Skip to content

''Le Peintre de la vie moderne'': la prosa d'arte di Charles Baudelaire

Gli Scritti sull'arte di Baudelaire

La critica d'arte come genere letterario risale al Seicento, quando alla produzione artistica si affianca prepotentemente il mercato. La critica infatti ha spesso il ruolo di influenzare il mercato verso un artista o una determinata corrente artistica. In Francia dalla seconda metà del Seicento Luigi XIV autorizza per la prima volta una mostra d'arte, che dal 1833 inizia ad avere una cadenza annuale. Nasce in questo modo il Salon. I resoconti dei primi Salons, quelli settecenteschi, non sono altro che semplici elenchi di opere e di artisti. Solo dalla seconda metà del secolo, quando anche scrittori e intellettuali iniziano a cimentarsi con la critica d'arte, comparvero i primi resoconti più approfonditi. A partire dal Salon del 1759 in particolare la critica d'arte trova in Denis Diderot una sorta di iniziatore di un genere che poi avrà più ampia diffusione.
Nell'Ottocento si fa largo invece una nuova visione, grazie all'impulso del Romanticismo tedesco e della riflessione kantiana. In questo clima, il testimone della critica d'arte passa da Diderot a Baudelaire. Baudelaire che in un certo senso ha inventato un modo nuovo di fare critica d'arte e ancora oggi ne è il re insuperato, perché unisce il giudizio estetico alla consapevolezza storica con un gusto sicuro e senza venir meno alla qualità letteraria della scrittura.
Il poeta delle Fleurs scrisse più testi dedicati all'arte, dagli articoli di giornale alle recensioni di esposizioni a saggi su singoli autori o correnti artistiche. Tra gli scritti più rilevanti per evidenziare un percorso critico: Il Salon de 1845 (1845); Il Salon de 1846 (1846); L'Art romantique (1852); L'Exposition universelle 1855 (1855); Il Salon de 1859 (1859); Le Peintre de la vie moderne (1863); L'OEuvre et la vie d'Eugène Delacroix (1863) e Curiosités esthétiques (1868).
Il Salon de 1845 mantiene una classificazione tradizionale, in linea con quelli coevi di altri autori. Scrivendo di Corot, pittore considerato tra i maggiori paesaggisti francesi dell'Ottocento, Baudelaire segna il grande divario tra realizzazione obiettiva e realizzazione spirituale di un dipinto, preferendo la seconda perché basata sulle emozioni. Comincia anche a intravedere il pericolo del classicismo freddo e obiettivo, svuotato di qualsiasi contenuto attuale, di interesse per la realtà viva che circonda l'uomo. Cerca dunque di segnare la strada verso la quale i pittori avrebbero dovuto indirizzarsi: guardare la vita moderna ed estrarne ciò che possiede di eroico e di epico. Analizzando invece la prosa del Salon essa «ha il movimento di una partitura fortemente discorsiva, con formule energiche e quasi perentorie, con sospensioni, dissonanze, scatti sarcasmi, che si alternano ai toni alti, all'invenzione lirica del riscontro critico a contatto diretto con l'opera». Parlando del ruolo del pittore, attraverso uno stile che riesce a legare il lettore al testo, sosteneva che «Le peintre, le vrai peintre sera celui qui pourra arracher son côté épique à la vie d'aujourd'hui, et nous faire voir et comprendre, à travers la couleur et le dessin, à quel point nous sommes grands et poétiques avec nos cravates et nos chaussures vernies». Il pittore dunque deve far vedere e far comprendere attraverso i mezzi del colore e del disegno ciò che non riusciamo a comprendere normalmente. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

''Le Peintre de la vie moderne'': la prosa d'arte di Charles Baudelaire

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Feneri
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Alessandra Preda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moda
arte
parigi
modernità
critica d'arte
dandy
bellezza
baudelaire
peintre
guys

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi