Skip to content

Competitor e tensioni strategiche del mercato degli smartphone

Evoluzione dei bisogni del consumatore digitale

Secondo quanto riportato in un articolo del notiziario online di Telecom Italia, l’avvento della “nuova” era digitale ha fatto sì che questa si sia spostata da ambiti legati in modo specifico alla produttività lavorativa e privata, a contesti sempre più allargati, arrivando ad affermare nei paesi più sviluppati il discorso di “digital life”. Questo ha fatto sì che i bisogni digitali ormai sono tali da essere inclusi ed integrare la famosa Piramide dei bisogni di Maslow, la quale rappresenta gli stati di necessità dell’essere umano attraverso una scala gerarchica. Il famoso psicologo statunitense creatore della Piramide nella sua opera “Motivation and Personality” del 1954 concepì per la prima volta questa “Hierarchy of Needs”, sostenendo che la realizzazione personale dell’individuo passava attraverso la soddisfazione di bisogni, da quelli per la sopravvivenza (fame, sete, ecc.) fino a quelli più complessi di carattere sociale. Fisiologia, sicurezza, appartenenza, stima, per poi arrivare all’autorealizzazione: questi sono i 5 step da soddisfare in ordine, individuati da Maslow per raggiungere il perfetto benessere psico-fisico.

Nonostante abbia conosciuto diverse critiche nel corso del tempo, collegate soprattutto alla mancanza di necessarietà della consequenzialità dei bisogni e delle differenze socio-culturali esistenti fra diverse aree geografiche, la piramide ancora oggi porta con sé interessanti risvolti. Lo stesso studio Telecom citato in precedenza, infatti ridisegna lo schema, andando ad individuare quelli che sono i bisogni alla luce della vita digitale.

Tutto parte, com’è ovvio che sia, dall’analisi del contesto socio-demografico. Uno studio condotto dalla Growth from Knowlegde Italia mostra come il nostro paese sia sempre più “anziano”. Il quadro “Senior” è particolarmente interessante, dato che il fattore anagrafico è sempre meno influente, quanto invece diventano importanti fattori culturali e di reddito, facendo emergere gli “active-agers”, cioè persone che esplorano, che hanno voglia di fare e di imparare. Ovviamente poi abbiamo i cosiddetti “millenials”, i nativi digitali, i quali spaziano dal seguire le mode a coloro i quali nei loro consumi considerano altro. Poi abbiamo i middle-aged, ed anche qui occorre distinguere da chi cerca nella tecnologia una “compagna di viaggio” affidabile da chi invece utilizza la impiega per diletto.
In un report condotto dall’agenzia Nielsen, che ha coinvolto 30000 adulti a livello mondiale, è stato evidenziato come la connettività diffusa appare come il nuovo stile di vita. Oltre il 70% degli intervistati ha dichiarato di essere felice di potersi connettere ovunque e addirittura il 69% ha affermato come la comunicazione digitale andrà a sostituire quella face-to-face.

Una volta introdotto il quadro demografico in modo più dettagliato, è possibile definire quelli che sono i “nuovi” bisogni del consumatore digitale.

1: Connessione. Come Maslow introduceva alla base della Piramide i bisogni fisiologici, adesso troviamo la connessione. Essere connessi, sempre, comunque, ovunque. Oggi, almeno nei paesi sviluppati, questo è possibile dappertutto, con qualsiasi mezzo. La dominanza degli smartphone in tal senso ha portato i gestori telefonici a rimodulare le proprie tariffe, concentrandosi maggiormente sui pacchetti dati.
Essere parte della rete è essenziale e la sua mancanza, come del resto anche per i bisogni fisiologici, può comportare disturbi psico-fisici, come la già citata nomofobia

2: Controllo. Il senso di sicurezza oggi è dato dall’orientamento sensoriale e dal senso di controllo garantiti da tecnologie come il GPS, incorporato ormai negli smartphone di tutte le fasce

3: Socialità. Oggi siamo difronte a comunità globali, interconnesse fra loro grazie agli strumenti digitali. Il bisogno originario di appartenenza individuato da Maslow viene inglobato nel bisogno di socialità, soddisfatto da strumenti quali i Social Media che ci permettono di non sentirci soli nella rete. Oltre a questa necessità quasi “sociopatica” di essere coinvolti il più possibile nel mondo virtuale, le nuove tecnologie permettono di abbattere le barriere della comunicazione e delle distanze e la continua evoluzione porterà a risvolti sempre più sorprendenti.

4: Visibilità. Strettamente collegato a quello precedente, il bisogno di visibilità si manifesta nella voglia di partecipare attivamente al web, diventando punti di riferimento e creando dal nulla vere e proprie “professioni”, come lo youtuber, ma anche attraverso la diffusione di informazioni dal basso per altri scopi, come nel caso della “primavera araba”

5. Autorealizzazione. Nonostante possa sembrare banale, in ambito tecnologico si ha autorealizzazione anche in relazione alla tipologia di dispositivo che si utilizza. Negli smartphone tale ruolo è assunto senza dubbio da iPhone, che molto spesso, specie fra i più giovani scaturisce un senso di appagamento che trascende dalle funzionalità. Contestualmente alla crescita della cosiddetta “economia dell’esperienza”, il bisogno di autorealizzazione oggi viene soddisfatto anche da esperienze realizzate, a discapito del possesso di strumenti all’avanguardia.

Il risvolto più importante del discorso è che tutti i bisogni digitali menzionati possono essere soddisfatti dal solo smartphone. La piramide di Maslow, infatti, presupponeva che ad ogni livello corrispondesse un mezzo diverso per raggiungerlo. Un aspetto che sta a testimoniare come un dispositivo possa cambiare le abitudini di vita dei consumatori.
Ovviamente lo smartphone in quanto tale non può essere utile a molto. Occorrono le infrastrutture, le reti adatte, spingendo anche i principali marchi a trovare nuove soluzioni per sfruttare ancora di più le potenzialità della rete, fino ad arrivare al concetto di Internet Of Things, rendendo dei semplici oggetti anche di uso comune dei potenziali terminali di rete.
Oggi abbiamo smartwatch, smart band, televisori smart, perfino lavatrici smart, per creare un vero e proprio ecosistema digitale, sempre connesso e sempre controllabile da remoto.
“Partite dai bisogni dei vostri clienti e costruiteci sopra”, affermazione che dovrebbe fare da monito per tutte le aziende dell’hi-tech. Probabilmente anche l’eccessiva attenzione al prodotto, piuttosto che al consumatore, sta alla base del calo del mercato del settore mobile. Lanciare un nuovo prodotto in un mercato sempre più consapevole (o almeno in parte) diventa difficile se non si dà credito alle esigenze degli utenti finali. Ad esempio: si può realizzare uno smartphone potentissimo, con una velocità di calcolo maggiore di un computer, ma se non lo si dota di un software adeguato sarà un flop. Infine, non bisogna dimenticare come anche i canali di distribuzione hanno subito un’evoluzione, attraverso piattaforme di e-commerce (Amazon ed eBay su tutte) che hanno acquisito un’importanza sempre maggiore nell’acquisto di dispositivi mobili. Sulla base di queste premesse, è possibile passare alla disamina dei principali competitor, da quelli “storici” a quelli emergenti, studiando punti di forza e criticità e capire come si stanno preparando ad affrontare le sfide future.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Competitor e tensioni strategiche del mercato degli smartphone

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Zingariello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Cinzia Genovino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi