Skip to content

Il diritto dell'ambiente nell'ordinamento globale

Esempio di difficoltà nella cooperazione: l'attuazione del Protocollo di Kyoto

La vicenda che descrive le difficoltà che si sono registrate nell'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto dimostra quanto ancora sia lunga la strada per poter parlare di un regime giuridico veramente globale e di quanto ancora sia difficile convincere gli Stati a collaborare tra loro a tutela di beni comuni come l'atmosfera.
Il Protocollo di Kyoto vede la luce il 10 dicembre 1997 e il 16 marzo 1998viene aperta la sua ratifica. Il regime individuato per l'entrata in vigore del Protocollo prevedeva la ratifica di almeno 55 Stati, produttori complessivamente di almeno il 55% delle emissioni climalteranti. Questa alta percentuale era uno dei motivi di grande soddisfazione per l'adozione del Protocollo, insieme al fatto che questo è giuridicamente vincolante.
La condizione posta durante i lavori fu accolta anche sull'implicita intesa tra Unione Europea e Stati Uniti, da soli responsabili del 57% delle emissioni, in quanto i Paesi in via di sviluppo, in virtù del principio della responsabilità comune, ma differenziata, vennero lasciati fuori dall'intero Protocollo nonostante la Cina sia il secondo paese dopo gli Stati Uniti per emissioni di gas serra.
L'esclusione dei Paesi in via di sviluppo non è andata esente da critiche: da più parti è stato osservato che sebbene essa appare sicuramente giustificata sotto il profilo di una tutela particolare per lo sviluppo socio–economico di questi paesi, è tuttavia difficilmente sostenibile nel lungo periodo visto e considerato che la crescita delle emissioni di anidride carbonica e degli altri gas di serra in questi paesi sta progredendo a ritmi vertiginosi (+25% nel periodo 1990-95 rispetto al +8% registrato nel periodo 1990-95) e di questo passo  finirebbe con il vanificare gli sforzi di contenimento e diminuzione delle emissioni da parte dei paesi industrializzati.
In ogni caso, nel 2001 gli Stati Uniti ritirarono la loro disponibilità a firmare il Protocollo che riuscì ad entrare effettivamente in vigore solo nel 2004, a seguito della ratifica della Russia.
Più volte, nel corso dei vari negoziati sulla tutela dell'ambiente, si videro contrapposti due schieramenti diversi: da un lato, gli europei che ritengono che la diminuzione dei gas ad effetto serra debba essere raggiunta principalmente attraverso la riconversione dell'intero sistema economico ed in particolare degli impianti industriali a tecnologie pulite, eco-compatibili e a basso impegno energetico, dall'altro, gli USA , sostenuti da Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giappone, che pensano che gli obiettivi di Kyoto possano essere raggiunti con l'impiego di strumenti più flessibili e meno impattanti sul proprio sistema economico come lo sviluppo dei pozzi di carbonio e la commercializzazione senza vincoli dei permessi di emissione. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il diritto dell'ambiente nell'ordinamento globale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Mariagata Silvestro
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Diritto pubblico avanzato
  Relatore: Orlando Roselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi