Skip to content

Gli iporchemi di Pindaro, commento linguistico e metrico dei frr. 105-117 Sn.-M.

Fortuna dell’iporchema: i cosiddetti canti iporchematici di Sofocle

Il fatto che il cordace sia comune sia a iporchema che a pantomimo, legati entrambi al baccano comico, ci può dare un’idea, sia pure vaga e incerta a proposito della direzione da seguire per poter classificare l’iporchema e della percezione differente rispetto all’emmeleia. Affascinante è il caso dei canti iporchematici, sezioni liriche della drammaturgia sofoclea che avrebbero utilizzato il cordace al posto dell’emmeleia; questo espediente poetico, volto a potenziare l’aspetto drammatico, esprime un momento di gioia e di esaltazione per un pericolo che sembra evitato in prima analisi, ma che poi si ripresenta, determinando una reazione ancor più disperata. A livello uditivo doveva dunque presentarsi come un momento di grande gioia e vivacità immediatamente precedente ad un ritmo decisamente più solenne e sommesso. È chiaramente una tecnica espressiva per potenziare e mettere in risalto il nodo centrale della tragedia. I canti, solitamente affidati al coro, vengono definiti iporchematici, non perché venga inscenato un iporchema al centro di una tragedia, bensì perché l’aggettivo ὑπόρχηματικόν in epoca alessandrina deve essere stato svuotato del suo significato più specifico per includere semplicemente la concezione di un coro che balla, forse vivacemente, mentre canta.
Gli stasimi in questione presentano una struttura similare tra loro che si potrebbe definire tripartita.
In tutti i casi infatti lo schema è:
1) primo annuncio di una notizia positiva o inaspettata dato il corso degli eventi;
2) il coro reagisce con danze e canti di gioia;
3) un secondo annuncio ristabilisce la situazione e la sintonizza con il carattere tragico dell’opera

[...]
Si nota in tutti i casi che la lunghezza approssimativa della sezione lirica iporchematica è di circa 50 versi. In tutte le tragedie a reagire positivamente è il coro, che appunto può ballare alla maniera iporchematica. Questa struttura ben definita manca completamente negli iporchemi propriamente detti: non sembrano esserci poemi caratterizzati né da una gran gioia, né al contrario da una gran tragicità. L’arbitrarietà dell’etichetta di “canti iporchematici” probabilmente deriva da Tzetzes, nel suo elenco delle varie parti della tragedia:

πρόλογος, ὁ ἄγγελός τε καὶ ἐξάγγελος πάροδος, ἐπιπάροδος, μεθ’ ὧν καὶ τὸ στάσιμον, ἕβδομον ὑπορχήματικόν ἀμοιβαῖον.
Il prologo, il messaggero e colui che riporta i messaggi dell’esterno, la parodo e l’epiparodo, dopo questi anche lo stasimo, il settimo è l’amebeo iporchematico.


Secondo Tzetzes si dovrebbe parlare di amebeo iporchematico: un canto in responsione accompagnato da danze. Le possibilità interpretative che si prospettano sono due: la caratteristica responsoriale era già tipica dell’iporchema in tempi remoti ma nessuna fonte lo tramanda; oppure molto più semplicemente si tende ad usare impropriamente l’aggettivo iporchematico per indicare una danza movimentata ed allegra, senza però alcun legame con il dialogo. Nonostante ciò, i canti iporchematici rappresentano un utile esempio di come l’aggettivo abbia subito una progressiva banalizzazione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli iporchemi di Pindaro, commento linguistico e metrico dei frr. 105-117 Sn.-M.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anastasia Di Giuseppe
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Archeologia, Filologia, Letterature e Storie dell'Antichità
  Relatore: Emanuele Dettori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pindaro
frammenti
iporchemi
metrica pindarica
danza nella grecia antica
lirica corale
linguistica greca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi