Skip to content

Geopolitica dell'Islam nel Caucaso Settentrionale

L'esperimento afgano

L'Afghanistan ricopre un ruolo strategico fondamentale sulla scena internazionale, come evidenziato dalla teoria dell'Heartland di Mackinder che sottolinea la centralità del paese asiatico quale hub logistico e punto di interconnessione. Per la sua importanza geopolitica nei secoli passati le potenze straniere hanno tentato di conquistare e controllare il territorio afgano affrontando l'opposizione della popolazione locale e creando rivalità con attori regionali e internazionali. Il Paese è stato il teatro delle tensioni geopolitiche che hanno percorso tutta la regione per decenni. Molte cose sono cambiate nel corso degli anni, con alleanze rovesciate e ristabilite e Kabul che rimaneva al centro. Oggi più che mai la situazione dimostra che nuovi conflitti potrebbero essere alle porte, con il rischio di vedere il Paese trasformato in una nuova, sanguinosa guerra per procura come quelle in Siria e Yemen. Il tutto all'ombra dei rivali di sempre: Teheran e Riad. Quest'ultima ha esercitato un peso preponderante nelle vicende afgane a partire in modo particolare dalla fine dell'invasione sovietica nel 1989: da questo punto di vista, il ritiro delle truppe inviate da Mosca coincise con l'esercizio di un'inarrestabile egemonia da parte dell'Arabia Saudita, che però non si limitò a indirizzare le scelte strategiche della Nazione, ma perpetuò la stessa politica di penetrazione religiosa già attuata con successo in diversi Paesi del mondo; pertanto, oltre a sovvenzionare lo Stato afgano, i Sauditi iniziarono, com'era prevedibile, anche la costruzione delle scuole coraniche che condussero alla formazione di quella categoria sociale oggi nota come i Talebani di cui in breve tempo divennero strenui sostenitori ed alleati. L'alleanza fra Talebani e Sauditi, in particolare, andava oltre l'aspetto meramente geopolitico: si riteneva che i Talebani, mediante l'imposizione coercitiva delle loro prescrizioni religiose, avessero gradualmente realizzato una sorta di società che occorreva replicare in tutto il mondo musulmano e non solo; quindi, il divieto di bere alcool, di ascoltare musica, di indulgere in una qualunque forma di intrattenimento unitamente alle rigide prescrizioni previste nei confronti delle donne, da un lato, ponevano le premesse per poter stipulare una vasta alleanza strategica con l'Afghanistan, dall'altro, apparivano agli occhi dei Sauditi come l'esemplificazione auspicabile della realtà musulmana.
Com'è intuibile, le ripercussioni legate alla scelta di calare la società afgana in una vera e propria dimensione medievale non tardarono a mostrare i propri effetti, dato che lo Stato centroasiatico assurse ben presto al rango di rifugio per antonomasia della quasi interezza del panorama terroristico islamico, così da favorire l'accoglienza dei gruppi jihadisti più disparati: fra questi, com'è tragicamente noto, trovò riparo in Afghanistan anche Al Quaeda, ossia l'organizzazione capeggiata da Osama bin Laden protagonista degli attacchi dell'11 settembre 2001 a New York e a Washington; dunque, queste scelte hanno poi travolto l'Afghanistan. Tuttavia, a dispetto degli enormi sforzi profusi dalla comunità internazionale e, in primis, dagli Usa, gli studenti delle scuole coraniche esercitano a tutt'oggi un peso preponderante negli eventi relativi a quest'area del mondo, laddove i Talebani hanno espresso una notevole malleabilità che ha consentito loro la sopravvivenza anche in seguito all'invasione del Paese avallata dall'ONU e all'occupazione territoriale protratta fino ai giorni nostri della quale peraltro non si intravede ancora la conclusione, ammesso ma non concesso che essa possa realmente terminare: i progressi politici e sociali assicurati dall'arrivo delle truppe straniere, alla fine, hanno interessato quasi esclusivamente la capitale Kabul e quelle poche altre zone della Nazione in cui potesse essere garantita l'incolumità della popolazione, mentre nel resto del territorio afgano la situazione non è mai veramente cambiata sotto nessun punto di vista; malgrado la possibilità concessa alle bambine e alle donne di frequentare la scuola e di avere un'istruzione, soltanto un'esigua minoranza fra loro ha potuto trarre giovamento dal nuovo corso politico del Paese e numerosi sono stati gli omicidi e le aggressioni verso quelle donne che osavano infrangere i divieti decennali ormai ben conosciuti in Afghanistan. Per quanto attiene le considerazioni riguardanti l'ambito politico e economico, non è possibile menzionare mutamenti significativi della situazione nell'ultimo trentennio: la quasi totalità della popolazione vive in condizioni di estrema povertà, è negato l'accesso ai beni di prima necessità e l'assistenza medico-ospedaliera è assolutamente insufficiente; comunque, il dato davvero drammatico consiste forse nella sfiducia espressa dagli afgani verso il futuro e ancor più nei confronti della comunità internazionale da cui si è sentita tradita. La grave arretratezza economica ha condotto il Paese ad una serie di disastri consequenziali, sebbene sia impresa ardua riuscire a distinguere cause economiche da ragioni prettamente politiche e geopolitiche, allorquando la matassa della realtà afgana si confonde in un intreccio apparentemente inestricabile. […]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Geopolitica dell'Islam nel Caucaso Settentrionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Marini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in geopolitica e sicurezza globale
Anno: 2020
Docente/Relatore: Stefano Valente
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Coautore: D’ADDIO Antonio, FARINA Giuseppe, GNETTI Andrea, SEGARRA Marcos Augusto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geopolitica
russia
islam
estremismo
sufismo
cecenia
caucaso settentrionale
daghestan
wahhabismo
transcaucasia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi