Skip to content

La digitalizzazione della propaganda di odio razziale. Una prospettiva comparata

Evoluzione della disciplina giuridica sui discorsi d’odio in Italia

In forza del principio per cui «nessun diritto nasce illimitato e […] qualunque diritto costituzionale deve confrontarsi con gli altri e con gli interessi della collettività», l’ordinamento si pone a garanzia della libertà di espressione sino a quando la mera manifestazione di opinioni personali sfocia nell’«incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi». Nella macrocategoria delle espressioni offensive, perseguite dall’ordinamento, rientrano i discorsi di odio, ovvero manifestazioni dei conflitti tra gruppi o categorie diverse, all'interno della società e tra popoli diversi. È funzionale alla comprensione del fenomeno dell’hate speech, l’individuazione delle dinamiche psicologiche atte a innescare relazioni di odio tra gruppi o singoli individui. In quest’ottica, l’odio è un sentimento negativo generato da un’alterazione sistematica dei processi cognitivi di categorizzazione che ciascun individuo pone in essere per consolidare la propria identità, distinguendo sé stesso dalla collettività. In altri termini, si genera quando la creazione di un’immagine positiva di sé e del proprio gruppo si traduce nella svalutazione sistematica degli altri gruppi, con conseguente mutazione degli stereotipi in pregiudizi. La razionalizzazione dell’odio porterà l’aggressore a ritenere leciti, o addirittura necessari per difendersi, comportamenti esclusivi e lesivi della dignità altrui. I giudici, nella risoluzione dei casi giurisprudenziali, oltre a dover compiere un’operazione di valutazione, bilanciamento e conciliazione di un ensemble di diritti e libertà intangibili, devono affrontare varie problematiche sorte a causa della mancanza di una chiara linea di demarcazione che distingue i contenuti leciti da quelli offensivi. Tale assenza si ripercuote sull’impianto normativo destinato a contrastare l’hate speech che, in alcuni punti, viene definito scarno o di dubbia interpretazione. L’origine della disciplina giuridica contro gli hate speeches e gli hate crimes coincide con la Convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, aperta alla firma a New York il 7 marzo 1966 e ratificata dall’ordinamento italiano con la L. 654/1975. Mediante l’art. 4, la Convenzione vincola gli Stati contraenti a prevenire e condannare come crimine, «ogni diffusione di idee basate sulla superiorità o sull’odio razziale, ogni incitamento alla discriminazione razziale, nonché ogni atto di violenza, od incitamento a tali atti diretti contro ogni razza o gruppo di individui di colore diverso o di diversa origine etnica». La disposizione include il dovere, in capo agli Stati, di dichiarare illegali le organizzazioni e le attività di propaganda razzista e l’obbligo di punire anche la mera partecipazione o i finanziamenti diretti alle suddette attività. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La digitalizzazione della propaganda di odio razziale. Una prospettiva comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Tondelli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Lucia Scaffardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
unione europea
libertà di espressione
diritto comparato
usa
new media
discriminazione
odio razziale
hate crimes
hate speech

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi