Skip to content

Mostre d'arte: Pompei; la suggestione della città riscoperta nella pittura di Alma Tadema

Il rapporto tra mostre e musei moderni

Nell’ambito della realtà italiana, sempre più spesso la parola “museo” viene associata a termini quali “noioso” e “triste”, spesso esso viene percepito come un grande edificio o “contenitore” di opere d’arte statiche e non comunicanti, peraltro, decontestualizzate e talvolta associate anche male le une verso le altre. Vi sono poi quei musei che attraggono ogni anno milioni di visitatori perché sono in possesso di un particolare e famosissimo esemplare, «desiderosi di sperimentare il bisogno feticistico di aver visto l’ “Opera”, piuttosto che quello di vivere un’esperienza realmente formativa» come nel caso della Monnalisa presso il museo del Louvre.
Questo fenomeno, coinvolge anche il settore delle esposizioni effimere e viene comunemente definito, blockbuster; il termine, apparso per la prima volta sulla stampa statunitense nei primi anni '40, indicava le bombe aeree di maggiori dimensioni, quelle in grado di distruggere un intero isolato (block in inglese); in seguito, la parola fu impiegata per definire spettacoli teatrali e film di successo, mentre oggi è utilizzata principalmente per descrivere quelle mostre che hanno riscosso uno straordinario successo e che quindi hanno un grosso impatto sul pubblico, tanto da spingere le persone a prenotare con largo anticipo la visita oppure a sopportare le noiose e stancanti code pur di non perdere l’occasione irripetibile.

L’opinione pubblica circa i musei non ha tutti i torti, poichè, nonostante i diversi orientamenti ed i gusti che nei secoli si sono susseguiti, i musei restano prevalentemente una realtà statica, un luogo in cui è possibile accedervi liberamente e passeggiare tra i corridoi, ammirando collezioni permanenti che sono disposte secondo un percorso e criteri ben definiti; il tutto è completato da quella sensazione di sacralità e riverenza che ci pervade durante la visita, quasi che è meglio non parlare per non mancare di rispetto a quello che l’istituzione rappresenta. Le mostre sono la parte che mancava ai musei, esse rappresentano una realtà che invece trova il suo fondamento proprio sul dinamismo dell’opera, che, attraverso le mostre, esprime ora un significato, ora l’altro, a seconda di cosa si vuole che trasmetta e dei legami che vengono creati tra le varie opere esposte. Con le mostre si introduce il concetto di sperimentazione, di ricerca e di apertura al nuovo e trovano nei musei contemporanei il loro terreno più fertile poiché favoriscono e sviluppano la lettura ed il pensiero critico del visitatore. Le esposizioni temporanee sono sicuramente un’importante occasione di arricchimento culturale ma esse estrano in collisione con il museo nel momento in cui, il ridursi delle risorse pubbliche ha determinato un bivio: ci si chiede se sia preferibile finanziare grandi esposizioni effimere, di sicuro impatto mediatico, piuttosto che impiegare quei finanziamenti per garantire la manutenzione delle istituzioni museali locali. Le mostre, inoltre, a causa del loro carattere effimero stimolano il visitatore secondo la logica «dell’ora o mai più, il timore di perdere l’occasione o la possibilità di godere, forse per la prima ed ultima volta nella propria vita, di una rara esperienza, spinge il pubblico ad essere più entusiasta verso le esposizioni temporanee piuttosto che per quelle permanenti.

In tempi moderni, anche in seguito al crescente fenomeno di democratizzazione della cultura, non è più possibile accontentarsi del fatto che l’opera è presente all’interno dello spazio allestito, il museo deve essere considerato come un elemento partecipe dell’operazione artistica, «significante nella sua totalità inclusiva di opere, strutture e fruitori».
Affermava Carlo Scarpa che esporre è “arte di fare nuovamente vedere”, nuovamente sta ad indicare che l’opera d’arte a seconda di come viene esposta, è portatrice di significati sempre nuovi, più vicini alla sensibilità contemporanea, ovviamente l’opera porta con sè anche valori eterni ed altri che restano invisibili perchè comprensibili soltanto a chi l’opera l’ha osservata nel momento coevo alla sua produzione.
Siccome l’esigenza attuale è quella di percepire il museo non come luogo in cui porre oggetti preziosi bensì come spazio allestito al fine di sviluppare un’esperienza attiva di incontro e conoscenza tra opere e fruitori, è necessario allestire tenendo presente la singola individualità ed identità di ogni opera, a partire da un attento studio del progetto allestitivo, dal percorso espositivo, dall’illuminazione ecc.
L’esigenza di coinvolgere sempre più ampie fasce di pubblico, nell’ottica di una maggiore democratizzazione della cultura, ha fatto sì che si registrasse, soprattutto negli ultimi tempi, un uso più massiccio della tecnologia, la quale ha il pregio di definire una comunicazione più efficace e diretta anche per quelle categorie di persone che per anni non hanno avuto la possibilità di interagire con il museo, le mostre ed il patrimonio culturale: i non vedenti, per esempio. In Italia sono circa 80 (tra cui il Palazzo Reale di Napoli, il Museo degli scavi di Pompei, il Museo tattile di Pittura Antica e Moderna “ Anteros” di Bologna, i Musei capitolini di Roma, il Museo del tessile di Busto Arsizio di Varese, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona), i siti culturali che si interfacciano al pubblico non vedente attraverso l’esperienza tattile di alcune opere e mediante didascalie in braille o audioguide, sembra essere ancora poco, secondo il mio parere, per garantire una comunicazione efficace che permetta un completo coinvolgimento con l’opera, i suoi significati ed il contesto, è comunque un passo verso il coinvolgimento di un pubblico sempre più ampio. In tal senso, un importante esperienza è il progetto che fu realizzato per la Gran Galerie a Parigi ad opera di Boria Huidobro e Paul Chemetov, in cui il nuovo assetto spaziale prevedeva l’istallazione di sofisticati impianti di illuminazione oltre alla «creazione di effetti sonori ed ambientali di matrice teatrale».

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Mostre d'arte: Pompei; la suggestione della città riscoperta nella pittura di Alma Tadema

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leandra Lanzetta
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale ed Ambientale
  Relatore: Maria Teresa Catena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

napoli
musei
vesuvio
pompei
mostre
giuseppe fiorelli
alma tadema
eruzione
neopompeianesimo
pittura neopompeiana
napoli
musei
vesuvio
pompei
mostre
giuseppe fiorelli
alma tadema
eruzione
neopompeianesimo
pittura neopompeiana
napoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi