Skip to content

“Un poeta pittor di grottesche”. Il ‘paragone’ fra arti e letteratura negli scritti di Anton Francesco Doni

Estratto della Tesi di Azzurra Frattegiani

Estratto dalla tesi: “Un poeta pittor di grottesche”. Il ‘paragone’ fra arti e letteratura negli scritti di Anton Francesco Doni
9 
 
dal presupposto varchiano dell’identità dei fini, “non doverebbe ogni pittore far 
manco di scultura che di pittura, e ‘l simile lo scultore di pittura che di scultura”
8
.  
Doni, quindi, con il Disegno si schierò a fianco dei fiorentini, sebbene nel 
1549 si fosse già spostato a Venezia, dove la pubblicazione del Dialogo di pittura 
di Paolo Pino nel 1548 e del trattatello Della nobilissima pittura di Michelangelo 
Biondo, quest’ultimo in risposta al Disegno, nel 1549 attestano la diffusione di un 
gusto opposto a quello toscano.          
Il Doni stesso si cimentò nell’arte del disegno; lo provano specialmente tre 
suoi manoscritti illustrati
9
;
  
si è ipotizzato che avesse anche tentato di 
intraprendere la carriera artistica, ma con scarsi esiti
10
. Nonostante le abortite 
pretese, non abbandonò tuttavia la sensibilità per l’immagine, che traspare dalla 
cura profusa nelle edizioni delle sue opere, specie in quelle pubblicate per i tipi di 
Francesco Marcolini, dove è stato riconosciuto un meditato rapporto di 
corrispondenza, derivazione e adattamento fra testo e immagine
11
.  
 Nel torno d’anni in cui elaborò il proprio pensiero in merito al paragone delle 
arti, alcuni fatti editoriali ed epistolari manifestano un coevo interesse per la 
                                                
8
 Cfr. Trattati d’arte del Cinquecento fra manierismo e controriforma, a c. di P. Barocchi, 3 voll., 
Bari 1960-62, I, 1960, p. 82. 
9
 I manoscritti sono: Padova, Biblioteca Universitaria, ms. 4: La Guerra di Cipro; Venezia, 
Biblioteca del Museo Correr, ms. VI n. 711: Nova opinione del Doni sopra le imprese amorose 
et militari; Venezia, Biblioteca del Museo Correr, ms. VI n. 815: Attavanta. Villa del Doni. Il 
Bongi ricorda che Doni «scriveva [libri] accuratamente con bel carattere e talvolta con figure 
toccate a penna, ché in questo valeva assai, per essere offerti a questo o quel signore, al solito 
fine di ottenerne regali» (cfr. A.F. Doni, I Marmi, a c. di E. Chiorboli, 2 voll., Bari 1928, I, 
1928, pp. LX – LXI. In una lettera Doni sostiene inoltre di avere “un capo traboccante di 
disegnare colla penna” (cfr. A.F. Doni, Lettere, Venezia 1545, Libro I, n. XXXIII).  
10
 Si tratta di un’ipotesi avanzata da Mario Pepe nell’Introduzione a A.F. Doni, Disegno, op. cit., p. 
XIII. Pepe lega proprio al mancato avvio della carriera artistica il silenzio del Doni sui suoi anni 
giovanili.   
11
 Si vedano a questo proposito soprattutto Gli Inferni in A.F. Doni, I mondi, Venezia 1552-53. 
L’edizione a cui faccio riferimento è I mondi e gli inferni, a c. di Patrizia Pellizzari, Torino 1994  
e il relativo studio di Giorgio Masi «Quelle discordanze sì perfette»: A. F. Doni 1551 – 1553, in 
“Atti e memorie dell’ Accademia toscana di scienze e lettere ‘La Colombaria’ ”, n.s., XXXIX 
1988, vol. LIII, pp. 9-112.

Estratto dalla tesi:

“Un poeta pittor di grottesche”. Il ‘paragone’ fra arti e letteratura negli scritti di Anton Francesco Doni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Azzurra Frattegiani
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giancarlo Gentilini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

manierismo
michelangelo
grottesche
poligrafo
anton francesco doni
baccio bandinelli
accademia pellegrina
editoria cinquecentesca
primato delle arti
federico zuccari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi