Skip to content

Tutela della vittima debole e sistema cautelare

L'allontanamento dalla casa familiare

Fin dal primo momento in cui scelsi, di concerto con il mio relatore, il tema da trattare, la domanda che riecheggiava nella mia mente era soprattutto una: appurato che stiamo trattando di vittime particolarmente vulnerabili e della tutela offerta loro dal sistema cautelare, allora in concreto nella prassi applicativa quali sono le misure coercitive personali applicate per la maggiore ad indagati di delitti violenti perpetrati nei confronti delle c.d. vittime deboli?; così ho deciso di svolgere una vera e propria analisi statistica raccogliendo dati provenienti dai fascicoli delle notizie di reato effettivamente pervenute presso il Tribunale di Busto Arsizio (VA) negli ultimi sei mesi.

Naturalmente, come sappiamo, il nostro ordinamento giuridico prevede regole precise in relazione al regime di segretezza degli atti penali: in base all'art. 329 c.p.p. sono coperti dal segreto gli atti di indagine compiuti dal pubblico ministero e dalla polizia giudiziaria fino a quando l'imputato non ne possa avere conoscenza (ad esempio perché gli viene notificato un sequestro o un avviso di garanzia) e comunque rimangono segreti fino alla chiusura delle indagini preliminari ex art. 415-bis c.p.p.
Questa è la ragione per cui non mi è concesso citare i nomi degli indagati o i relativi numeri di RGNR dato che dal numero del procedimento si può facilmente risalire al nome della persona sottoposta ad indagini.

Tuttavia, è possibile affermare che dall'analisi di trenta fascicoli di notizie di reato relativi ai delitti di: atti persecutori (art. 612-bis c.p.), maltrattamenti verso familiari e conviventi (art. 572 c.p.), violenze sessuali (609-bis e ss c.p.), percosse (art. 581 c.p.), lesioni personali (art. 582 c.p.), violazione degli obblighi di assistenza familiare (art. 570 c.p.), abuso dei mezzi di correzione e di disciplina (art. 571 c.p.), è emerso che, salvo casi eccezionali in cui è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere per situazioni fortemente gravose e per le quali diversa soluzione non era prospettabile, in relazione a queste tipologie di reati (che per lo più sono commessi a danno appunto di vittime deboli) vi è una marcata, o potremmo meglio dire, una vera e propria egemonica applicazione da parte del giudice, delle misure cautelari di cui agli articoli 282-bis e 282-ter c.p.p., vale a dire rispettivamente le misure cautelari dell'allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

Inoltre, ho avuto modo di rilevare che in realtà, nella pratica quotidiana, il divieto di avvicinamento è disposto per lo più in relazione al c.d. delitto di stalking mentre la misura dell'allontanamento familiare in relazione al delitto di maltrattamenti, percosse, lesioni personali o violenze sessuali perpetrate all'interno delle ‘mura domestiche'.
Ciò nonostante, il codice non lega in alcun modo tali provvedimenti agli specifici reati appena indicati escludendo a priori che essi siano stati introdotti ad hoc.

Conclusa questa breve ma indispensabile premessa, si rende ora necessario esaminare con attenzione i due provvedimenti cautelari da me personalmente definiti come i reali ‘protagonisti' della tutela concessa dall'ordinamento alla vittima debole.
Preliminarmente, come osservato dall'autore Francesco Zacchè, vi è da rilevare che nei casi in cui la custodia cautelare si rivelasse una misura eccessivamente afflittiva, o l'illecito contestato non rientrasse nei limiti di pena di cui all'art. 280, comma 2, c.p.p., gli strumenti idonei a contrastare la violenza perpetrata nei confronti di soggetti vulnerabili sono appunto l'allontanamento dalla casa familiare ed il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tutela della vittima debole e sistema cautelare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Ornaghi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Stefano Marcolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
diritto comunitario
misure cautelari
braccialetto elettronico
c.p.p.
vittima debole
sistema cautelare
282-bis
282-ter
vittima particolarmente vulnerabile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi