Skip to content

L'Istituto dell'Esdebitazione e la Tutela Creditorum

L’esdebitazione nella procedura di liquidazione

Nel concludere questa breve disamina, è doveroso, infine, aggiungere che il CCII citato prevede agli artt. 282-283 l’istituto della esdebitazione del sovraindebitato.
Ed invero, tra le novità più significative vi è quella di aver introdotto l’esdebitazione per le procedure di liquidazione controllata (ex art. 282), con decreto del Tribunale, a seguito di un provvedimento di chiusura o anche prima, se decorsi tre anni dalla sua apertura.
Ai sensi dell’art. 280 CCII, rimangono ferme tutte le preclusioni previste, ovvero, quella di non avere riportato condanne per i delitti ivi previsti, e, per il consumatore, anche quella di cui all’articolo 69, comma 1 (nel caso in cui sia stato esdebitato nei cinque anni precedenti la domanda o abbia già beneficiato dell’esdebitazione per due volte, ovvero nel caso in cui abbia determinato la situazione di sovraindebitamento con colpa grave, malafede o frode).
Il Codice ha introdotto poi anche un altro caso di esdebitazione, di cui ci si può avvalere una volta sola e a prescindere dall’apertura formale di una procedura tra quelle previste per il soggetto sovraindebitato.
Secondo infatti il disposto dell’art. 283 CCII è prevista l’ipotesi del debitore incapiente, ovvero una persona fisica meritevole, che non è tuttavia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità diretta o indiretta nemmeno in una prospettiva futura, in tal caso è ammesso ad accedere all’esdebitazione soltanto una volta.
È peraltro fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro quattro anni dal decreto del giudice laddove sopravvengano delle utilità rilevanti che consentono il soddisfacimento dei creditori in misura non inferiore al 10%.
Secondo il parere di una parte della dottrina la previsione di questa forma di esdebitazione ne nuovo codice delle imprese, ha avuto senza dubbio un notevole impatto sociale, tanto da
essere stata anticipata mediante l’introduzione del nuovo art. 14-quaterdecies nella legge n. 3 del 2012, ad opera del D.L. n. 137/2020, convertito e modificato dalla legge n. 176/2020, entrato in vigore il 25 dicembre 2020.
La modifica poi della rubrica dell’art. 283 CCII da “Debitore incapiente” a Esdebitazione del sovraindebitato incapiente ad opera dell’art. 31, D.Lgs. n. 147/2020 non fa altro che evidenziare che il soggetto “persona fisica” rientra nei requisiti previsti per l’accesso alle procedure di sovraindebitamento, ma non deve necessariamente trattarsi della sola figura del consumatore, in quanto può essere un professionista o anche un lavoratore autonomo.
Resta salvo il pagamento del debito entro quattro anni dal decreto del giudice, nell’ipotesi di sopravvenienza di utilità rilevanti che consentano la soddisfazione dei creditori in misura non inferiore complessivamente al dieci per cento (art. 283, comma 1). Una differenza rispetto alla previsione di cui all’ art. 14 quaterdecies, comma 1, legge n.3/2012, è che manca l’avverbio complessivamente.
In entrambe, tuttavia, la ratio è la medesima, ovvero quella per cui le utilità sopravvenute devono essere tali da assicurare il pagamento del dieci per cento dell’intera esposizione debitoria e non il dieci per cento di ciascun singolo creditore. Una volta terminata ogni valutazione, assunte previamente anche tutte le informazioni utili, viene quindi concessa l’esdebitazione, mediante un decreto, suscettibile di opposizione, contenente i modi e i tempi entro cui il debitore deve presentare, a pena di revoca del beneficio, la dichiarazione annuale relativa alle sopravvenienze rilevanti ai sensi dei commi 1 e 2.
L’OCC, dal deposito del decreto con il quale viene concesso l’esdebitazione per 4 anni, ha il compito di vigilare sulla tempestività del deposito della dichiarazione di cui al comma 7 e, se il giudice lo richiede, può eseguire delle verifiche per accertare l’esistenza di queste sopravvenienze (art.283 comma 9).
Dalle utilità rilevanti per il pagamento dei creditori restano escluse le spese di produzione del reddito (circostanza che evidenzia come l’istituto in esame possa trovare applicazione anche al lavoratore autonomo e non solo a quello dipendente) e quelle necessarie al mantenimento della famiglia. Queste ultime non sono fissate dal giudice, di volta in volta, ma sono predeterminate secondo un criterio matematico fissato ex lege dall’art. 283, comma 2, CCII, ovvero mediante il richiamo all’assegno sociale aumentato della metà e moltiplicato per un parametro corrispondente al numero dei componenti del nucleo familiare della scala di equivalenza dell’ISEE di cui al D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Istituto dell'Esdebitazione e la Tutela Creditorum

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Ferretti
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Raffaella Ortolani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

insolvenza
fallimento
debiti
esdebitazione
codice della crisi

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi