Skip to content

Diritto internazionale dei conflitti armati aerei

Il sistema di sicurezza collettiva delle Nazioni Unite

I tre principali compiti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite sono: il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, la promozione del principio di autodeterminazione dei popoli e la protezione dei diritti dell’uomo.

Per mantenere la pace e la sicurezza, la competenza è principalmente (anche se di fatto esclusivamente)del Consiglio di Sicurezza, composto da 5 membri permanenti con diritto di veto e da 10 membri eletti ogni due anni dall’Assemblea, sprovvisti del potere di veto.

Il Consiglio può formulare raccomandazioni non vincolanti, oppure emettere risoluzioni dal carattere tassativo per i soggetti a cui sono rivolte.

Senza addentrarci troppo nelle procedure interne all’organo in questione, si può dire che le decisioni del Consiglio in materia di pace e sicurezza vengono sempre prese con la maggioranza di 9 voti, anche se per quanto riguarda le sue funzioni più delicate, è necessario che tra i 9 votanti a favore, ci siano anche i 5 membri permanenti.
A mitigare la regola in questione, ed a permettere un funzionamento più efficiente del Consiglio, è intervenuta la prassi per cui se un membro permanente si astiene, la decisione può ugualmente essere adottata.
Per evitare l’approvazione della proposta, i membri permanenti hanno sempre a disposizione il veto, o l’assenza dalla seduta che equivale all’esercizio di tale diritto.
Soprattutto nei primi decenni dopo il 1945, si assistette ad una sostanziale paralisi dell’organo decisionale delle Nazioni Unite; riproponendosi al suo interno la “cortina di ferro”, i veti incrociati dei membri permanenti ad aree del mondo contrapposte, fece latitare l’azione del Consiglio fino agli anni ’70. Dalla Corea al Viet Nam, i principali conflitti post Secondo conflitto mondiale, furono combattuti mettendo ai margini le Nazioni Unite.
Dalla metà degli anni’80, con l’alleggerimento della tensione est-ovest, il sistema di sicurezza collettivo cominciò a funzionare, grazie ad una rinnovata armonia all’interno del Consiglio, culminata con le 13 risoluzioni del 1990-91 risolutive della disputa Iraq-Kuwait.
Con l’operazione Allied Force in Kosovo, si è tornati ad un ritorno di fiamma dell’unilateralismo che ha accompagnato le missioni in Afghanistan e Iraq, anche se la volontà degli Stati è stata sempre quella di ancorare, spesso alla bell’e meglio come nel caso di Iraqi freedom, il conflitto in corso con qualche risoluzione precedente del Consiglio.
L’Assemblea, assise in cui possono sedere e votare tutti i membri dell’organizzazione, ha il potere di trattare tutte le questioni attinenti i fini delle Nazioni Unite. Vale il principio 1 Stato 1 voto e non esiste il diritto di veto. Anche per questa ragione, questo organo non può produrre atti giuridici vincolanti. In materia di pace e sicurezza, ha la facoltà di emettere raccomandazioni, o risoluzioni sia agli Stati che al Consiglio, ma l’efficacia di tali strumenti dipende dalla volontà dei soggetti destinatari di metterli in pratica, non essendo provvisti di vincolatività.

Mi permetto di dire che l’Assemblea sia una sorta di camera di decompressione per le tensioni tra Stati; nonostante la limitatezza dei propri poteri decisionali, ha esaltato negli anni il proprio ruolo diplomatico-conciliativo, premettendo il confronto, spesso aspro e spettacolare, tra i protagonisti della scena mondiale, e giungendo in più di un occasione ad essere la “terra di nessuno” su cui dispiegare la diplomazia.

Nel caso del mantenimento della pace, l’Assemblea, assieme al Segretario generale, svolge inoltre un non secondario ruolo ancillare per le decisioni del Consiglio, da un lato attirando l’attenzione dell’organo decisionale su un particolare problema, dall’altro facendo raccomandazioni, su richiesta del Consiglio sulla questione all’ordine del giorno.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Diritto internazionale dei conflitti armati aerei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Diego Baroni
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Silvio Busti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 292

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi