Skip to content

Nuances de jalousie: evoluzione di un sentimento che può condurre al femminicidio

L'attuale situazione dei femminicidi in Italia

Attualmente in Italia, per quel che riguarda i femminicidi, vi è una certa difficoltà nel reperire i dati, poiché essi non vengono raccolti dalle Istituzioni ma dai centri antiviolenza che però non si distribuiscono equamente sul territorio italiano, sebbene negli ultimi decenni anche l’Istat (Istituto Nazionale di Statistica) si stia impegnando ad inquadrare un fenomeno ancora in gran parte sommerso.

Ciò che emerge è che circa il 70% delle donne sia stato ucciso, negli anni passati, da uomini con cui le stesse avrebbero avuto una relazione amorosa o da individui che già in precedenza avrebbero avuto rapporti con le vittime. Nella maggior parte dei casi, l’omicidio sarebbe avvenuto al termine della suddetta relazione e al culmine di una serie di litigi e di situazioni di violenza.

Inoltre, gli ultimi dati registrati e risalenti al 2017 affermano che: «Le donne vittime di omicidio volontario nell’anno 2017 in Italia sono state 123, lo 0,40 per 100.000 donne» (Istat, Omicidi di donne, 2019).
Considerando invece le violenze fisiche e/o sessuali, ciò che appare è che avverrebbero sia all’interno sia all’esterno dal nucleo familiare colpendo il 31,5% delle donne, sia italiane che straniere, tra i 25 e i 44 anni, mediamente istruite e solitamente reduci da una separazione o un divorzio.

Le vittime si ritrovano sovente anche a dover subire forme di violenza psicologica ed economica, soprattutto quando intrappolate in una relazione dannosa caratterizzata da vessazioni e mortificazioni, intimidazioni e controlli di tipo economico e monetario.
Inoltre, è necessario sottolineare come questi atti di violenza abbiano delle conseguenze a breve e a lungo termine nella vita delle vittime, poiché mirano a colpire la loro quotidianità. Infatti, riguardo alle violenze di tipo fisico, il 37,6% delle donne ha riportato lividi o ferite visibili e, per timore e vergogna, è stato costretto a rimanere in casa assentandosi dal posto di lavoro e/o a coprirle con il trucco per evitare che figli, parenti, colleghi di lavoro o vicini di casa le notassero, a maggior ragione nel caso in cui il carnefice fosse il marito o il compagno. Questo poiché nel 90% dei casi la vittima ha paura del proprio aggressore e teme, non soltanto per la propria incolumità, ma anche per quella dei propri figli.

Per uscire dalla spirale di violenza è importante sviluppare una forte consapevolezza del fenomeno del femminicidio e, più di ogni altra cosa, comprendere che oggi in Italia esistono gli strumenti per farsi aiutare, benché dai dati emerga come la gran parte delle donne non soltanto non sappia dove cercare aiuto, ma teme anche di non essere presa sul serio dalle forze dell’ordine. Per questo è in atto una forte campagna di sensibilizzazione, per spingere le donne a denunciare i propri maltrattanti, contrariamente a ciò che è accaduto negli ultimi anni nel nostro Paese, dove soltanto il 12,5% delle vittime ha avuto il coraggio di sporgere denuncia. Inoltre «molte donne non considerano la violenza subita un reato, solo il 35,4% di coloro che hanno subìto violenza fisica o sessuale dal partner ritiene di essere stata vittima di un reato, il 44% sostiene che si è trattato di qualcosa di sbagliato ma non di un reato, mentre il 19,4% considera la violenza solo qualcosa che è accaduto. Similmente sono giudicate un reato il 33,3% delle violenze commesse da altri uomini, qualcosa di sbagliato il 47,9% e solo qualcosa che è accaduto il 17,3%. È importante quindi in tal senso far crescere la consapevolezza femminile rispetto a quanto subito.» [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nuances de jalousie: evoluzione di un sentimento che può condurre al femminicidio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Meggie Arianna Rota
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Scuola Superiore per Mediatori Linguistici - CIELS
  Facoltà: Scienze della Mediazione Linguistica per la Sicurezza e Difesa Sociale
  Corso: Scienze della Mediazione Linguistica
  Relatore: Giorgia Stocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura
gelosia
lingua francese
femminicidio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi