Skip to content

Glorifica me Domine. Studio sulla gloria in Blaise Pascal

L'impegno ascetico

Pascal si rende conto che per realizzarsi come uomo e come cristiano deve conoscere se stesso. Questo è l'impegno peculiare della filosofia e non a caso lo pone come fondamento della sua apologia della religione cristiana; per dimostrare che l'uomo necessita di Dio per raggiungere la sua più autentica grandezza, Pascal deve prima far vedere che cos'è l'uomo: “Bisogna conoscere se stessi. E anche se questo non servisse a trovare la verità, servirebbe almeno a regolare la propria vita; e non c'è niente di più giusto” (66). Conoscere se stessi è un'operazione alla portata di tutti, purché qualcuno voglia veramente ascoltarsi e soprattutto accettare tutta la miseria che vi è in lui. L'impegno della conoscenza di sé infatti è di ordine morale prima ancora che speculativo, e se appare speculativo lo è per non scoraggiare quanti nemmeno si cimenterebbero se sapessero che ciò implica uno sforzo di trasformazione interiore. Non che si pensi che occorre necessariamente cambiare se stessi; sarebbe un errore pensare di poter mutare la propria essenza. Si tratta invece di migliorarla, di ammettere umilmente che si è pieni di miseria e debolezze così da potersene liberare, un poco per volta, se si decide di averne la forza. “Se non si riconosce di essere pieni di superba ambizione, di concupiscenza, di debolezza, di miseria e di ingiustizia si è ben ciechi. E se conoscendolo non si desidera di esserne liberati che cosa si può dire di un uomo?” (450). Tuttavia come abbiamo visto l'uomo da solo non sarebbe in grado di conoscere appieno il suo stato di decadenza e tanto meno di elevarsi sopra di esso, se non fosse aiutato da Dio. “Che altro se non stima si può provare per una religione che conosce così bene i difetti dell'uomo? E che altro se non desiderio per la verità di una religione che promette rimedi così desiderabili?” (Ibid.). I rimedi per frenare la concupiscenza che intende Pascal sono i rimedi classici della religione cristiana, a partire dalla preghiera fatta con la fiducia di venir esauditi, e qualche sacrificio come il digiuno che serve ad aver più controllo sulle pulsioni corporali in modo da aumentare la propria resistenza alle passioni.
Pascal durante gli ultimi anni della sua vita si sottoponeva anche a tormenti fisici per annichilire in lui qualsiasi forma di amor proprio. Gilberte narra che egli aveva l'abitudine di indossare un cilicio quando si intratteneva con coloro che venivano a chiedergli consiglio, dimodoché il dolore gli impedisse di rimanere rapito dal piacere della conversazione e di cadere nell'autoesaltazione per l'arguzia e la scioltezza dei suoi discorsi. “Così fece. E quando sorgeva in lui lo spirito di vanità oppure si sentiva preso dal piacere della conversazione, si dava delle gomitate per raddoppiare la violenza delle punture e ricordarsi il proprio dovere”. I suoi interlocutori se ne andavano sempre con la sensazione di aver appreso qualcosa di nuovo, mentre a Blaise restava la soddisfazione di non essere incappato nella tentazione dell'orgoglio.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Glorifica me Domine. Studio sulla gloria in Blaise Pascal

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Brochetta
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze filosofiche
  Relatore: Isabella Adinolfi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

grazia
grace
gloria
glory
fama
pascal
ambizione
grandezza
gloire
grandeur

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi