Skip to content

L'impatto della sentenza delle S.U. n. 500 del 1999 sulla c.d. questione della risarcibilità degli interessi legittimi

I motivi del rigetto dell'istanza risarcitoria

Quattro delle dieci sentenze post 1999 esaminate hanno rigettato la domanda risarcitoria del privato.
In due di queste il giudice motiva la propria decisione con riferimento alla mancata prova da parte del privato degli elementi costitutivi dell'illecito aquiliano.
Uno di questi è il caso che vedeva il sig. Alessandro R. e la sig.ra Silvia N., che avevano partecipato alle procedure di selezione per la copertura di un posto di collaboratore amministrativo indetto da un piccolo Comune della riviera ligure, chiedere al giudice amministrativo di dichiarare l'illegittimità degli atti di esclusione e di condannare contestualmente l'amministrazione al risarcimento del danno da perdita di chance patito.
Il collegio genovese ha ritenuto irricevibile, per tardività, l'istanza demolitoria, mentre in relazione a quella risarcitoria ha dichiarato di poter prescindere dall'affrontare la questione della c.d. pregiudiziale amministrativa, giacché, nel caso di specie, la domanda si appalesava infondata, in quanto generica e totalmente sfornita di prova circa l'esistenza di un danno risarcibile.
Entrando più nello specifico, il giudice ha ritenuto che anche con riferimento al danno c.d. da perdita di chance “il ricorrente ha l'onere di provare gli elementi atti a dimostrare, pur se in modo presuntivo e basato sul calcolo delle probabilità, la possibilità che egli avrebbe avuto di conseguire il risultato sperato, atteso che la valutazione equitativa del danno, ai sensi dell'art. 1226 c.c., presuppone che risulti comprovata l'esistenza di un danno risarcibile”. Nel caso di specie tale onere non è stato considerato assolto dai ricorrenti, perciò la domanda risarcitoria non è stata accolta.
Le altre motivazioni con le quali il giudice ha rigettato la domanda risarcitoria del privato, nelle decisioni esaminate, attengono: alla mancanza del presupposto dell'illegittimità del provvedimento contestato; alla mancata impugnazione del provvedimento lesivo, quando in questo modo si sarebbe potuto evitare o mitigare il danno subito; ed alla riqualificazione, da parte del giudice, del petitum del ricorrente in una sorta di domanda di adempimento rivolta nei confronti dell'amministrazione in relazione ai suoi doveri retributivi, fondati sul rapporto di pubblico impiego.
Quest'ultima questione merita di essere approfondita.
I casi in cui il giudice si è pronunciato in tale maniera sono quelli dove il privato, ingiustamente escluso da un pubblico concorso, ha impugnato con un primo ricorso gli atti di esclusione, ottenendone l'annullamento. Così, in ottemperanza alla pronuncia del giudice amministrativo, viene assunto tardivamente dall'amministrazione, con decorrenza giuridica dal momento in cui sarebbe dovuto essere assunto se il concorso si fosse svolto legittimamente e con decorrenza economica dal momento in cui avrebbe preso effettivamente ruolo all'interno dell'amministrazione. Il privato, quindi, si rivolge nuovamente al giudice per chiedere la condanna dell'amministrazione al risarcimento ex art. 2043 c.c. del danno arrecatogli a causa dell'illegittimità del concorso, determinato nell'ammontare della mancata retribuzione per il periodo che decorre dal momento in cui sarebbe dovuto essere assunto qualora il concorso si fosse svolto legittimamente e la data dell'assunzione effettiva. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'impatto della sentenza delle S.U. n. 500 del 1999 sulla c.d. questione della risarcibilità degli interessi legittimi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Fauda
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Roberto Cavallo Perin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

interessi legittimi
interesse legittimo
risarcibilità interesse legittimo
muro di irrisarcibilità
risarcibilità interessi legittimi
risarcimento interesse legittimo
risarcimento interessi legittimi
500/99/su
s.u. 500/1999
22/07/1999 n. 500

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi