dinamica delle relazioni produttive a livello locale è ora assicurata, con risultati largamente deludenti, dall’intervento dello Stato che da integratore diventa in una certa misura paternalista o animatore.
Lo Stato si trova ad intervenire in una situazione nella quale il mancato rispetto della norma rappresenta solo l’aspetto più superficiale del problema, seppure il più visibile: le relazioni sociali non soffrono, infatti, di un’assenza della norma bensì della loro incapacità a suscitarne una nuova, adatta alla mutata situazione sociale. Complessivamente si assiste ad una perdita di senso delle attività pubbliche e delle regole che si trovano a doversi confrontare con attori improvvisamente impazziti.
Si dà il via, dunque, alla politique de la ville, il cui primo obiettivo consiste nella rianimazione del legame sociale nei quartieri colpiti dall’esclusione. L’escalation di violenza nelle banlieues, agli inizi degli anni Ottanta, sarà all’origine dell’istituzione di tre differenti commissioni di studio sui temi dell’inserzione dei giovani nella vita professionale (1981), dello sviluppo sociale dei quartieri (1981) e della prevenzione della delinquenza (1982). I rapporti conclusi da queste commissioni daranno vita a quella che con la fine degli anni Ottanta verrà chiamata appunto politique de la ville.
Accompagnata da un generale consenso sia politico che tecnico, complessivamente l’origine di questa politica settoriale è stata caratterizzata, da un punto di vista metodologico, dalla differenziazione degli attori coinvolti, dalla messa in campo di missioni leggere e sperimentali e dalla limitazione territoriale della sua azione segnatamente attraverso le cosiddette Zones urbanes sensibles (Zus) o le Zones d’Education Prioritarie (Zep). La settorializzazione dell’intervento dello stato avviene qui orizzontalmente, a livello territoriale segnatamente attraverso la diffusione di strumenti contrattuali fra le istituzioni pubbliche, e non più verticalmente a livello di funzione: lo Stato non è più uguale ovunque ma interviene prioritariamente per ricucire il tessuto sociale laddove si è disfatto. Centri sociali, forze dell’ordine, centri di prevenzione, Zep hanno la missione di occuparsi dei giovani e delle famiglie in difficoltà dando centralità alla figura dell’assistente sociale, incaricato di contenere le nuove generazioni. Ecco allora che la politique de la ville diventa il terreno di sperimentazione di una profonda trasformazione dello Stato francese. L’unità e la forza dell’identità repubblicana è messa in discussione anche da un processo di crescente rietnicizzazione della società dove la segregazione sociale diviene culturale, prendendo la forma talvolta del razzismo, della paura dell’arabo. La segregazione assume così una straordinaria profondità psicologica e storica: il passato coloniale, per chi l’ha vissuto direttamente o attraverso la storia della propria famiglia, riappare in tutta la sua forza di fronte ad un discorso pubblico che si ostina a nasconderlo. Una società vissuta come una prigione dove è negata allo stesso tempo l’identità e la cultura delle proprie origini e la possibilità di accedere all’integrazione nel paese del quale si è formalmente cittadini. Quindi, il paradosso della politique de la ville sta nel suo dover rispondere non ad un problema specifico bensì al problema della società francese contemporanea: l’esclusione e la segregazione a più dimensioni di una sua consistente minoranza. Questo suo paradosso la rende inevitabilmente inefficace e frustrante; nonostante questo essa sembra intoccabile, anche se la sua efficacia è stata messa in discussione dalla Corte dei Conti che ne ha sottolineato il carattere dispersivo e la scarsa chiarezza metodologica.

«Più complessivamente, la politique de la ville è venuta assumendo negli anni la forma di una congerie piuttosto eterogenea di interventi che affollano con i loro acronimi impronunciabili il paesaggio politico-amministrativo francese. Vi è una trasformazione di questa geografia in una nuova vera e propria categorizzazione amministrativa del territorio che certamente contribuisce alla stigmatizzazione dei quartieri, quasi a suggerire come ad essere un problema non sia tanto la concentrazione di un disagio sociale multidimensionale in un determinato quartiere bensì il quartiere stesso. In altre parole, si ha il passaggio da una logica dei sintomi ad una logica del problema: i quartieri non sono più i rivelatori del malfunzionamento urbano bensì il problema da risolvere. » [Coppola, 2006]

Ovviamente si tratta di una soluzione molto comoda: convincere e convincersi che il problema stia in determinati quartieri piuttosto che nel funzionamento generale di una Republique sempre più malata serve ad assolvere quella parte del territorio che sta fuori dalle Zus, come se il centro di Parigi non centrasse nulla con la crisi delle sue banlieues circostanti.
Un altro dato rilevante è anche la continua produzione di strumenti di intervento, che sta ad indicare visibilmente l’inafferrabilità del campo d’intervento di tale politica, che si propone come territoriale ed intersettoriale, ma che in realtà non osa mostrare che si tratta di una ben più grave e generale crisi sociale ed urbana. Si ha quindi il paradosso di una tempesta di dispositivi ed acronimi che non fanno mai riferimento al problema bensì a tutti i possibili aspetti della crisi sociale.
La quantità dei diversi approcci alla politique de la ville è impressionante: dal programma mitterandiano Banlieue 89 coordinato dall’architetto Roland Castro al “pacte pour le relance de la ville” del 1996 proposto dal governo Juppè, dai cosiddetti grandi progetti urbani del governo Jospin fino all’ambizioso progetto di demolizione-ricostruzione lanciato dal ministro Borloo nel 2003. Gli ultimi anni di politique de la ville hanno rappresentato in qualche modo una sua rifondazione molto più importante di quanto appaia con la progressiva valorizzazione della dimensione urbana e fisica dell’intervento a danno di quella umana e sociale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'immigrazione in Francia: la crisi nelle banlieues del modello d'integrazione repubblicano e i tentativi di riforma di Sarkozy

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriella Massa
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giuseppe Sacco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
politiche migratorie
banlieue
sarkozy
modello repubblicano
periferie
islamizzazione
beur
rivolte
emeutes
ville
sommosse
banliuesard
racaille
foyers immigrés
cité
des français comme les autres
mixité sociale
apartheid scolaire
précarité

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi