Skip to content

Valutazione comparativa delle proprietà fertilizzanti di digestati

I fanghi

I fanghi, sono definiti come materiali melmosi (con un contenuto di acqua intorno al 90%) che derivano dal trattamento di depurazione delle acque di fogna urbane e degli scarichi industriali (Genevini e Mezzanotte, 1991), che non possono essere immesse tal quale nella rete idrica a causa del loro carico di materiali inquinanti (sostanza organica, metalli pesanti, agenti patogeni, composti organici di sintesi di vario tipo). A seguito dei trattamenti di depurazione realizzati in appositi impianti, vengono prodotti effluenti depurati, immessi nella rete idrica, e fanghi, ricchi ancora in sostanza organica ma anche delle sostanze sopra elencate, che devono essere smaltiti.
La via economicamente più conveniente è quella dell’applicazione al suolo, avendo questo la capacità di digerire qualsiasi tipo di residuo. Tuttavia, poiché il suolo agrario non deve essere considerato una discarica, l’applicazione dei fanghi deve necessariamente prevedere l’uso di materiali la cui composizione non inibisca o comunque comprometta l’attività biologica del suolo stesso. Sussistono problemi anche di ordine agronomico, che si contrappongono agli stessi benefici per gli apporti di sostanza organica e che riguardano la salinità del suolo, la modificazione del pH, l’eccesso di elementi nutritivi, come il fosforo, e le loro implicazioni.
I vantaggi dati dall’applicazione del fango all’agroecosistema sono tali da porsi a confronto con un fertilizzante chimico tradizionale. L’apporto di sostanza organica (contenuta nel fango circa al 50% s.s.) è infatti in grado di migliorare la struttura del terreno, influenzando i fenomeni di infiltrazione, porosità, CSC, densità e stabilità degli aggregati. Si potrebbe quindi ipotizzare l’apporto di sostanza organica attraverso il fango come pratica agricola ordinaria per poter mantenere le migliori condizioni di fertilità del terreno stesso.
I fanghi sono il prodotto di risulta dei processi di depurazione e sono costituiti sostanzialmente da una sospensione acquosa a titolo variabile di sostanza secca, la cui frazione organica comprende sostanze biologicamente inerti e le biomasse, prevalentemente batteriche, responsabili della degradazione. La componente inorganica deriva invece dai sali di origine fisiologica e domestica, originariamente presenti nei liquami e/o dall’aggiunta di flocculanti o condizionanti per il processo di depurazione o per il trattamento del fango stesso.
Si individuano tre linee di produzione del fango:
- fango da pretrattamenti, costituito essenzialmente da materiale grossolano, grigliato e sabbia, il cui destino finale è generalmente l’invio a discarica o l’incenerimento;
- fango fresco primario, proveniente da trattamenti di sedimentazione primaria, con un tenore in sostanza secca intorno al 5%;
- fango fresco secondario, proveniente da sedimentazione secondaria, costituito da una frazione secca dello 0.8-1.0%, ricca di biomasse provenienti dal trattamento biologico vero e proprio, costituito da un sistema da fanghi attivi.
Lo smaltimento finale dei fanghi freschi presenta problemi dovuti essenzialmente ad alcune caratteristiche dei fanghi stessi quali:
- eccessivo contenuto di acqua, che ne determina il rilevante volume e quindi la difficoltà ed il costo di smaltimento;
- eccessiva putrescibilità della sostanza organica, cui è associata l’esalazione di cattivi odori,
- potenziale contenuto di organismi patogeni;
- potenziale contenuto di sostanze indesiderate o tossiche per l’uomo, i vegetali o gli animali.
Per ovviare a tutti o in parte ai suddetti inconvenienti, che limitano o rendono eccessivamente oneroso lo smaltimento finale, i fanghi freschi vengono sottoposti ad ulteriori trattamenti, il cui obiettivo principale è la riduzione del contenuto in acqua, cui corrisponde un incremento della concentrazione della sostanza secca. Il ciclo tecnologico più frequentemente adottato comprende: ispessimento, stabilizzazione biologica, disidratazione naturale o artificiale e smaltimento finale.
Il tipo di fango più comune per l’utilizzo agricolo è quello di origine urbano, digerito biologicamente e stabilizzato per via aerobica o anaerobica, con un’umidità pari circa al 95%.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Valutazione comparativa delle proprietà fertilizzanti di digestati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Boati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Fulvia Tambone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abp anaerobic biogasification potential
ammendanti
anaerobic digestion
apporti antropici di sostanza organica
biogas
biomassa
colture energetiche
compost
degradazione della sostanza organica
digestati
digestione anaerobica
fanghi biologici
fanghi da depurazione
fertilità dei suoli
fertilizzante
forsu frazione organica rifiuti solidi urbani
glicerina
liquame
raccolta differenziata
scarti agroindustriali
sostanza organica
sostenibilità in agricoltura
spettroscopia per risonanza magnetica nucleare 13c
substrate oxygen uptake rate (sour test)

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi