Skip to content

L'uomo è ciò che mangia

L'invenzione del biologico: croce e delizia

Solo vent'anni fa, chi cominciava a parlare di coltivazione biologica doveva aspettarsi imbarazzate risatine da parte dei propri interlocutori, oppure serie apprensioni per il proprio stato di equilibrio psichico.

Oggi invece sostanziosi finanziamenti comunitari incentivano gli agricoltori a procedere alla conversione dal metodo convenzionale a quello biologico. Lo strano fenomeno che sta animando gli ultimi decenni intorno al cibo e al suo consumo dimostra che un'inversione rispetto alla produzione alimentare di fatto è già avvenuta. Tra i network di maggiore successo al mondo quelli che si occupano di cibo vantano le prime posizioni; diversi campi del sapere trattano l'argomento non senza puntualizzare quanto la materia abbia subito in passato un ingiustificato declassamento. Non si contano nel mondo corsi di studi, universitari e non, che formano studenti in scienze culinarie senza parlare di eventi che intorno al cibo tessono la loro ragione d'essere.

Tra i migliori modi di diffondere l'idea di un'alimentazione di qualità, il comparto del biologico è forse quello che maggiormente ha centrato l'obiettivo. La produzione in regime biologico si presentò subito come la contro-­‐riforma della produzione intensiva. E nonostante Carlo Petrini sostenga che «la realtà è complessa e soprattutto non etichettabile», è proprio grazie alla sua etichettabilità – ovvero all'osservanza della normativa europea vigente in materia (Reg. CE n. 834/07) – che la produzione si è ritagliata una considerevole fetta di mercato. La bandierina stellata in campo verde – in Europa – è il marchio distintivo del mangiare bene, oggi più di ieri. Il consumatore si sente rassicurato e anche davanti a vistose contraddizioni “acquista il bollino”. Dall'altro lato il produttore riesce a farsi sempre più spazio in un mercato “sensibilizzato” al marchio e prima ancora di vendere il suo prodotto vende la propria certificazione. Nell'immaginario del consumatore medio, oggi la lavagna è ancora una volta divisa in due: da una parte i cattivi, il convenzionale, e dall'altra i buoni, il biologico.

Da un lato questa semplificazione ha permesso di accrescere la consapevolezza di ciò che mangiamo, dall'altro però è opportuno ancora una volta non considerarlo un punto d'arrivo ma un processo non proprio compiuto. L'errore che oggi si fa, a mio parere, è di credere troppo seriamente al “gioco”. Nel senso che non c'è un solo aspetto della realtà, oppure come dice Lévi-­‐Strauss, una sola idea di progresso. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'uomo è ciò che mangia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Monti
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Cultura e comunicazione del gusto
Anno: 2011
Docente/Relatore: Gianfranco Marrone
Istituito da: Università degli Studi di Palermo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cibo, slow food, industria alimentare,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi