Skip to content

Il ruolo di Internet nella comunicazione politica. Il caso di Mf-Dow Jones News

Il futuro delle agenzie di informazione

Nate a metà Ottocento, nel cuore della Rivoluzione industriale, le agenzie di informazione hanno reso possibile la nascita dei periodici di informazione e la vittoria della borghesia, che considerava la stampa quotidiana uno strumento per la conquista e la conservazione del potere.
Nel XX secolo hanno accentuato il loro peso, rendendo l’informazione un mezzo di conoscenza e al tempo stesso uno strumento di lavoro. In un sistema dei media in rapida e turbolenta evoluzione, le agenzie hanno conquistato la loro assoluta insostituibilità: con la loro organizzazione nazionale e internazionale, con i loro collegamenti con le fonti istituzionali e con le altre agenzie ma soprattutto con l’adozione dei nuovi mezzi offerti dal progresso tecnologico, hanno dimostrato di essere l’unico strumento in grado di assicurare un’informazione immediata, non vincolata dal tempo; diretta, senza limiti di distanza; selezionabile, sulla base delle esigenze del fruitore e memorizzata, in modo da poter essere sempre controllata, verificata e arricchita.
Alla fine del secolo il mondo dell’informazione, arricchito anche in Italia dalle straordinarie novità dell’era digitale, presenta successi di pubblico e serie incognite di fronte alla potenza dell’ultimo arrivato: Internet.
Il futuro delle agenzie di stampa a questo punto dipende molto anche da come esse sapranno consolidare la leadership all’interno dell’informazione. Come sappiamo, uno degli effetti del boom dell’utilizzo del web è la moltiplicazione delle fonti: ci sono le fonti istituzionali che, nel momento in cui pubblicano documenti e comunicati diventano essi stessi fonti primarie di informazione alle quali il navigatore può attingere direttamente senza mediazione giornalistica; e ci sono siti meno ufficiali e qualificati, fonti individuali, aziendali o commerciali, che diventano talvolta essi stessi fonti di notizie.
Quale che sia il sistema generale dei media – ieri, oggi o domani – possiamo ipotizzare il futuro delle agenzie di informazione analizzando le quattro fasi che costituiscono il loro lavoro: raccolta, selezione e controllo, gestione e distribuzione delle informazioni.
La raccolta delle informazioni è una fase che resta invariata. Una grande agenzia ha la sua organizzazione capillare in molti o in tutti i continenti, integrata dagli accordi di reciprocità e di scambio con le altre agenzie nazionali e internazionali. Esiste quindi una rete planetaria in condizione di garantire la conoscenza di un evento nel giro di qualche secondo o, attraverso i canali televisivi, una conoscenza immediata, in tempo reale.
Non incontra particolari problemi neppure la distribuzione. Non c’è, come nel passato, la precarietà del telegrafo e del telefono e, per le grandi distanze, del radiotelegrafo e del radiotelefono. Reti telefoniche, satelliti e Internet assicurano da tempo una distribuzione rapida, sicura e in qualsiasi parte del mondo.
Qualche problema nasce per la fase di selezione e controllo delle informazioni. Il criterio di selezione dipende dal mercato o dai mercati cui le agenzie si rivolgono. Le agenzie hanno infatti più notiziari, alcuni per l’interno, altri per l’estero, e questi nelle prevalenti lingue locali o di uso. Anche all’interno i mercati possono essere diversi: non più soltanto la stampa quotidiana e periodica, ma anche il settore pubblico, gli organi centrali e periferici dello stato, di governo e amministrativi; il settore politico e sindacale e anche il settore privato, industria, commercio, credito. Da qualche tempo si è aggiunto anche il mercato di Internet, che però, quando è gratuito, può dare accesso soltanto a un notiziario ridotto per contenuti e compilato in base alle caratteristiche di questo medium multimediale. Un tempo le agenzie avevano, per l’interno, più notiziari di informazione generale, diversi per contenuti e soprattutto per ampiezza, secondo le esigenze dei destinatari: uno più esteso e altri ridotti. I nuovi meccanismi elettronici permettono oggi all’utente di ritagliare da sé nel grande notiziario di base le categorie informative – politica, esteri, economia, cronaca, sport, spettacolo – che lo interessano; oppure di ricercare, in base ai codici che identificano ogni notizia o in base a parole chiave, le notizie di cui ha bisogno. Questo permette all’agenzia di offrire anche l’accesso a tempo al notiziario, cioè quando l’utente vuole e per quanto tempo vuole, con conseguente pagamento non in abbonamento annuale ma sulla base del reale consumo.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo di Internet nella comunicazione politica. Il caso di Mf-Dow Jones News

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daria Contrada
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Informazione e sistemi editoriali
  Relatore: Francesca Vannucchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
one-to-many
many-to-many
agenzie di informazione
mf-dow jones news

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi