Skip to content

Biodeterioramento di un Notarile del XVII secolo: diagnostica e metodi di intervento

Disinfezione e restauro dei supporti pergamenacei

L’intero volume del Notarile è stato sottoposto a restauro ed in particolare, il supporto pergamenaceo oggetto della tesi, alla luce dei risultati diagnostici riportati, è stato sottoposto ad un trattamento di disinfezione, al fine di eliminare dal materiale gli organismi biodeteriogeni risultati vitali. A tale scopo è stato studiato un metodo idoneo che non interferisse con i supporti e arrestasse l’attacco microbiologico, da effettuare in laboratorio, che risultasse efficace e risolutivo per le pergamene e non presentasse tossicità per la salute dell’operatore.

In considerazione della vitalità dei batteri presenti nei fogli di pergamena analizzati, si è deciso di effettuare un primo trattamento a tampone con una soluzione idro-alcolica (etanolo) circa al 70% v:v (30 ml di acqua distillata e 70 ml di alcool al 99%). Questa operazione è stata indicata come l’intervento da effettuare prima dell’eventuale re-idratazione della pergamena.

Il trattamento è stato eseguito sia sulla carta che sui fogli di pergamena interessati dalle alterazioni viola. Dopo 48 ore dal trattamento sono state ripetute le analisi microbiologiche ed è stata riscontrata ugualmente la presenza di cellule vitali del Virgibacillus in corrispondenza delle macchie. Le colture ottenute da frammenti di pergamena trattati hanno, infatti, portato allo sviluppo del medesimo organismo, sebbene la crescita sia risultata inizialmente più lenta. Poiché la disinfezione con una soluzione al 30% di acqua e al 70% di alcol non è stata risolutiva, è stata applicata sulle pergamene una soluzione di benzalconio cloruro al 3% in alcool a pH6.

Riguardo all’utilizzo di questa soluzione si é fatto riferimento a due casi di ricerca, il primo condotto su un volume in carta, il secondo su documenti pergamenacei. I due studi, documentati attraverso altrettanti articoli (Voronina L.I., Nazarova O. N., 1980), descrivono gli effetti prodotti sui materiali dalla disinfezione effettuata con la soluzione di sali di ammonio quaternario, dimostrando che essa non ne danneggia le proprietà fisico-meccaniche e fisico-chimiche e neutralizza l’attacco microbiologico.
II trattamento è stato eseguito tamponando l'intera superficie delle pergamene, sia sul recto che sul verso, con un batuffolo di cotone imbevuto della soluzione di benzalconio cloruro e alcool, concentrando l’applicazione in particolare sulle zone in cui era più marcato il danno da microrganismi.

L'operazione è stata ripetuta due volte, dopo di che sono stati prelevati nuovi campioni da sottoporre ad ulteriori analisi per accertare l’avvenuta neutralizzazione delle cellule batteriche. Questa volta l’esito è risultato positivo e i dati hanno dimostrato l’arresto dell’attività microbica.
Le pergamene così disinfettate sono state collocate in cella di umidificazione per consentirne l’ammorbidimento temporaneo e lo spianamento. La cella a chiusura ermetica è impostata in modo da non superare un'umidità relativa del 95% e ad evitare la formazione di condensa; il vapore è generato ad ultrasuoni per nebulizzazione di acqua deionizzata.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Biodeterioramento di un Notarile del XVII secolo: diagnostica e metodi di intervento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Livia Martinelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Storia e Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: AnnaRosa Sprocati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pcr
batteri
funghi
carta
sem
notarile
pergamena
atp
dgge
biodeterioramento
vitalità
macchie viola
metodi colturali dipendenti
metodi colturali indipendenti
biolog
virgibacillus
acrostalagmus
monoascus
penicillum
stereomicroscopio
colorazione di gram
attività proteolitica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi