Skip to content

I colori nella produzione di Nicolas Winding Refn

Il digitale e il color grading

Con l’avvento del digitale il cinema cambiò non poco. Il limite concreto della pellicola lasciò il posto all’archiviazione quasi infinita delle schede di memoria, le macchine da presa diventarono ancora più maneggevoli del passato e il montaggio, attraverso nuovi software, si semplificò ulteriormente. Queste e altre innovazioni portarono il cinema in un'altra zona rispetto al passato e anche tutto quello che riguarda il colore, fino a quel momento molto limitato su pellicola, subì una grossa trasformazione. Le possibilità di riscrittura cromatica del film sono ampliate a dismisura. Il trattamento digitale del colore si è imposto nel corso degli anni ’90, divenendo una prassi all’inizio del decennio successivo. È lungo questo arco cronologico che la color correction e il colorist si sono affermati rispettivamente come pratica e come professione esclusivamente legate al mondo informatico.
Prima degli anni 80’ la colorazione principale della pellicola era la color timing, ossia quella pratica secondo cui i colori venivano corretti in fase di stampa, si poteva correggere l’esposizione. Il limite di questa colorazione è che modificando un aspetto si modifica anche il resto dell’immagine, spostando i valori per correggere la parte di immagine interessata anche il resto dell’immagine subiva dei cambiamenti, qualcosa che ricorda un po’ l’imbizione alla lontana. Con il digitale e il color grading invece è diventato possibile settorializzare nell’immagine il punto di lavorazione così da modificare solo alcuni dettagli, questo permette grandi libertà che fino a prima del digitale non erano possibili. La differenza sostanziale tra color correction e color grading è che la prima corregge gli errori effettuati durante le riprese, mentre la seconda modifica e altera i colori per fini spettacolari, estetici o comunicativi. Prima del digitale molto spesso veniva utilizzate molte luci colorate perché non era possibile modificare di tanto i colori dopo la presa diretta. Un esempio utile, per recuperare anche un film discusso in precedenza, è Deserto Rosso (Michelangelo Antonioni, 1964), in cui il più del lavoro è fatto sul set con luci di toni diversi e la color timing era solo un lavoro di limatura finale. Il lavoro del direttore della fotografia, un tempo legato alla sola parte di produzione di un film, è oggi in stretto rapporto con la post-produzione e tutto ciò che viene fatto solo in seguito con i software di color grading.
Il primo esempio di color correction completamente sviluppata in digitale da una pellicola in negativo è Fratello, dove sei? (O Brother where art thou, Joel e Ethan Coen, 2000). Il direttore della fotografia Roger Deakins, volendo ottenere dei colori molto particolari, che assomigliassero a delle vecchie fotografie rovinate dal tempo, ha dovuto collaborare in stretto contatto con i colorist e impostare un’illuminazione sul set per cui fosse possibile poi in seguito creare i colori che aveva in mente. Un lavoro quindi molto diverso da quello che si faceva solo pochi anni prima. Se un tempo il colore era parte della fetta di realtà inquadrata, qualcosa legata ai soggetti e alle “cose” dentro le inquadrature, oggi non è più così. Il colore è diventato così alterabile che ormai è scollegato del tutto dalle riprese di un qualsiasi film, non è più un “doppione del colore reale” ma diventa un attributo in più, aggiunto a fini emozionali così come può essere una colonna sonora. Si capisce quindi, quanto nella contemporaneità, il colore sia fondamentale nei racconti audiovisivi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

I colori nella produzione di Nicolas Winding Refn

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Guzzi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Piero Di domenico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

colori
nicolas winding refn
the neon demon
too old to die young
colori e cinema

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi