Skip to content

«Il diritto di chi sa meglio civilizzare». Riflessi della colonizzazione italiana in Libia sulle pagine de “Il Corriere della Sera”.

Il Corriere della Sera e la campagna di Libia

Esamineremo in questa sede quanto e come Il Corriere della Sera abbia influenzato l’opinione pubblica attraverso i suoi editoriali e gli spazi dedicati ai cantori dell’impresa coloniale italiana, non dimenticando che riguardo al tema dell’espansione coloniale il quotidiano di via Solferino non ha mantenuto sempre la stessa posizione. È infatti palese come la linea del giornale sia cambiata dall’inizio dell’avventura coloniale italiana (fine Ottocento) alle sempre più forti pressioni per la colonizzazione libica (inizio Novecento), in seguito al cambio di direzione. Durante le primissime fasi colonialiste italiane, il direttore Torelli-Viollier si schierò apertamente contro le decisioni dei governi Depretis e Crispi di portare la nazione alla conquista di nuovi territori oltremare, tanto da caratterizzarsi come una delle poche testate nazionali – insieme al Secolo ea La Stampa – contrarie all’espansionismo. I motivi di questa scelta erano principalmente di carattere economico, vedendo nell’espansione coloniale una inutile spesa militare che non avrebbe fatto altro che aggravare il bilancio statale. A questo proposito si poteva leggere sulle colonne del quotidiano milanese:
Colonizzano e possono colonizzare con vantaggio i Paesi industriali, gli agricoli no. Ecco la principale ragione del successo dell’Inghilterra: ecco la principale ragione dell’insuccesso degli spagnoli e dei portoghesi. Checché si faccia, l’Italia non sarà mai un Paese industriale; o, per non essere tanto crudi, così industrialmente forte da vincere la concorrenza mondiale

Tale visione mutò radicalmente dal 24 maggio 1900 quando alla direzione del Corriere arrivò Luigi Albertini: la proprietà del quotidiano passò, così, dalla Società E. Torelli-Viollier e C. per la proprietà e la pubblicazione del giornale «Corriere della Sera» alle mani dell’industriale Benigno Crespi e di altri soci (tra cui lo stesso Albertini), i quali fondarono la Società L. Albertini e C. per la proprietà e la pubblicazione del giornale «Corriere della Sera» e di altre pubblicazioni, di cui Crespi deteneva la maggioranza del capitale. Liberale convinto e fermo sostenitore dell’espansionismo in politica estera, Albertini attestò il quotidiano milanese su posizioni più conservatrici rispetto alla direzione precedente. Fin da subito, infatti, il Corriere albertiniano si caratterizzò per una disistima verso il premier Giolitti, considerato spesso incapace e troppo restìo nei confronti di una politica estera di stampo espansionista.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

«Il diritto di chi sa meglio civilizzare». Riflessi della colonizzazione italiana in Libia sulle pagine de “Il Corriere della Sera”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Gelmini
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze della comunicazione e dell'economia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Andrea Rapini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi