Skip to content

Filastrocche illustrate: viaggio attraverso i colori

Etimologia e simbologia dei colori

Rosso – pare essere l'unico colore per il quale sia stata definita univocamente una chiara radice protoindoeuropea, ovvero reudh.
Da essa derivano il latino ruber e rufus da cui l'italiano rosso, il protogermanico rauthaz da cui l'inglese red ed il tedesco rot.

Coloratus in latino e colorado in spagnolo significano tanto rosso quanto colorato.

Krasnoi in russo significa rosso ma anche bello: la piazza rossa a Mosca etimologicamente significa la bella piazza.
Rosso significa originariamente “di colore del sangue”, non per niente nell'immaginario collettivo il colore rosso richiama la passione, l'ardore, l'impeto, la vivacità.
Il rosso inoltre rimanda all'idea archetipica del fuoco, quale forza primordiale che trasforma e purifica.

Nel sistema simbolico dell'antichità il rosso era il colore….il solo degno di questo nome.
I pigmenti rossi sono stati disponibili molto presto e si è potuto utilizzarli sia in pittura e tintura.

Già nell'arte paleolitica, trentamila anni prima di Cristo, si adoperava il rosso ottenendolo dalla terra ocra rossa: vedasi il bestiario della grotta di Chauvet.

Nel periodo neolitico si è sfruttata un'erba presente nei climi più svariati, la robbia; in seguito il rosso è stato estratto da alcuni metalli come l'ossido di ferro o il solfuro di mercurio.

Nella storia di questo colore due elementi il fuoco e il sangue sono onnipresenti e al rosso vengono attribuiti i simboli del potere ovvero quelli della religione e della guerra.

Il rosso sangue è quello versato dal Cristo, la forza del Salvatore che purifica e santifica ma è anche il peccato e l'impurità dei tabù biblici.
Nella Roma Imperiale si ottiene dalla sostanza colorante del murice, una conchiglia rara presente nel mediterraneo.

Nel Medioevo, quando le colonie di murici vanno estinguendosi, si ripiega sul chermes, il colorante estratto dalla femmina essicata del Coccus Ilicis, insetto diffuso nel bacino del Mediterraneo e in Estremo Oriente.
La raccolta è laboriosa e la fabbricazione molto costosa ma il rosso ottenuto splendido, luminoso e resistente: è diventato un colore di lusso.

L'ambivalenza simbolica permane nel tempo: il rosso delinea i due versanti dell'amore, il divino e il peccato carnale.
Nel corso dei secoli le spose indossavano gli abiti più belli e ricchi per eccellenza di colore rosso e le prostitute dovevano per essere riconosciute, indossare un capo rosso.

Nel campo dei simboli, in tutto l'occidente il rosso del potere e dell'aristocrazia ha attraversato i secoli come il rosso rivoluzionario e proletario.
Il rosso indica sempre la festa, il lusso, lo spettacolo.
Nel nostro dizionario sono rimaste numerose locuzioni rosso di rabbia, vedere rosso, che ricordano antichi simboli.
È il colore dunque strettamente connesso con le apparenze vitali, quindi prima di tutto è il colore del fuoco e del sole che passa l'orizzonte.

È anche il colore del sangue, fonte di vita in tutti gli animali e di alcuni vegetali che nel tempo sono riconosciuti come sacri: i legni della palma, del cedro e dell'abete.
La terra rossa viene riconosciuta nel mito come pietrificazione del sangue e del fuoco, ovvero della forza di vita.
Il rosso è il colore dei fiori e dei frutti d'estate, tempo in cui si manifesta la forza vitale e della fecondità.

Il vino rosso rappresenta la bevanda magica che offre un rinnovamento di vita.

Il manto rosso dell'imperatore condottiero ed il suo sepolcro di legno rosso di cedro sono manifestazione della sua identificazione della fonte di vita. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Filastrocche illustrate: viaggio attraverso i colori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Ferrante
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Illustrazione e tecniche grafiche speciali
  Relatore: Debora Persico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi