Skip to content

Geopolitica dell'Islam nel Caucaso Settentrionale

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Marini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in geopolitica e sicurezza globale
Anno: 2020
Docente/Relatore: Stefano Valente
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Coautore: D’ADDIO Antonio, FARINA Giuseppe, GNETTI Andrea, SEGARRA Marcos Augusto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Una tesi divisa in cinque parti sul peso geopolitico dell'Islam nel Caucaso Settentrionale.

Una tesi scritta da Antonio d'Addio, Giuseppe Farina, Andrea Gnetti, Alessio Marini e Marcos Augusto Segarra

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Marini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II livello in geopolitica e sicurezza globale
Anno: 2020
Docente/Relatore: Stefano Valente
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Coautore: D’ADDIO Antonio, FARINA Giuseppe, GNETTI Andrea, SEGARRA Marcos Augusto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. La terra delle montagne e delle lingue La regione del Caucaso, posta a cavallo tra Asia ed Europa, ha una superficie di 450.000 km 2 ca. A est e a ovest è bagnata rispettivamente dal Mar Caspio e dal Mar Nero mentre a nord e a sud è attraversata dalle imponenti catene del Grande Caucaso e del Piccolo Caucaso che ne delimitano i confini con la grande steppa euroasiatica e gli altopiani anatolico e iranico (Fig. 1). Con i suoi 1.200 km ca. di lunghezza lungo la direttrice NO-SE, il Grande Caucaso si estende dalla penisola di Taman', tra il Mar d'Azov e il Mar Nero, alla penisola di Apšeron, nel Mar Caspio. Collinare alle due estremità, presenta cime altissime nella parte centrale, dove troneggiano montagne come il Kazbek (5.047), il Koshtan-Tau (5.151 m), lo Shjara (5.201 m), il Dych-Tau (5.201 m) e l'Elbrus (5.642) (Fig. 2). Il Grande Caucaso è formato da un complesso sistema di dorsali parallele che formano vallate situate a grande altitudine; è in queste valli, isolate e inaccessibili per buona parte dell'anno, che si è sviluppata quella “civiltà dell'aul” che ha tanto caratterizzato la storia di questa terra. Per chi giunge dalla grande steppa eurasiatica o dal Mar Nero, il Grande Caucaso appare come un'insormontabile bastione ricoperto di nevi e ghiacciai perenni su cui troneggiano maestose vette dalle forme piramidali. Molto meno lungo e imponente è invece il Piccolo Caucaso che si estende per 600 km ca. in direzione NO-SE per poi scivolare verso sud negli altopiani anatolico e iranico. Il Monte Aragats (4.094 m) e il Grande Ararat (5.137 m) sono le due vette più alte. Tra le due catene si estende un territorio pianeggiante e collinare solcato da grandi fiumi come il Rioni e il Kuma. Il Caucaso presenta al suo interno importanti differenze climatiche e paesaggistiche tra il nord e il sud e tra l'est e l'ovest. La parte settentrionale è più fredda e nevosa di quella meridionale che invece risente degli influssi climatici del Vicino Oriente mentre la parte occidentale è più umida e boscosa di quella orientale molto più arida e stepposa. Nonostante una morfologia complessa e tormentata che ostacola sia i collegamenti interni che esterni alla regione le vicende storiche del Caucaso sono strettamente connesse a quelle della grande steppa euroasiatica e del Vicino Oriente. Per chi scende da nord ieri come oggi sono due i punti più favorevoli all'attraversamento del Grande Caucaso; il primo si trova alla sua estremità orientale nella sottile lingua di terra pianeggiante posta a ridosso del Caspio. Qui sorge l'antica città di Derbent (dal persiano Darband “Porta Sbarrata”) sormontata dall'imponente cittadella fortificata di Naryn-Kala costruita nel VI sec. d.C. dai Sasanidi a difesa delle incursioni delle popolazioni nomadi del nord. L'altro punto di transito è il Passo Darjal (dal persiano “Porta degli Alani”), posizionato quasi al centro del Grande Caucaso, al confine tra la Repubblica dell'Ossezia del Nord-Alania e la regione georgiana del Mtskheta- Mtianeti. Il Passo Darjal può essere considerato il confine naturale tra la parte occidentale e quella orientale della Ciscaucasia (o Caucaso del Nord); una delle due aree assieme alla Transcaucasia (o Caucaso del Sud) in cui si è soliti dividere il Caucaso. Pur rappresentando un sistema unitario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geopolitica
russia
islam
estremismo
sufismo
cecenia
caucaso settentrionale
daghestan
wahhabismo
transcaucasia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi