Skip to content

Par condicio e intervento dei creditori

I creditori legittimati all’intervento

Innanzitutto, è stato riformato l’art. 499 c.p.

c. che legittima all’intervento, da un lato, i creditori in possesso di titolo esecutivo, dall’altro, i creditori che, al momento del pignoramento, avevano eseguito un sequestro sui beni pignorati, oppure erano titolari di un diritto di pegno o di prelazione risultante da pubblici registri.
L’elencazione contenuta al 1° comma dell’art. 499 non è, però, esaustiva, dovendo essere integrata dalle altre previsioni normative che consentono il legittimo intervento nel processo espropriativo di creditori non titolati. Tra queste, innanzitutto, l’art. 2812 c.c. il quale, visto che le servitù, i diritti di usufrutto, di uso e d’abitazione -inopponibili (perché trascritti dopo l’iscrizione) al creditore ipotecario, che quindi può far subastare la cosa come libera, si estinguono con l’espropriazione del fondo - prevede che i titolari di tali diritti possano fare valere le proprie ragioni sul ricavato, con preferenza rispetto alle ipoteche iscritte successivamente alla trascrizione dei diritti medesimi.

Vanno, poi, senz’altro inclusi tra i legittimati all’intervento, quei creditori che abbiano conseguito un provvedimento d’urgenza per condanna al pagamento di somme, in quanto tale titolo, pur essendo di natura cautelare, giustificava (e giustifica) ai sensi dell’art. 669 duodecies c.p.c. l’espropriazione nelle forme del Libro III, escluse soltanto le formalità preliminari della notifica del titolo esecutivo e del precetto.

Alla luce di tali previsioni sulla legittimazione all’intervento, il disegno del legislatore del maggio 2005 sembrava quello di fissare nel possesso del titolo esecutivo “l’unico valido passepartout per accedere ad un’esecuzione individuale da altri promossa” con le “eccezioni” e le aggiunte appena viste. Disegno che, peraltro, riprendeva gli obiettivi a base del progetto di riforma elaborato dalla Commissione presieduta dal Prof. Tarzia un decennio prima, ossia “recuperare la centralità del titolo esecutivo e depurare, per quanto possibile, l’esecuzione dagli incidenti cognitivi causati dalla presenza di creditori sine titulo, onde consentire alla procedura di addivenire ad una migliore funzionalità, efficienza, celerità”.
Queste furono fondamentalmente le idee che costituirono gli assi portanti della riforma, fino a ricostruire su un nuovo assetto l’intero processo di espropriazione forzata.
Tuttavia, il nuovo equilibrio, basato sulla centralità del titolo esecutivo, venne ben presto turbato, con le modifiche apportate dall’art. 1 della legge 28 dicembre 2005, n. 263, dall’introduzione di una nuova categoria di creditori non titolati ammessi all’intervento, ossia i titolari, al momento del pignoramento, di crediti di somme di denaro risultanti dalle scritture contabili di cui all’art. 2214 c.c.

Ai sensi del novellato secondo comma dell’art. 499 c.p.c., tali creditori possono intervenire nell’esecuzione forzata da altri promossa depositando l’atto d’intervento nella cancelleria del g.e. e provvedendo, nei dieci giorni successivi al deposito, a pena d’inammissibilità, a notificare al debitore copia del ricorso e dell’estratto autentico notarile attestante il credito.
A questa modifica si aggiunge, poi, la previsione, al sesto comma dello stesso articolo, di un sub-procedimento di verificazione dei crediti di coloro che sono sprovvisti di titolo esecutivo, basato sul riconoscimento (o sulla mancata contestazione) che il debitore esecutato effettua in un’apposita udienza di comparizione delle parti, fissata dal g.e. con l’ordinanza che dispone la vendita o l’assegnazione, il tutto al fine di far conseguire a tali soggetti la plena legitimatio ad concursum.
L’ammissione al concorso di questi creditori non titolati stravolge la coerenza del sistema processuale delineato dal legislatore qualche mese addietro, sistema in cui, una volta posta la regola del necessario possesso del titolo esecutivo ai fini dell’intervento, le uniche eccezioni consentite – creditori pignoratizi, creditori con diritto di prelazione risultante da pubblici registri, creditori sequestranti, creditori in possesso di provvedimenti cautelari aventi ad oggetto somme di denaro e titolari di diritti reali limitati sul bene oggetto del pignoramento- trovavano un loro fondamento in ragioni di diritto sostanziale o di pienezza della tutela processuale.

Sulla nuova figura di creditore legittimato all’intervento, sono stati espressi da più parti dubbi di legittimità costituzionale: in particolare, la ratio sottesa all’art. 3 Cost. risulta disattesa sia che si confronti la sua posizione con quella di altri il cui credito risulti da un documento scritto, sia che la si confronti con quella degli altri creditori non titolati (che continuano ad essere) ammessi all’intervento dal primo comma dell’art. 499 c.p.c. Rispetto a questi ultimi, infatti (per i motivi supra accennati), si registra un trattamento omogeneo per situazioni obiettivamente diverse.

In particolare, l’irragionevolezza dell’intervento legislativo si può cogliere sotto due aspetti: innanzitutto, considerando l’obiettivo della riforma di ridurre gli incidenti cognitivi sollecitati dalla presenza nel
processo di creditori non titolati, di sicuro non giova a molto l’aver ammesso all’intervento soggetti i cui crediti risultano da scritture contabili, né l’aver inserito il meccanismo di cui al sesto comma dell’art. 499 c.p.c. che, in fin dei conti, consente solo di accantonare le problematiche connesse alla verifica anticipata dei crediti che, tra l’altro, sono suscettibili di sorgere anche prima del “riconoscimento”, in occasione dell’assunzione di certi provvedimenti esecutivi che presuppongono una cognizione, per quanto sommaria, di tutti i crediti in concorso. Sotto un altro punto di vista, l’irragionevolezza della disposizione si coglie non appena si provi a verificare la sua intrinseca coerenza nell’ambito dell’intero ordinamento processuale: ad esempio, sul piano probatorio, alle scritture contabili di cui all’art. 2214 c.c. viene riconosciuta in sede esecutiva una valenza che non hanno né in un ordinario processo di cognizione, né in un procedimento d’ingiunzione.

Già da questi pochi rilievi emerge chiaramente come l’ammissione al concorso del “creditor contabile” sia potenzialmente un elemento capace di mettere in crisi l’intero sistema: in dottrina, infatti, tra le varie interpretazioni proposte, sono emerse letture “costituzionalmente orientate” che, per salvaguardare il principio d’uguaglianza, ritengono che si debbano ammettere al concorso tutti i creditori in possesso di una prova documentale o, addirittura, a prescindere da questa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Par condicio e intervento dei creditori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Alabiso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Diritto Processuale Civile Progredito (esecuzioni)
  Relatore: Bruno Capponi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esecuzione
intervento creditori
titolo esecutivo
par condicio creditori
intervento titolato
pignoramento successivo
difetto sopravvenuto titolo esecutivo
art.500 c.p.c.
art.629 c.p.c.
art.2741 c.c.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi