Skip to content

Le dinamiche relazionali perverse nella coppia

Il perpetratore narcisista perverso e il rapporto con la vittima

I perversi narcisisti si rapportano come se tutto fosse loro dovuto.
Sono insensibili e privi di affetto per non soffrire. Se riconoscessero come tale la propria sofferenza, il proprio vuoto interiore, sarebbe la fine del loro funzionamento, avverrebbe un crollo psicotico insostenibile. Perciò, caratterizzati dalla megalomania, criticano per non essere criticati; si affacciano sopra la vittima e la vedono come un universo di debolezze (Hirigoyen, 1998).
La vittima viene attratta e irretita dall'immagine grandiosa e scintillante con la quale si presentano, un'immagine che produce e seduce per immagini (Filippini, 2007).
Le passioni che sembrano provare i perversi narcisisti non sono altro che labili fiammelle che durano molto poco, per eventualmente riaccendersi successivamente alle prese con un'altra vittima; atteggiamento tipico del Don Giovanni, che lusinga e abbaglia ingenue vittime alla ricerca di un rifugio, di una certezza, qualcuno sicuro di sè di cui potersi fidare. Le vittime ci cascano ingenuamente poichè non sono in grado di immaginare la sostanziale distruttività che caratterizza l'altro, chi non è perverso non può concepire tanta malevolenza.
Ma i perversi sul versante paranoico, si mantengono in una distanza affettiva che non permette loro di impegnarsi. Lasciano che siano gli altri ad impegnarsi con lui.
Nel momento in cui hanno la certezza di aver preso la vittima nella loro trappola, si appropriano del territorio psichico altrui e si nutrono dell'energia, della vitalità, di tutte quelle caratteristiche che riconoscono e invidiano nell'altro. Se viene espressa un'idea viene denigrata e poi acquisita e fatta propria dal perverso.
Tale appropriazione può essere sia valoriale, intesa come caratteristiche di personalità quali per l'appunto la gioia di vivere, relazioni, la bonarietà, sensibilità e il riconoscimento altrui; sia sociale, come l'appartenenza ad un ceto o i successi lavorativi, con lo scopo di inglobarli e distruggerli alla vittima. Attaccandosi all'autostima, si impossessano del narcisismo altrui.
Una tale invidia però più che apprendere o acquisire le proprietà altrui, finisce per distruggerle, in quanto una volta apparentemente possedute non ha le risorse per mantenerle e farle realmente proprie. Il modo in cui questi aguizzini agiscono è tramite l'imposizione della loro visione cinica e pessimistica del mondo, della loro insoddisfazione e superiorità a dimostrazione che tutto attorno è cattivo, che anche il partner stesso è cattivo, e che con le sue buone qualità non andrà mai avanti, deprimono la vittima per poi rimproverarglielo. La vittima alla fine prova a dare sempre di più, darà tutto, ma non sarà mai abbastanza.
E se li si prova ad incolpare di tale distruttività, addosseranno tramite la proiezione, il tutto all'altra parte, essi non saranno mai responsabili o colpevoli. Si difenderanno fino a negare la realtà evidente e fino a suscitargli collera e sentimento di rivalsa anche solo all'odore di fallimento o accusa, sensazione per loro impensabile e intollerabile che richiamerebbe l'interna e dolente ferita narcisistica. Con la forza del lato simil paranoico che li caratterizza, quando inizia a cedere il velo di seduzione nella quale sono avvolti, attaccano chi li attacca per non essere colpiti, ma più che non essere colpiti sui fatti, per non esserlo internamente, per proteggersi dalla disintegrazione psichica. La vittima diviene ricettacolo di tutto ciò che il perverso non riesce a sopportare.
Proiettare tutto il male su qualcun altro consente loro di essere migliori e garantisce una certa stabilità, poichè davanti alla loro impotenza temono l'onnipotenza che suppongono nell'altro.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le dinamiche relazionali perverse nella coppia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paola Gianfrotta
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Adriano Schimmenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

relazioni di coppia
relazioni di coppia
narcisismo
narcisismo
coppia
coppia
stalking
stalking
violenza domestica
violenza domestica
narcisismo perverso
narcisismo perverso
relazioni perverse
relazioni perverse
abusi psicologici
abusi psicologici
gaslight
gaslight
relazioni di coppia
narcisismo
coppia
stalking
violenza domestica
narcisismo perverso
relazioni perverse
abusi psicologici
gaslight

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi