Skip to content

Pitture murali dell'Oratorio di Pozzoveggiani

Gli affreschi antichi di San Michele nel panorama della pittura medievale

Dopo avere esaminato l’iconografia e descritto i resti superstiti di questa prima e più antica decorazione ad affresco del sacello, è necessario cercare nella pittura altomedievale e medievale, non solo del territorio veneto, dei momenti di contatto o almeno di confronto che permettano di stabilirne una collocazione cronologica e un orientamento stilistico. Analizzando il materiale bibliografico relativo alla chiesa di San Michele non ho potuto trarre vantaggio da alcuno studio relativo agli affreschi; manca infatti, una approfondita analisi che aiuti a sciogliere i numerosi dubbi relativi alla cronologia e allo stile pittorico. Ciò che emerge dalle varie pubblicazioni sulla chiesa è perlopiù un parere che trova concordi gli studiosi ad attribuire gli affreschi superstiti delle pareti nord e sud ad una datazione compresa tra X e XI secolo, quasi esclusivamente sulla base della presunta ricostruzione dell’edificio avvenuta tra questi due secoli. Bellinati, e insieme a lui Calore, nei suoi articoli pubblicati su San Michele affronta quasi sempre problemi circa le fasi evolutive dell’edificio nei secoli facendo riferimenti di tipo stilistico agli affreschi in modo generico, che si risolvono in un’attribuzione al periodo carolingio od ottoniano. Gli unici contributi che gettino una debole luce sono quelli di Semenzato che sottolinea l’estrema importanza di queste testimonianze pittoriche “che hanno un significato liturgico ben evidente e si riferiscono alle fasi più importanti della vita storica della chiesa”, ma che sono pure di difficile collocazione cronologica. Lo studioso pare propenso ad una datazione orientata intorno al X o XI secolo, lasciando tuttavia aperto il problema della loro cronologia per “mancanza di confronti con opere sicure”. Di diverso avviso è invece il contributo di Lorenzoni che attraverso un panorama della pittura veneta del medioevo arriva a citare in ultimo anche gli affreschi più antichi di Pozzoveggiani: “le lunghe e slanciate figure dalle vesti che si concludono con ampie pieghe rotondeggianti, da una parte sembrano ripetere tipologie ottoniane, dall’altra presentano un colore più pastoso, proprio in quelle pieghe corpose, che rimanda, in assenza di confronti pertinenti, piuttosto a una maturazione della struttura figurativa che si è definita ottoniana, però del XII secolo”. Ancora compaiono scarni contributi nelle bibliografie citati in poche righe e che sempre si limitano a datare in modo approssimativo gli affreschi al periodo carolingio od ottoniano, senza tuttavia dare spiegazioni stilistiche che illuminino tali affermazioni. Dunque, un punto che sembra mettere d’accordo la maggior parte degli studiosi che hanno scritto sugli affreschi più antichi di San Michele è quello di una datazione al periodo ottoniano, tra X e XI secolo, datazione suffragata, come già detto, dalla presunta epoca di ricostruzione dell’antico edificio absidato più che da confronti stilistici con altri cicli pittorici o decorazioni miniate. Dal momento che non è possibile trarre sufficienti informazioni dall’oratorio di Pozzoveggiani, data la sua persistente stratificazione nei secoli, l’unico metodo che possa offrire utili informazioni sulla storia di questo ciclo è quello del raffronto con decorazioni vicine sia stilisticamente sia geograficamente. Per iniziare questo percorso è utile partire dall’importanza che in queste terre del Veneto ha avuto l’occupazione longobarda nel corso della seconda metà del VI secolo: a questo periodo si può fare risalire l’inizio dell’Altomedioevo. Al 568 risale la presa di Cividale, a cui segue lo spostamento verso occidente che investe Treviso, Vicenza e Verona occupate da Alboino; Padova cadrà soltanto all’inizio del VII secolo. Delineare la storia della pittura altomedievale nel Veneto significa tenere ben presente l’occupazione longobarda della terra ferma e la continuazione della tradizione tardoantica. Numerosi ritrovamenti recenti testimoniano che si continuò a dipingere e a realizzare mosaici secondo lo stile tardoantico, non solo nel Veneto ma in generale in tutta l’Italia settentrionale. Jesolo, con i mosaici della basilichetta scoperta sotto la cattedrale, e Verona con le tombe dipinte del VII secolo, sono una chiara testimonianza di questo procedimento che vede il ripetersi di formule che avevano avuto un tempo un loro significato in un ambito culturale determinato. Verona e il suo territorio sono un centro di originalità e grande valenza nel periodo storico che vede la fine del dominio longobardo e l’inizio di quello carolingio.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Pitture murali dell'Oratorio di Pozzoveggiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Alunni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Andrea G. De Marchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abside
affreschi
bizantino
cividale
evangelistario
isidoro
lezionario
miniatura
oratorio
ottoniano
padova
pozzoveggiani
reichenau
romanico
sacello
san giorgio oberzell
san michele arcangelo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi