Skip to content

Analisi pedagogica all'interno del fumetto Spiderman

Effetti degli audiovisivi sulla memoria a lungo termine.

Tutto ciò che viene proposto ai messaggi televisivi si fonda su e, nello stesso tempo costruisce, un bagaglio di conoscenze stabili questo dato è importante per diverse ragioni. Da un lato fornisce indicazioni sull'impatto della televisione, può avere, nel bene e nel male, costruisce conoscenze condivise creando mentalità e tendenze.

Dall'altro solleva domande di tipo teorico sul ricordo a lungo termine e sulla rielaborazione dei ricordi ad esempio, un evento visto per televisione viene ricordato allo stesso modo di un evento a cui si è effettivamente assistito? Nell'integrazione dei ricordi, esperienze dirette si collocano diversamente rispetto a esperienze mediate dalla televisione? Inoltre, tutto questo può suscitare fenomeni di confusione nell'attribuzione della fonte. Nella nostra vita di tutti giorni le persone acquisiscono e integrano informazioni da fonti diverse: altre persone, giornali, manuali, lezioni, divini narrativa, film.

Una domanda che ci si è posti, e se i bambini possano confondere memorie della vita reale con eventi visti in filmati. In base a degli studi condotti si è dimostrato che bambini di età tra i 4/10 anni tendono a confondere eventi a cui hanno assistito con eventi solo narrati, se figure adulte significative danno loro suggerimenti confusi. L'eventuale confusione è del tutto spontanea. I bambini includono erroneamente elementi inclusi nei filmati.

Questo si verifica ad esempio per alcuni particolari visivi, quali i colori dei vestiti e dai personaggi che si vedono all'interno del film, la contaminazione non è frequente e comunque tende a diminuire con l'aumentare dell'età. Può accadere soprattutto da alcuni bambini, di integrare i particolari di un evento visto tramite un mezzo audiovisivo, ad esempio un incidente o un episodio di violenza, con un evento realmente accaduto, e questo anche senza la presenza di domande suggestive da parte dell'adulto.

Un modo per ridurre le contaminazioni e quello di richiedere una partecipazione libera dell'evento. Sei bambini vengono lasciati liberi di raccontare, scelgono spontaneamente i fatti a cui hanno realmente assistito, ma se devono rispondere a domande eccessivamente dettagliate tendono a inserire più facilmente false memorie provenienti da filmati nelle informazioni reali. Una prima spiegazione viene fatta risalire a processi cognitivi nell'utilizzo della memoria, nelle fasi codifica e recupero delle informazioni.

Anche l'esposizione massiva fa del mezzo audiovisivo una delle principali fonti d'informazione sulla realtà ma è la principale fonte di contaminazione della memoria. Metaforicamente parlando quindi il mezzo televisivo è considerato come "una finestra sulla realtà". In realtà, essi non permettono una visione del reale, e non sono nemmeno una rappresentazione della realtà, ma sono piuttosto una sua ricostruzione: ciò che i mezzi audiovisivi trasmettono non sono altro che una delle loro tante possibile letture.

Il considerare la televisione come una finestra sulla realtà o portare considerare veri e rappresentativi eventi stereotipici trasmessi sia nelle fiction (pensiamo al mondo prospettato nella soap opera), sia nei cosiddetti programmi-verità, in cui persone “reali” raccontano esperienze personali. Uno spettatore poco critico può arrivare alla conclusione che stili di vita e atteggiamenti piuttosto improbabili poco comuni costituiscono uno spaccato della vita nei modi di pensare nella maggior parte delle persone.

Un problema frequente, si presenta con i notiziari, che vengono generalmente interpretati come una fedele riproduzione dei fatti, piuttosto che una loro ricostruzione esagerata. Se il confondere i diversi livelli di realtà in ciò della televisione propone è un problema degli adulti, a maggior ragione lo sarà per i più piccoli, per i quali i rischi di confusione sarà ancora più marcato il distinguere il vero, il verosimile e il fantastico nel mezzo audiovisivo è, prima ancora che in fatto di esperienza, un fatto di maturazione cognitiva, di capacità di distinguere tra l'oggetto e la sua rappresentazione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi pedagogica all'interno del fumetto Spiderman

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enzo Laganà
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Tecnologie ed istruzione della Comunicazione
  Relatore: Donatello Smeriglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi