Skip to content

L'Armonizzazione dei sistemi contabili degli enti locali: il principio della competenza finanziaria potenziata e il riaccertamento straordinario dei residui. Il caso Comune di Villasimius

Il riaccertamento straordinario dei residui

Introduzione del concetto di fondo pluriennale vincolato
Dal concetto della competenza finanziaria “potenziata” trae origine una nuova componente del sistema di contabilità pubblica: il fondo pluriennale vincolato (F.P.V.

) che si forma per effetto dell'individuazione della scadenza delle obbligazioni, ossia della loro esigibilità. Trattasi di un nuovo strumento del bilancio armonizzato che consente di imputare, negli anni successivi, impegni finanziati da entrate accertate in esercizi precedenti, garantendo la copertura finanziaria delle spese registrate e il permanere degli equilibri di bilancio; la sua formazione è determinata dalla variabile temporale legata all'esigibilità delle obbligazioni. Il F.P.V può essere sostanzialmente considerato una sorta di avanzo di amministrazione “vincolato” alle spese che si imputano negli esercizi successivi rispetto alla sua formazione e che a differenza del risultato di amministrazione può essere immediatamente utilizzato. E' un saldo finanziario di copertura e costituisce un accantonamento contabile iscritto sia in entrata che in uscita che consente la correlazione delle entrate accertate in un esercizio con le spese imputate negli esercizi successivi. Per la parte entrata il F.P.V. è suddiviso in due componenti, una per la parte corrente ed una per la parte in conto capitale mentre sul fronte della spesa gli stanziamenti di bilancio interessati lo comprendono e ciascun fondo che si viene a creare nella gestione dei capitoli di uscita è costituito da una quota di risorse accertate negli esercizi precedenti, che attraverso il fondo danno copertura alle spese registrate negli esercizi precedenti ma imputate all'esercizio in corso e a quelli successivi, e da una quota di risorse che si accerteranno nell'anno in corso e che serviranno a dare copertura alle spese che si prevede di impegnare nell'anno in corso con imputazione agli esercizi successivi. Sugli stanziamenti di spesa intestati ai singoli fondi pluriennali vincolati non è possibile assumere impegni di spesa o eseguire pagamenti.

Il fondo pluriennale vincolato si costituisce sia per le spese correnti che per le spese in conto capitale ma è nato prevalentemente con riguardo agli investimenti dove si manifestava una considerevole discrasia temporale tra l'acquisizione delle fonti di finanziamento ed il loro impiego poiché le spese si consideravano automaticamente impegnate in seguito alla concessione o l'individuazione delle risorse all'uopo assegnate. La gestione della spesa avveniva in conto residui determinandone la formazione di ingenti stock su cui si imputavano via via le spese qualora la realizzazione dell'opera o dell'investimento avvenisse nel corso di più anni.
Si fornisce un piccolo esempio per illustrare il meccanismo del fondo pluriennale vincolato applicato agli investimenti.
Un Comune decide di effettuare un intervento di manutenzione straordinaria di sostituzione di filtri dell'impianto di trattamento delle acque reflue, mediante contrazione di un mutuo di €. 460.000,00 con la Cassa Depositi e Prestiti (cdp) concesso nell'anno 2015. [...]
Il mutuo della Cassa Depositi e Prestiti rappresenta la fonte di copertura dell'investimento e viene accertato all'atto della stipula del contratto o provvedimento di concessione (paragrafo 3.18 dell'allegato 4/2), quando il finanziamento viene reso disponibile, quindi nell'anno 2015.

Poiché gli interventi di manutenzione dovranno essere realizzati nell'arco del triennio 2015-2017, in base al nuovo principio della competenza finanziaria potenziata, la spesa non potrà essere più imputata interamente all'esercizio 2015 (ex impegni art. 183, comma 5, lettera a del T.U.E.L), ma si dovrà tenere conto dei momenti in cui le obbligazioni saranno esigibili, sulla base del crono-programma predisposto dall'Ufficio Tecnico. La copertura della spesa e il mantenimento degli equilibri del bilancio sono assicurati dal funzionamento del fondo pluriennale vincolato che si costituisce attraverso gli accantonamenti nella parte spesa, finanziati dall'accertamento unico dell'entrata, i quali vengono ripresi l'anno successivo e fino al completamento degli interventi di manutenzione quando si arriverà all'azzeramento del fondo.

Lo strumento del F.P.V. consente di evidenziare nei documenti di programmazione i tempi di attuazione dell'investimento ed è fondamentale la predisposizione del crono-programma di spesa corrispondente all'intervento inserito nel programma triennale delle opere pubbliche e dell'elenco annuale.
Nell'ipotesi in cui la Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. renda immediatamente disponibile il mutuo in un' apposito conto intestato all'Ente, il Comune provvederà altresì alla costituzione del deposito bancario attraverso l'emissione di un mandato di pagamento e contestuale reversale di incasso, in base al piano dei conti finanziario interessando le voci dei versamenti e prelievi da depositi bancari. La suddetta operazione dovrà essere imputata all'esercizio 2015.
Nel primo anno di applicazione del principio della competenza finanziaria potenziata il fondo pluriennale vincolato in entrata potrà essere iscritto soltanto in seguito al riaccertamento straordinario dei residui, effettuato con riferimento alla data del 1° gennaio, che si ricorda essere una variazione al bilancio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Armonizzazione dei sistemi contabili degli enti locali: il principio della competenza finanziaria potenziata e il riaccertamento straordinario dei residui. Il caso Comune di Villasimius

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Loredana Massessi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: ECONOMIA E FINANZA
  Corso: ECONOMIA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE
  Relatore: Alessandro Spano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondo pluriennale vincolato
competenza finanziaria potenziata
residui attivi e passivi
scadenza dell'obbligazione
armonizzazione dei sistemi contabili
introiti bucalossi
sostituzione di filtri
avanzo di amministrazione
spesa esigibile
caso comune di villasimius

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi