Skip to content

Il concetto di attacco armato e la legittima difesa nel diritto internazionale: il caso Oil Platforms

Il divieto dell’uso della forza

Nell'ambito del diritto internazionale, il tema dell'uso della forza è sempre trattato facendo perno sui valori della pace e della giustizia.
Tra il XVII e il XVIII secolo, i giusnaturalisti, riprendendo dottrine che risalgono a Sant'Agostino, elaborano la dottrina della “guerra giusta”, secondo la quale la guerra è “giusta”, quindi lecita, se mira a riparare un'ingiustizia.
Nella visione positivista, prevalente nell'Ottocento e durante i primi decenni del XX secolo, invece, non vi sono regole che prevedano se e quando sia possibile utilizzare la forza. Il suo uso sarebbe, infatti, un diritto esclusivo del sovrano, non regolabile dalle norme giuridiche internazionali. Quest'ultime possono solo disciplinare le modalità dell'esercizio della forza. Per cui, non esisterebbero regole che disciplinino lo jus ad bellum, ma solo regole relative allo jus in bello.
Nell'epoca successiva alla prima e, soprattutto, alla seconda guerra mondiale, si afferma con forza il valore della pace ed emerge l'idea della guerra come male supremo. Si giunge, in tal modo, all'adozione di trattati multilaterali contenenti norme che proibiscono la guerra e l'uso della forza in generale. Queste affermazioni sono però bilanciate dalla previsione di meccanismi istituzionali che consentono l'uso della forza. Nei recenti dibattiti relativi alla legittimità dell'intervento NATO in Kosovo e, soprattutto, in relazione all'invasione anglo-americana i Iraq, il fattore morale emerge con particolare vigore. Costruire il dibattito su un tema delicato, come quello dell'uso della forza, attorno alla morale nasconde però un rischio: che vengano elaborati e assolutizzati valori morali universali, o presunti tali, e che siano attuati, anche con la forza e unilateralmente, da parte delle potenze egemoni.
Occorre allora soffermarsi sui concetti di morale ed etica. Mentre per morale si intende un insieme di principi mutevoli storicamente, l'etica viene intesa come processo dialettico, volto a riconoscere i valori morali prevalenti in un data comunità in un particolare momento storico. In tal modo si arriva a formalizzare detti valori in regole giuridiche. L'etica è quindi lo strumento che consente di accertate, caso per caso, se una norma giuridica è stata violata. In tal modo si evita che il “fattore morale”, da solo, possa giustificare l'azione arbitraria dei singoli soggetti di diritto internazionale.

Un primo passo verso l'affermazione del divieto dell'uso della forza si registra con il Patto della Società delle Nazioni. All'art 10, i Membri si impegnano:
“to respect and preserve as against external aggression the territorial integrity and political independence of all Members of the League.”
L'impegno di non ricorrere alla guerra non è comunque espresso in termini assoluti.
Un'ulteriore tappa verso il divieto alla guerra si riscontra, pochi anni dopo, con il Trattato di rinuncia alla guerra (detto “patto Briand-Kellogg”), concluso a Parigi il 27 agosto 1928. In esso le parti dichiarano, all'art 1:
“The high contracting parties solemny declare in the names of their respective peoples that they condemn recourse to war for the solution of international controversies, and renounce it as an instrument of national policy in their relations with one another.”
Il divieto di ricorso alla guerra e l'obbligo di risolvere le controversie con mezzi pacifici è, però, previsto solo con riferimento ai rapporti intercorrenti fra le parti del Trattato. Non si prevede, inoltre, alcun organo o procedimento che possa far valere gli obblighi pattizi.
Solo grazie alla Carta delle Nazioni Unite si afferma, in via generale, il principio del divieto dell'uso della forza. Gli Stati fondatori affermano, nel Preambolo, di essere decisi:
“to save succeeding generations from the scourge of war, which twice in our lifetime has brought untold sorrow to mankind.”
All'art 1 della Carta, il mantenimento della pace viene indicato come fine primario dell'Organizzazione,:
“The Purposes of the United Nations are: 1- To maintain international peace and security, and to that end: to take effective collective measures for the prevention and removal of threats to the peace, and for the suppression of acts of aggression or other breaches of the peace, and to bring about by peaceful means, and in conformity with the principles of justice and international law, adjustment or settlement of international disputes or situations which might lead to a breach of the peace (…).”
Inoltre, la Carta stabilisce, fra i principi delle Nazioni Unite, due obblighi fondamentali. Il primo è enucleato nell'art 2, par 3.
“All Members shall settle their international disputes by peaceful means in such a manner that international peace and security, and justice, are not endangered.”
Il secondo obbligo è previsto, nei seguenti termini, all'art 2, par 4:
”All Members shall refrain in their international relations from the threat or use of force against the territorial integrity or political independence of any state, or in any other manner inconsistent with the Purposes of the United Nations.”

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il concetto di attacco armato e la legittima difesa nel diritto internazionale: il caso Oil Platforms

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Cristani
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Marcella  Distefano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto internazionale
corte internazionale di giustizia
divieto uso della forza
attacco armato
legittiima difesa
oil platforms

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi