Skip to content

Ruolo dei costrutti psicologici nella condotta suicidaria in adolescenza. Indagine sulla relazione tra i livelli di autostima, disperazione, depressione e il rischio suicidario nella popolazione adolescenziale

Disperazione o Hopelessness

L’hopelessness, letteralmente “senza speranza”, è un costrutto psicologico alla base di diversi disturbi mentali e fa riferimento agli schemi cognitivi che hanno alla base l’aspettativa negativa verso il futuro.
I soggetti “disperati” ritengono che niente si rivolgerà a loro favore, che non avranno mai successo nel corso della vita, che i loro obiettivi importanti non saranno raggiunti e i loro problemi mai risolti.
Questa definizione di hopelessness corrisponde alla terza componente della triade negativa del modello cognitivo della depressione di Aaron T.

Beck composta da: una visione negativa del sé; una visione negativa dell’andamento del presente; una visione pessimistica del futuro.

La disperazione è un costrutto psicologico che può essere alla base di vari disturbi psicologici e sintomi correlati come ad esempio: depressione, suicidio, schizofrenia, alcolismo e sociopatia. Un individuo considerato come disperato presenta pessimismo riguardo alla possibilità di ricevere soddisfazioni in futuro e crede che nella propria vita nessun evento positivo gli potrà accadere.
L’hopelessness ha un’utilità clinica per la valutazione e predizione del suicidio. La disperazione e la depressione sono due costrutti psicologici molto correlati. La disperazione è spesso osservata in soggetti depressi, ma non è una componente necessaria della depressione; una teoria che supporta questo dato di fatto è quella di Abramson della depressione senza speranza.

Secondo lo studioso la disperazione è una causa prossimale dei sintomi della depressione senza speranza e la tendenza al suicidio è un sintomo particolare di questa forma di depressione. È possibile trovarsi di fronte a dei pazienti considerati disperati ma non depressi, con un’alta ideazione suicidaria.

Secondo Beck e Wenzel, la disperazione ha un ruolo cruciale nella condotta suicidaria affermando che la sua valutazione iniziale è il passo più importante per la prevenzione di gesti estremi. Dello stesso parere è l’Organizzazione Mondiale della Sanità che riconosce la disperazione come un importante fattore di rischio di suicidio e raccomanda la sua valutazione in ottica di prevenzione.
Beck e altri hanno osservato e descritto il processo suicidario che inizia con l’ideazione suicidaria e finisce con l’esecuzione materiale.
Uno studio follow-up del 2006 si è concentrato sui predittori del tentativo di suicidio, prendendo in considerazione gli atteggiamenti disfunzionali, disperazione, ruminazione e stili cognitivi negativi. Dallo studio è emerso che la presenza e la durata dell’ideazione suicidaria era previsto in modo prospettico dalla disperazione e dalla ruminazione. Pertanto, risulta che la mancanza di speranza, la depressione e il rischio suicidario siano strettamente correlati.
Stotland investigando su una serie di suicidi avvenuti in ospedali psichiatrici identificò la disperazione come un elemento cruciale nei pazienti suicidari. Il sentimento prevalente è il sentirsi intrappolati in una situazione in cui non si nutre speranza. Nella popolazione generale si è osservata una forte associazione negativa tra la mancanza di significato della vita e il rischio suicidario.

In uno studio del 1998 è stata analizzata la relazione longitudinale di fattori psicologici e socio-ambientali con l’ideazione suicidaria adolescenziale per un periodo di un anno in un campione di 374 studenti delle scuole superiori.
Gli studenti sono stati valutati due volte in un periodo di un anno con strumenti di misurazione della depressione, della disperazione, di eventi di vita negativi principali, di problemi quotidiani, di sostegno sociale e ideazione suicidaria.
I cambiamenti nella depressione e nella disperazione erano significativamente correlati ai cambiamenti nell'ideazione suicidaria nell'intervallo di un anno per maschi e femmine. Gli studi effettuati hanno dimostrato che l’hopelessness è altamente correlata con l’intenzionalità suicidaria e, in misura minore, con la depressione.
In più, la disperazione è stata frequentemente identificata come predittiva di ideazione suicidaria piuttosto che la sola depressione. I pazienti che mostrano livelli da moderati a gravi di hopelessness dovrebbero essere valutati attentamente per il rischio di commettere il suicidio.

Informazioni tesi

  Autore: Jares Monti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giuseppe Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi