Skip to content

Insediamenti eremitici e monastici della costa ligure tra V e XI secolo

I benedettini in Liguria (dalle origini alla metà del xi secolo)

Nel 1956 Gregorio Penco faceva notare come il monachesimo fosse, per la regione ligure, allo stesso tempo “fattore nuovo”, ultima forma organizzativa e sociale del mondo antico, apportatore di movimenti etnici extra-italici (oltre che continuatore di correnti migratorie antichissime, come quella della penisola iberica, legata, per esempio, all’insediamento di San Fruttuoso di Capodimonte), ma anche “un addentellato con le vetuste forme degli ordinamenti anteriori, sia precristiani che paleocristiani, elemento conservatore e coordinatore delle istituzioni della romanità e del Cristianesimo”.

Tuttavia, risulta estremamente difficile, oggi, per chi si occupa di monachesimo benedettino ligure, comprendere l’importanza che esso svolse in passato: di “codesta meravigliosa attività” rimangono, infatti, solamente ruderi, qualche tradizione e ricordi toponomastici. Ancora il Penco evidenziò come “l’oscurità che avvolge le origini della vita ecclesiastica ligure si [infittisca] quando si esaminano, in particolare, i primordi del monachesimo benedettino” ligure: d’altronde, risulta facile comprenderne le ragioni, se si pensa che la prima diffusione della Regola avvenne in un’epoca interessata dalle invasioni longobarde.

Ciononostante, se in un primo momento potevano sembrare davvero irrisorie le tracce rimaste (in particolar modo, per quel che concerne le isole liguri) gli scavi, condotti nel corso degli anni, hanno permesso di disporre di maggiori informazioni a riguardo. È, comunque, altresì doveroso constatare come il confronto con la magniloquenza delle leggende giunte fino a noi finisca col rendere assai più modeste ed incerte le origini di questo fenomeno.

Si deve, inoltre, sottolineare come il monachesimo “per la nostra regione fu per la massima parte, se non per la totalità, un fenomeno allogeno e certo non benedettino”: esso risentì, infatti, di diverse influenze tra le quali, come già accennato, quella orientale, quella gallo-romana, dell’area provenzale, e, probabilmente, seppur in minima parte, di quella padana (in relazione all’arrivo dei vescovi ambrosiani in città). In passato, si sostenne, curiosamente, che il monachesimo benedettino si fosse propagato già durante la vita del Fondatore, San Benedetto, anche se, secondo il Giordano, fu solo con la fine del VI secolo che questa diffusione si fece chiaramente riscontrabile, probabilmente a partire dal 581, anno in cui i Longobardi, attaccando il monastero di Montecassino, costrinsero i monaci a cercare altri luoghi dove far prosperare il loro stile di vita.

Il Penco ritenne, invece, che la regola benedettina fosse stata pienamente accolta in Liguria soltanto durante l’VIII secolo ed individuò nei monasteri dell’albenganese i primi suoi seguaci: il monastero di San Calocero fuori le mura, il monastero di San Pietro in Varatella sopra Toirano e il monastero di Santa Maria del Canneto a Taggia.

A Genova, il primo insediamento benedettino si sarebbe collocato presso l’abbazia di Santo Stefano, ceduta all’ordine dal vescovo Teodolfo dopo il 960: a questo insediamento avrebbero fatto seguito quelli di San Siro, prima sede della cattedrale cittadina, come si avrà modo di vedere in seguito, San Tommaso e Santa Sabina. Tuttavia, è il fenomeno nel suo insieme a risultare di difficile inquadramento per l’intera città, così “poco consona al monachesimo del tempo”, che si reggeva, soprattutto, su un’economia agricola (come dimostrano le due fondazioni lontane dai centri abitati di Brugnato e di San Pietro di Varatella). Due dati sono comunque certi: gli insediamenti che si vanno creando nel genovesato non sono “ricostruzion[i] di antichi cenobi, andati distrutti per mano degli infedeli […]: si tratta, invece, della fondazione di organismi nuovi, anche se costruiti, almeno alcuni, su chiese antichissime, i quali esprimono esigenze peculiari del luogo” e, in secondo luogo, è tra la fine del X e i primi dell’XI secolo che si attestano le principali “tracce di vita monastica, strettamente connessa alla diffusione della Regola di San Benedetto”, in connessione all’opera dei vescovi, come spiegato precedentemente in nota.

La propagazione dei Benedettini in Liguria, però, non è da ascriversi soltanto al filone localizzato lungo la via costiera, ma, anche, a quello inerente le zone più interne della regione, soprattutto per il versante di Ponente, dove, oltre ai già ricordati eremi insulari, troviamo Santa Maria del Canneto a Taggia, filiazione dipendente dall’importante cenobio appenninico di San Dalmazzo di Pedona: qui i monaci, non solo sarebbero riusciti ad entrare in possesso di un’estesa quantità di terreno, presso le località limitrofe, distinguendosi, tra le altre cose, per la diffusione dell’olivo tipicamente taggiasco, ma avrebbero anche dato vita a due fondazioni: la prima presso la località chiamata “Costa Balenae” e la seconda nella zona di San Maurizio.

L’arrivo dei benedettini a Ventimiglia, sarebbe invece, da far risalire, secondo la tradizione, al IX secolo, quando i religiosi vennero chiamati dai Conti di Albintimilium, che dovettero trovare un già esistente monastero in stato di totale abbandono, a seguito delle già ricordate scorrerie saracene: per riqualificare l’insediamento essi pensarono, perciò, di affidarne la cura ai monaci delle vicine isole lerinesi.

Spartiacque essenziale per la storia del monachesimo benedettino ligure fu, comunque, senza alcun dubbio, “la forzata annessione della Provincia Maritima Italorum al regno longobardo”. Gli insediamenti religiosi bizantini furono distrutti o lasciati alla lenta e inesorabile rovina naturale: uniche eccezioni furono Lérins e Bobbio, anche se la Polonio ha fatto recentemente notare come le distruzioni attribuite all’attacco di Rotari ebbero, in realtà, un impatto di gran lunga meno violento di quanto da sempre ritenuto.Il periodo carolingio fu, invece, meno favorevole allo sviluppo del monachesimo in Liguria: quest’età, infatti, si distinse per le incursioni saracene, e la principale preoccupazione si rivelò quella di portare al sicuro le reliquie dei santi, come si è già potuto constatare in altre parti della trattazione.

Parafrasando le parole del Pistarino, si può dunque essere concordi sul fatto che il monachesimo in Liguria si sia diffuso grazie a una serie di condizioni ambientali caratteristiche propizie: benché, infatti, come già visto, la regione risultasse apparentemente inadatta a recepire pienamente questo fenomeno (soprattutto per chiostri di grande importanza), la storia del monachesimo benedettino ligure, tuttavia non si risolve in una serie di situazioni isolate, ma dimostra, seppur diversamente da altre zone italiane, “una linea organica di continuità storica”, da rintracciarsi nella “funzione costante” che il monachesimo benedettino ligure ha svolto come “elemento equilibratore della dialettica fra terra e mare”. Non ci si deve, inoltre, mai dimenticare dell’importanza delle donazioni che questi complessi monastici erano in grado di stimolare, come avremo modo di constatare più volte nel corso della nostra trattazione.

Tuttavia, a questa fase di rapida ascesa seguì, inevitabilmente, un primo periodo di decadenza: “il colpo fatale venne […] dalle invasioni saracene”. La nascita di nuove fondazioni cluniacensi in Francia, tuttavia, si rivelò un vero amuleto, per il rifiorire del monachesimo ligure, soprattutto grazie all’opera che qui svolse Maiolo, abate di Cluny, che considerò la Liguria quasi come una provincia francese.

Altrettanto importanti furono “la costruzione delle tre famose marche del 950-951, l’Obertenga, l’Aleramica e l’Arduinica” e quella che potrebbe considerarsi una crociata ante litteram contro i saraceni di Frassineto, in conseguenza alla cattura proprio dell’abate Maiolo: si apriva, così, un nuovo periodo di forte espansione per il monachesimo benedettino, che avrebbe conosciuto, invece, la grande crisi nel XII secolo, a causa, sia di una certa “rilassatezza della disciplina […]”, sia della comparsa degli ordini mendicanti, facenti capo a due personaggi destinati a rivestire un ruolo fondamentale nella storia del monachesimo, quali San Francesco e San Domenico: anche se la diffusione dei loro insediamenti in Liguria non fu rapidissima, si venne comunque a creare una “specie di contrasto con l’ordinamento dei monasteri benedettini”.

È doveroso infine segnalare, come d’altronde ha già fatto notare Colette Dufour Bozzo, l’importanza che quest’ordine ha rappresentato per il “decollo dell’architettura religiosa fra città, suburbio e contado” grazie alle loro committenze e alla loro manovalanza, come si avrà modo di osservare soprattutto durante la trattazione degli insediamenti di San Fruttuoso di Capodimonte, San Siro e San Tommaso.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Insediamenti eremitici e monastici della costa ligure tra V e XI secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Fusco
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Consevazione dei Beni Culturali
  Relatore: Alessandra Frondoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

genova
monachesimo
benedettini
bergeggi
tino
eremitismo
san venerio
san siro di struppa
gallinaria
lérins
sant'onorato
san fruttuoso di capodimonte
sant'eugenio di noli
san martino di tours
san michele di ventimiglia
tinetto
chiesa san siro
chiesa santa sabina
chiesa san tommaso
chiesa santo stefano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi