Skip to content

Contesa e dinamiche del controllo societario: Caso Mondadori

Il ''Lodo Mondadori''

Con le prime aperture a trattare da parte dell’alleanza al vertice di Mondadori e dopo la tregua sulla questione dell’OPAS per la scalata a L’Espresso, i contendenti raggiungono il primo punto d’incontro riguardo la questione delle azioni dei Formenton. Entrambe le parti vogliono arrivare il prima possibile alla soluzione di questa diatriba, anche perché, quelle azioni, promesse prima all’uno, poi all’altro, hanno un peso fondamentale negli equilibri del controllo di Amef e Mondadori.
Le parti decidono allora di ricorrere, il 3 maggio 1990, ad un arbitrato, per avere un procedimento alternativo a quello giudiziale, ma con gli stessi effetti e soprattutto in tempi più brevi. I tre arbitri Pietro Rescigno (designato CIR), Natalino Irti (scelto da Mondadori) e Carlo Maria Pratis (procuratore della Corte di Cassazione) emettono il loro verdetto il 20 giugno 1990: l’accordo con i Formenton è valido a tutti gli effetti ed il pacchetto azionario di questi ultimi deve passare in mano alla CIR entro fine gennaio 1991. Così, dopo aver perso la presidenza di Amef, con Fedele Confalonieri sostituito da Giacinto Spizzico per un mandato di “reggenza” per volere del Tribunale dopo le decisioni sulle azioni dei Formenton, Berlusconi, nonostante un tentativo in extremis di ricorso alla pretura (ricorso stavolta bocciato) tra il 26 ed il 27 giugno, il 29 giugno 1990, dopo soli 5 mesi deve abbandonare la presidenza di Mondadori per assistere all’insediarsi, tra il 9 ed il 13 luglio, di un nuovo cda “neutrale”, voluto dal Tribunale di Milano, con ancora Giacinto Spizzico Presidente, altri due membri voluti dal Tribunale, quattro membri per la CIR ed altri quattro per l’alleanza Fininvest-Mondadori-Formenton. In virtù della ritrovata maggioranza di De Benedetti però Spizzico nomina per importanti posizioni al vertice, uomini vicini all’Ingegnere: Carlo Caracciolo ed Antonio Coppi Amministratori Delegati e Corrado Passera Direttore Generale. De Benedetti ha vinto e viene meno il suo desiderio di trattative.
Gli sconfitti però, come sempre accaduto per tutte le vicende sinora trattate, non si danno per vinti e i Formenton impugnano la sentenza dell’arbitrato, il cd. “Lodo Mondadori”, davanti alla Corte d’Appello di Roma ed il 24 gennaio 1991, i giudici Arnaldo Valente, Giovanni Paolini e Vittorio Metta, sanciscono la nullità del lodo, perché una parte dell’accordo del 1988 tra De Benedetti ed i Formenton, era in contrasto con la normativa delle società per azioni.
Questa sentenza scatena l’ennesimo ribaltone, con il controllo dell’assemblea ordinaria Amef, e quindi anche di quella Mondadori, che torna in mano a Berlusconi ed alleati (Leonardo Mondadori viene nominato Presidente Amef) , che si apprestano a chiedere le dimissioni del cda presieduto da Giacinto Spizzico, mentre i legali CIR annunciano il contro-ricorso e alcune tra le più importanti firme del gruppo editoriale annunciano le proprie dimissioni. Torna di moda allora tra le parti, l’idea dell’accordo dato che la contesa per la Mondadori ha scatenato una guerra che ha determinato un grave impegno finanziario per i contendenti, per quanto ancora si potrebbe protrarre la cd. Guerra di Segrate?

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Contesa e dinamiche del controllo societario: Caso Mondadori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alex Arcangelo Selvaggini
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Pierre Di Toro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

strategia
azioni
spa
la repubblica
azienda
berlusconi
de benedetti
espresso
governance
repubblica
s.p.a.
assemblea
cir
mondadori
l'espresso
ordinaria
segrate
formenton
finivest
rete 4
arnoldo mondadori
polillo
ciarrapico
contesa

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi