Skip to content

L'ultimo degli esistenzialisti - Ingmar Bergman e le filosofie del dubbio

L'ultima fase: Ingmar Bergman romanziere della memoria

Dopo il suo ultimo film girato in Germania dal titolo Aus dem leben der marionetten (Una vita di marionette), Bergman stava per dare l'addio al grande schermo ma ciò non sarebbe successo se non in grande stile, producendo un'opera monumentale, summa dell'opus bergmaniano e di tutti i temi che più lo avevano visto impegnato nel corso di quasi quattro decadi: Fanny och alexander.
Il film è l'affresco alla Dickens di una nobile e prosperosa famiglia svedese di inizio ventesimo secolo, intessuta di numerosissimi riferimenti autobiografici dell'infanzia del regista svedese. Il racconto del proprio passato, l'esercizio di scrittura come strumento grazie al quale è possibile rivivere i ricordi dell'infanzia amalgamandoli e confondendoli con fatti reali, presunti tali o eventi frutto della fantasia, il passaggio dal sogno alla veglia e dalla veglia ad altre forme di realtà in cui i morti non sono più tali e i vivi rassomigliano a fantasmi erranti caratterizzerà l'ultima fase creativa di Bergman, già ravvisata nel film dell'addio.
Nonostante ciò Bergman non smetterà mai di realizzare opere cinematografiche per la televisione e l'amore per il teatro, il palcoscenico e gli attori gli permetteranno di mettere in scena numerosi drammi, sia suoi sia per conto di terzi. Nel 1981 sarà l'anno del progetto teatrale più ambizioso di sempre, la trilogia composta da Casa di Bambola di Ibsen (Nora nella versione tedesca curata da Bergman), La signorina Julie di Strindberg e l'adattamento teatrale di Scener ur ett äktenskap.
La prima assoluta si tenne al Residentztheater di Monaco il 31 aprile del 1981 durante l'esilio autoimposto dal regista e il lavoro passò alla storia come il "Bergman's Project". Nora/Julia/Marianne; tre eroine in lotta contro l'opprimente identità di classe borghese, maschilista e classista, desiderose altresì di conquistare una libertà autonoma (ma non attraverso la via del suicidio come nell'Hedda Gabler di Ibsen curata da Bergman e messa in scena nel 1979 sempre a Monaco) rinunciando al vetusto canovaccio dei ruoli di mogli.
Solo due anni dopo dal suo presunto congedo dirigerà il parapsicologico Efter repetitionen, opera che esplora il ruolo del drammaturgo, il suo rapporto con gli attori e le fondamenta dell'attività creativa. Per Bergman, affinché si riveli la potenza dell'illusione teatrale, è necessario che il pubblico partecipi attivamente alla performance dell'attore vedendo in esso il personaggio a cui presta il suo corpo e la sua voce. Da una parte vi è l'essere umano in carne e ossa e dall'altra quell'entità che si manifesta solo a condizione che lo spettatore decida di farsi suggestionare dal testo portato in scena. La de-materializzazione dello scenario e il rifiuto del naturalismo è forse l'elemento più proprio dell'arte teatrale di Bergman e di cui il Vogler di Efter repetitionen si fa portavoce. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'ultimo degli esistenzialisti - Ingmar Bergman e le filosofie del dubbio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Antoniello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Enrico  Giannetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immanuel kant
dio
ingmar bergman
inautenticità
empirismo logico
eino kaila
ångest
neorealismo filosofico
lagerkvist
filosofia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi