Skip to content

Istruzione primaria e identità nazionale italiana nell'era delle ''scuole bilingui''

Il fenomeno delle “scuole bilingui”: alcuni casi nel Nord Italia

Negli ultimi anni si è diffuso il fenomeno delle “scuole bilingui”: la comparsa sul nostro territorio di istituti che forniscono contenuti didattici in due o più lingue. Non vi è una definizione univoca o caratteristiche imposte per legge, di conseguenza quasi ogni singola scuola presenta individuali peculiarità.
Una prima distinzione è quella che intercorre tra scuole bilingui statali e private. Le scuole statali “bilingui” risultano prevalentemente concentrate in aree già caratterizzate da bilinguismo e dalla presenza sul territorio di minoranze linguistiche storiche, come la Scuola Bilingue statale sloveno-italiano di San Pietro al Natisone, in Friuli-Venezia Giulia basata sul principio “una lingua - una persona”, cioè sull’uso in egual misura delle due lingue e sull’associazione tra una lingua e uno specifico insegnante. Ma non solo.

Recentemente è stato avviato un progetto in alcune scuole lombarde, chiamato "Bilingual Education Italy / Istruzione Bilingue Italia (BEI/IBI) nella scuola primaria" volto a potenziare l’insegnamento della lingua inglese che, ad esempio, nell’Istituto Comprensivo "Armando Diaz" di Milano, rappresenta il 25% del monte orario complessivo.

Questo progetto è stato reso possibile grazie ad un protocollo di intesa siglato tra il MIUR e il British Council. Sul piano dell’istruzione secondaria di secondo grado, un istituto statale come il liceo scientifico Leonardo Da Vinci di Milano ha introdotto la possibilità di scegliere il percorso ESABAC, cioè di concludere il quinquennio con un doppio diploma, la maturità italiana e il baccalauréat francese. Quest’opportunità è il risultato di una politica di cooperazione educativa stabilita tra Italia e Francia.
Possiamo quindi dire che le “scuole bilingui statali” sono istituti gestiti dallo Stato italiano e il potenziamento delle lingue straniere si lega alla protezione delle comunità minoritarie o ad accordi siglati tra Ministeri dell’Istruzione o enti statali che si occupano della promozione linguistico-culturale.
Il mondo delle scuole private in cui sono state avviate “sperimentazioni” in materia di insegnamento linguistico è più variegato ed esteso. L’attuale legge stabilisce una distinzione in scuole paritarie e scuole non paritarie. Le prime si inseriscono nel sistema nazionale e svolgono un servizio pubblico, le seconde hanno natura privata, anche se sono incluse in un elenco, annualmente aggiornato, a cura della Regione d’appartenenza. La fondamentale differenza sta nell’impossibilità per questo secondo tipo di istituti di rilasciare titoli di studio con valore legale riconosciuto dallo Stato italiano. Entrambe permettono però di assolvere l’obbligo scolastico. La possibilità che hanno le scuole di offrire anche contenuti che vedono le lingue potenziate, deriva dalla legge sull’autonomia scolastica che stabilisce, nonostante l’appartenenza al sistema scolastico statale, di operare in autonomia anche didattica, nel rispetto ovviamente delle materie obbligatorie in tutte le scuole. Data questa libertà, esistono diversi tipi di “scuole bilingui” in cui il concetto di bilinguismo non è sempre univoco: in alcuni casi pare essere sufficiente offrire un numero superiore di ore in lingua straniera rispetto a quelle fissate dal Ministero della Pubblica Istruzione, ma ovviamente c’è una sostanziale differenza tra offrirne solo un paio in più e cercare di equiparare il monte ore di italiano a quello di inglese.
Allo stesso modo, i risultati saranno diversi a seconda della competenza dei docenti incaricati dell’insegnamento dell’inglese, da qui il desiderio che hanno tutte le scuole nel sottolineare la presenza di docenti madrelingua.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Istruzione primaria e identità nazionale italiana nell'era delle ''scuole bilingui''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Bianca Donati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Rocco Ronza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilinguismo
italiano
inglese
identità nazionale
nazionalismo
italianità
scuola primaria
istituto italiano di cultura
promozione integrata
scuole bilingui

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi