Skip to content

“Un poeta pittor di grottesche”. Il ‘paragone’ fra arti e letteratura negli scritti di Anton Francesco Doni

Gli scritti d'arte, i testi satirici, l'epistolario: citazioni, metafore, incontri

Prima che sulle opere di finzione è bene concentrarsi sull'epistolario del Doni, che consente di definire e chiarire il tessuto di relazioni sociali dell'autore. La gamma dei numerosi destinatari delle lettere da me affrontate, tutte collocabili nel quinto decennio del XVI secolo, si compone sia di personaggi eminenti, come il divino Michelangelo, Montorsoli, Giorgio Vasari, Francesco Salviati, Jacopo Tintoretto, Monsignor Giovio o il Conte Agostino Landi, sia di figure mai identificate, ad esempio Simon Carnesecchi. Già questo scarno elenco dimostra, però, il coinvolgimento del Doni in un circuito culturale eccellente, all'interno del quale egli ci appare intento nello sforzo di costruire rapporti solidi e fruttuosi attraverso il continuo elogio e l'offerta dei propri scritti in cambio di favori ricevuti. Esemplare a questo proposito è una lettera al Buonarroti, scritta da Piacenza il 12 gennaio 1543, in cui Doni incensa con tono entusiastico la sagrestia di San Lorenzo, una Madonna col Bambino, la Biblioteca Laurenziana e la volta della Sistina e conclude con un sonetto innalzato all'“immortal Michelagnolo e divino”. Sorge, quindi, l'opportunità di chiedersi quale risonanza avessero gli interventi del Doni e se l'avessero. In questo caso, come nota il Clements, un passaggio dell'epistola viene tradotto da Francesco Curradi in un ritratto conservato in casa del Buonarroti raffigurante Michelangelo mentre viene condotto su una scala dalla Fama munita di ali e tromba.

Il 3 giugno dello stesso anno, ancora da Piacenza, Doni scrive al Montorsoli, stavolta preoccupato solo di mantenere viva un'amicizia nata in giovinezza, per ragguagliarlo sulle più recenti vicissitudini della propria vita. La stima fraterna induce l'autore ad aprire l'epistola con una lode ai contributi scultorei del Montorsoli nella sepoltura di Jacopo Sannazaro in Santa Maria del Parto a Napoli, descritta non sulla base della visione diretta, ma di quanto detto dallo stesso Montorsoli nella propria lettera. Il medesimo testo è utile anche a ricomporre la circolazione dei lavori del Montorsoli, poiché Anton Francesco ricorda di aver donato, giunto ad Alessandria, al signor Antonio Trotti e alla moglie Isabella Guasca due “modelli vostri”, probabilmente due disegni e, una volta a Milano, a Pietro Ghiglino, Canonico della Scala, “il quadro delle Muse”, alla signora Giulia Guasca, sorella di Isabella, “quell'altro dov'era il Cristo morto di basso rilievo”, forse anch'essi disegni.

Benché sparse in un'esistenza girovaga, come quella di molti suoi contemporanei, le esperienze artistiche fondamentali tra le quali Anton Francesco si muove appartengono alla tradizione fiorentina e a quella veneziana e lo si nota già solo osservando la rosa dei nomi dei suoi interlocutori.

Fra i tributi elargiti alla città natia vi è una lettera al protettore dell'Accademia Pellegrina, il nobile Cipriano Morosini, datata Venezia, 16 agosto 1549, in cui viene presentata un'opera in sei libri interamente dedicata alla civiltà fiorentina “per dare in luce perché la miseria de tempi spegne ogni cosa, et anchora che la città, o i templi, (come fa il tempo) o le case, si rovinassino; resterà pur la memoria et il disegno, di tanta et si bella città; luoghi, et paesi”. Il manoscritto, inviato al Morosini assieme al Disegno affinché lo revisionasse, non è mai stato dato alle stampe, forse, secondo quanto ipotizza Mario Pepe, perché il Doni non riuscì a recuperarlo dopo la morte, avvenuta di lì a breve, di Morosini o perché fu trafugato o distrutto da qualche letterato rivale. Grazie alla missiva, tuttavia, possiamo sapere che il primo libro avrebbe dovuto trattare degli “edifitij honorati” con “tutte le facciate le prospettive, et le piazze in più pezzi et ogni cosa diligentissimamente ritratte”, a conferma della supposta confidenza del Doni con la pratica del disegno; nel secondo sarebbero stati ritratti i dintorni della città, mentre il quarto avrebbe avuto per argomento le medaglie. Un ruolo da vessillifero e divulgatore, dunque, che non si smentisce neppure nei consigli epistolari all'amico letterato Alberto Lollio, in occasione di un suo viaggio a Firenze, sui luoghi e le opere d'arte più degni di una visita.

I frequenti spostamenti consentono comunque al Doni di contemplare dal vivo molti dei capolavori sparpagliati per la penisola, dei quali una lettera non datata a Simon Carnesecchi, offre un cospicuo compendio; vi si accumulano i riferimenti alle città in cui Doni si trova nella prima metà del quinto decennio: Genova, dove vive fra il 1540 e il 1541 insieme al Montorsoli, Pavia, nella quale trascorre il carnevale del 1542 ospitato da Maria e Giovan Stefano da Crema, Padova, in cui è di passaggio nel febbraio 1543, Roma, dove soggiorna nel 1545 probabilmente presso il Giovio e infine Venezia, a più riprese raggiunta, nel 1544, sporadicamente a partire dal 1559 e residenza fra il 1547 e il 1555. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

“Un poeta pittor di grottesche”. Il ‘paragone’ fra arti e letteratura negli scritti di Anton Francesco Doni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Azzurra Frattegiani
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giancarlo Gentilini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

manierismo
michelangelo
grottesche
poligrafo
anton francesco doni
baccio bandinelli
accademia pellegrina
editoria cinquecentesca
primato delle arti
federico zuccari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi