Skip to content

Gli ammoniti (Mollusca Cephalopoda) dell'appennino umbro-marchigiano della Collezione Bonucci

L’importanza dei fossili

Il ritrovamento di questi fossili è molto comune e relativamente facile nelle nostre montagne e, sia per questo motivo, sia per la loro bellezza estetica, sono molte le persone che li ritengono interessanti oggetti da collezione. Il valore scientifico di tali raccolte è basato innanzitutto su un'opportuna classificazione dei vari esemplari; ma oltre all'identificazione delle specie è necessario un lavoro volto a comprendere l'ambito stratigrafico preciso in cui inserire l'esemplare; ciò permette di datare lo strato da cui è stato estratto e fornisce i presupposti fondamentali per tutta una serie di studi (biostratigrafia, paleobiogeografia, ecc.) che integrano i dati della paleontologia con quelli di altre discipline geologiche.
Gli ammoniti sono i migliori fossili guida dei periodi in cui sono vissuti, dal Devoniano (parte media del Paleozoico) al Cretaceo (fine del Mesozoico). Ciò vale in particolare anche per il Giurassico, le cui rocce stratificate affiorano diffusamente nell'Appennino umbro-marchigiano.
Un fossile guida per essere considerato tale, è una specie che deve avere due caratteristiche fondamentali: esistenza relegata ad un breve intervallo di tempo e un’ampia diffusione geografica. Ciò è direttamente riscontrabile sugli affioramenti rocciosi dell'Appennino, dove le varie forme di ammoniti si ritrovano ciascuna in un numero più o meno ristretto di strati, a testimonianza della rapida evoluzione di questi animali marini. Inoltre, poiché almeno alcuni di tali fossili sono presenti in altre località, grazie ad essi è possibile correlare rocce affioranti in regioni diverse, stabilendo se appartengono allo stesso periodo o meno, e quale è la più recente e la più antica (datazione relativa).
Dallo studio dei fossili si possono avere, in linea di massima, anche informazioni sul tipo di paleoambiente esistente in quel periodo e sul ruolo ecologico svolto dagli esemplari trovati (considerando che l'ambiente modifica e modella in modo diverso le strutture fisiche di ogni specie), sebbene i fossili guida siano di norma meno indicativi da questo punto di vista. Buoni risultati si hanno invece per quanto riguarda la paleogeografia, ovvero la disposizione passata delle terre e dei mari: se ad esempio si trovano ammoniti di una stessa specie in aree anche lontane, ciò sta a significare che una volta i mari in cui questi animali vivevano erano comunicanti.
Tuttavia è bene ricordare ancora una volta che un simile "potenziale" sussiste solo se gli esemplari sono stati raccolti con un preciso criterio stratigrafico: ciò, purtroppo, non si è verificato nel caso della collezione Bonucci, per i cui campioni spesse volte era stata omessa (o indicata solo in modo molto generico) anche la provenienza geografica.
Il presente lavoro di schedatura ha in parte cercato di colmare tali lacune: la classificazione è stata aggiornata secondo criteri più moderni, e ciò ha permesso, attenendosi a quanto noto per i vari generi riconosciuti, di risalire almeno in parte alla posizione stratigrafica degli esemplari. Similmente, sulla base della lettereatura scientifica disponibile sull'argomento, si è talora potuto riconoscere l’area di provenienza anche quando non era stata originariamente specificata.
Questo lavoro di tesi dovrebbe permettere l'utilizzo della collezione Bonucci ai fini di una esposizione pubblica, in modo che tutti possano conoscere questi fossili e la loro importanza, diventando, così, coscienti dell’unicità che il patrimonio paleontologico dell’Appennino ha, anche a livello mondiale.
Infatti, le rocce sedimentarie dell’Appennino risalenti al Giurassico inferiore, contengono una notevolissima documentazione sugli ammoniti, che permette di gettare luce su intervalli di tempo altrove poco o per nulla rappresentati.
Per questo motivo ci si auspica che almeno nei programmi scolastici di scuola media inferiore e superiore compaia, oltre allo studio della storia e preistoria dell’uomo, anche un certo interesse per gli eventi avvenuti prima dell’uomo.
In questo modo (si spera) non solo verrà meno quello scarso o nullo interesse che si ha nei confronti delle scienze naturali e in particolare della paleontologia, ma si avrà anche una valorizzazione del patrimonio culturale locale che, come già è stato detto ha una grandissima importanza a livello mondiale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli ammoniti (Mollusca Cephalopoda) dell'appennino umbro-marchigiano della Collezione Bonucci

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Angelucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e la natura
  Relatore: Federico Venturi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammoniti
appennino umbro-marchigiano
collezioni private
fossili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi