Skip to content

Aspetti e problemi dell'idrografia dantesca

I fiumi nella vita di Dante

Dante sente con il fiume un forte radicamento, quello che richiama alle origini e alle generazioni che in quella terra e in quelle acque si sono sviluppate. Il fiume diventa contenitore di memorie storiche e civili. Lo stesso Dante può col-legare al fiume Arno la sua vicenda personale, esso può infatti raccontare delle sue radici fiorentine e comunali, mutando il suo corso e il suo significato in base a come mutano le vicende politiche e storiche che lo circondano (Inf.

, XXIII 94-96):

E io a loro: «I’ fui nato e cresciuto
sovra ’l bel fiume d’Arno a la gran villa,
e son col corpo ch’i’ ho sempre avuto.

Nell’opera del poeta, il fiume Arno, verrà utilizzato per datare le sue Epistole (VI e VII). Nella Vita Nova, esso viene presentato come un fiume “bello e corrente e chiarissimo” (Vita Nova, IX). Nel tessuto della Commedia, invece, il motivo del fiume cambia, dall’orgoglioso compiacimento mostrato ai due frati nella bolgia degli ipocriti nel ventitreesimo canto dell’Inferno (Inf., XIII 94-95), si arriva ad una denuncia della decadenza e della generazione italiana di cui Dante diventa giudice, tanto da non nominare più quel fiume che tanta importanza aveva avuto nel presentare le sue origini.

Di particolare interesse è l’utilizzo del nome Sarnus al posto di Arno nelle opere dantesche. L’identificazione di Sarnus = Arnus, deriverebbe dallo storico cristiano Paolo Orosio e da un suo errore di decifrazione. Ritroviamo il toponimo Sarnus sia in De Vulgari Eloquentia I 6: “quanquam Sarnum biberimus ante dentes”; che nelle Epistole IV, VI e VII; ma anche nelle Egloghe, in particolare nell’egloga I e III. L'uso più antico, nella letteratura latina, dell'idronimo Sarnus, ossia del termine corrispondente all'odierno fiume Sarno campàno che nasce dalle pendici dei monti prossimi alla città di Sarno, risale a Virgilio, che sulle sponde di quel golfo visse, dal 42 al 39 a. C. In Aen., VII Virgilio, infatti, narra dell'arrivo di Enea nella 'terra promessa'. Egli vi descrive la risalita del Tevere, l'accoglienza benevola da parte del re Latino, che all'eroe troiano offre in moglie la figlia Lavinia, e il successivo rovinarsi dei rapporti per l'odio di Giunone. Nel lungo elenco compare Ebalo, il quale ha esteso il suo dominio ai Sarrasti ed alle “terre che il Sarno irriga”, oltre che ad altre genti e terre della Campania.

Tuttavia, l'idronimo Sarnus non lo rinveniamo nelle opere dei contemporanei di Virgilio, neppure nelle parti rimasteci dell’opera di Livio, dove invece appare il simile Arnus, col quale esso sarà confuso. Tra il IV ed il V secolo il termine Sarnus compare nel commentario virgiliano di Servio, in relazione ad Aen., VII 738, e con questo commento rientriamo in uno di quei casi direttamente legati a Virgilio.
Il poeta mantovano però non avrebbe mai immaginato che Sarnus di Aen., VII 738 avrebbe significato, nel futuro, anche "Arno". Eppure, proprio rifacendosi a questo passo virgiliano e citandolo non opportunamente, agli inizi del V secolo, lo storico cristiano Paolo Orosio, nei suoi Historiarum adversum paganos libri VII, identifica con il Sarnus dell'Eneide, l'Arno che con le sue inondazioni rese disastroso il percorso toscano di Annibale. Gli esempi fiorentini dovettero avere la loro importanza nel determinare l'uso errato del termine nelle opere dantesche, ma più probabilmente fu Orosio il punto di riferimento culturale an-che per Dante. Orosio, infatti, fu noto ed anzi piacque tanto al poeta fiorentino, che ammirava anche il latino dello scrittore cristiano e prospettava un’interpretazione della storia non dissimile dalla sua. Dante mostra di avere accolto la concezione geografica di Orosio e, soprattutto, di essersi basato molto spesso proprio sulle Storie nel riportare episodi, date e personaggi storici. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aspetti e problemi dell'idrografia dantesca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta D'Andrea
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Massimiliano Corrado
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dante
divina commedia
idrografia
acheronte
eunoe
flegetonte
stige
cocito
lete
fiumana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi